Tag: voti

Di Giandomenico (Italica) sulla “nuova” Giunta Casini

Sulmona (Aq). “La giunta di salute pubblica appena formata dalla sindaca Annamaria Casini non risponde alla volontà popolare, disattende le aspettative di migliaia di cittadini che, a giugno 2016, scelsero con Casini di dare un taglio al passato, in una cruenta campagna elettorale tempestata di accuse e querele che i 2 candidati, alla carica di sindaco, si scambiarono maldestramente anche al ballottaggio” così Alberto Di Giandomenico, coordinatore del Movimento politico Italica identità e territorio, interviene sul nuovo esecutivo comunale definito appena ieri dalla prima cittadina di Sulmona. Continue reading “Di Giandomenico (Italica) sulla “nuova” Giunta Casini”

Altri 10 giorni ai cacciatori, saldi di fine legislatura

La Regione Abruzzo non si smentisce e con i saldi di fine legislatura regala altri 10 giorni ai cacciatori per andare in giro a sparare al colombaccio, prolungando il periodo di caccia alla specie – già molto lungo – fino al 10 febbraio.

Continue reading “Altri 10 giorni ai cacciatori, saldi di fine legislatura”

Procedimento Di Nino il pm Bellelli chiede 9 anni, a breve la sentenza

Sulmona (Aq). Oggi stesso potrebbe essere pronunciata la sentenza del procedimento Di Nino, un processo che stava per essere liquidato con una sentenza di non luogo a procedere, ma è stato recuperato e sviluppato nel corso di più di un anno di udienze. I fratelli della ditta di autotrasporti di Pratola Peligna, nell’aquilano, sono accusati di aver costretto i dipendenti ad accettare, dietro minaccia di licenziamento o riduzione delle ore di lavoro, stipendi più bassi e turni massacranti.

Aggiornamento

Continue reading “Procedimento Di Nino il pm Bellelli chiede 9 anni, a breve la sentenza”

Liste elettorali Poliziotti, Nardella (Uil): “Cambiare la Legge 121/1981”

Sulmona (Aq). “Molte sono state, cosi come accade da diversi anni a questa parte, le critiche e spesso le offese avanzate anche quest’anno nei confronti dei poliziotti candidati alle elezioni – scrive in una nota Mauro Nardella, Segretario generale territoriale Uil PA Polizia Penitenziaria – Dobbiamo comunque dire che in diverse circostanze tali critiche, come nel caso del sindaco di Civitella Alfedena, rasentano il reato di diffamazione”.

Continue reading “Liste elettorali Poliziotti, Nardella (Uil): “Cambiare la Legge 121/1981””

Processo Di Nino: tra minacce di licenziamento e riduzione del lavoro. Le testimonianze degli ex dipendenti

Sulmona (Aq). I fratelli della ditta di autotrasporti di Pratola Peligna sono accusati di aver costretto i dipendenti ad accettare, dietro minaccia di licenziamento o riduzione delle ore di lavoro, stipendi più bassi e turni massacranti. Devono difendersi dalle accuse di estorsione continuata, rimozione dolosa dei dispositivi di prevenzione infortuni sul lavoro (cronotachigrafi) e attentato ai diritti politici del cittadino. Davanti al giudice, Giovanna Bilò, parlano gli ex dipendenti dell’azienda Di Nino.

Aggiornamento

Continue reading “Processo Di Nino: tra minacce di licenziamento e riduzione del lavoro. Le testimonianze degli ex dipendenti”

Zero voti per 37 agenti del carcere di Sulmona candidati alle Amministrative

Non è un terno al lotto, ma quasi. Ha ottenuto 111 voti il basco blu candidato a Tocco da Casauria (Pe), 56 voti l’agente della lista elettorale a Prezza (Aq) mentre a Cocullo (Aq) un candidato poliziotto ha ottenuto 8 voti. Tutti di stanza nel carcere di alta sicurezza di Sulmona, arruolati nel Corpo della Polizia penitenziaria, così come gli altri 37 agenti che hanno racimolato, assieme, nientepopodimeno che zero voti. 

Aggiornamento

Continue reading “Zero voti per 37 agenti del carcere di Sulmona candidati alle Amministrative”

Illustrissimo arrestato per un reato inflazionato

Dunque, suggerirei di riformare il codice penale, ancora, come un tempo gli stipendi con la scala mobile per adeguare i salari alla svalutazione monetaria, è indispensabile. Il termine che andava di moda allora era inflazione e oggi dovremmo applicarlo agli arresti per corruzione. L’Italia è così corrotta che ormai non serve a niente arrestare e se poi non si ruba abbastanza allora le manette sono viste come una vera e propria ingiustizia.

Continue reading “Illustrissimo arrestato per un reato inflazionato”