Tag: vulcanologia

In Abruzzo l’80% dei comuni in area ad alto rischio sismico: dai cataloghi alla Mappa della pericolosità

Sta monitorando l’area dell’Aquila e Sulmona la geologa Tania Campea in queste ore all’opera in valle Peligna perché le scosse, di Magnitudo superiore a 5, ieri hanno ribaltato i risultati dei monitoraggi sugli edifici. Il lavoro fatto andrà rivisto completamente alla luce delle nuove e forti scosse, spiega il tecnico che è anche una esperta guida ambientale: “In Abruzzo ben l’80% dei comuni è in aree a sismicità alta. Le scosse registrate ieri nella provincia dell’Aquila tra Montereale, Pizzoli, Capitignano, Campotosto e Cagnano Amiterno sono localizzate a Sud del sistema attivato dall’agosto 2016 (sistemi di faglie capaci Campotosto-Amatrice – M. Gorzano) e dall’ottobre 2016 (sistemi di faglie capaci Norcia-Preci e M. Vettore – M. Bove)” .

Continue reading “In Abruzzo l’80% dei comuni in area ad alto rischio sismico: dai cataloghi alla Mappa della pericolosità”

Il respiro della valle Peligna visto dai satelliti: spiano le faglie di Maiella e Morrone

Dall’alto e non con un drone deve essere davvero emozionante osservare il respiro della valle Peligna. Mappare gli spostamenti del suolo nella terra d’Abruzzi servono proprio a questo i 2 satelliti del programma spaziale Copernicus (Sentinel), sono le sentinelle messe in orbita dall’Agenzia spaziale europea che monitorano l’entroterra e in particolar modo le faglie del monte Morrone e della montagna madre, la Maiella.

Aggiornamento

Continue reading “Il respiro della valle Peligna visto dai satelliti: spiano le faglie di Maiella e Morrone”

Festa universitaria a Chieti. Non sapevano di distruggere le antenne del laboratorio. Stoppa: “Facciamo conoscere a tutti la scienza”

Campus via vestini Chieti università Report-age.com 2015
Le apparecchiature registrano il momento dell’attacco al centro studi

Chieti. Non sapevano cosa distruggevano quando, in piena notte nel Campus, hanno preso di mira le antenne, le apparecchiature del Laboratorio di analisi elettro-magneto-tellurica, mandando in tilt la stazione di rilevamento che è parte di una rete mondiale di misurazioni sismiche. Trenta minuti di buio mentale, non sapevano che all’Università ci fossero attrezzature del genere e a questo punto il responsabile del nodo, quello di Chieti scalo che registra i segnali preparatori del terremoti per capire se si possono prevedere, non può che scrivere una lettera aperta al direttore del DiSPUTer, Professor Rino Stuppia  chiedendo al Dipartimento di scienze psicologiche della salute e del territorio, a parte il giusto sostegno per portare avanti la ricerca del centro, ma soprattutto di coinvolgere i cittadini e di divulgare la Scienza. Sarà necessario avvicinare il linguaggio degli scienziati a quello della gente per comunicare e incuriosire sui risultati delle ricerche e sugli studi che possono sembrare incomprensibili, forse fantascientifici e improbabili, ma che consentono oggi di fare un passo avanti perché nel centro del Campus si elaborano dati, elementi, situazioni ed eventi per prevedere eventi sismici, in pochi però lo sanno. Dopo la devastazione di sabato notte, per 2 settimane, il centro purtroppo sarà inservibile.

Cos’è il Laboratorio elettro-magneto-tellurica   Continue reading “Festa universitaria a Chieti. Non sapevano di distruggere le antenne del laboratorio. Stoppa: “Facciamo conoscere a tutti la scienza””