Tag: ulivi

Marsica si parte: Il Cammino dell’Accoglienza

Dal 31 maggio al 2 giugno in marcia per la VI edizione del Cammino dell’accoglienza, da Balsorano ad Avezzano, Luco dei Marsi e nella valle Roveto passando per monte Salviano nei luoghi simbolo della Resistenza. Continua a leggere “Marsica si parte: Il Cammino dell’Accoglienza”

Tap Puglia: sequestrato cantiere per violazione prescrizione Via

Per violazione della prescrizione contenute nella Valutazione di impatto ambientale (Via), la Procura di Lecce ha sottoposto a sequestro probatorio il nuovo cantiere Tap (chiamato cluster 5) da dove sono stati appena espiantati 448 ulivi per consentire la costruzione del microtunnel del gasdotto. Il sequestro è stato eseguito dai carabinieri del Noe e Forestali che hanno svolto accertamenti sulla base di esposto presentato nei giorni scorsi da alcuni parlamentari (fonte Ansa). Al Trans adriatic pipeline è legato il metanodotto Rete adriatica, le condotte poi attraversano il Molise e in Abruzzo la centrale di spinta che la Snam sta per costruire a Sulmona, Case Pente, sarà realizzata in un’area a rischio sismico 1 e ai piedi del vallone Satanasso così denominato non per puro caso. Se si aggiunge il mancato cambio d’aria nella valle e il fenomeno dell’inversione termica, la comunità Peligna è condannata all’inferno. Sono opere progettate contro la volontà della popolazione che le subisce per cui è stata organizzata e si è svolta la manifestazione No hub del gas il 21 aprile nella città dei confetti presto città del gas.

.

Tra le Città dell’Olio anche Bugnara e Raiano e domenica Camminata tra gli ulivi

Anche Bugnara e Raiano sono città dell’Olio con Atri, Bucchianico, Casoli, Città Sant’Angelo, Controguerra, Fossacesia, Montefino, Moscufo, Pianella, Rapino, Sant’Omero e Tocco da Casauria e così domenica tra abbazie, conventi e borghi medievali lo spettacolo degli ulivi è assicurato dagli itinerari della Camminata tra gli olivi, prima giornata nazionale promossa dall’associazione Città dell’olio per valorizzare il territorio e le produzioni olivicole.

Continua a leggere “Tra le Città dell’Olio anche Bugnara e Raiano e domenica Camminata tra gli ulivi”

La verità vi prego sulla Tap. La Puglia difende molto più degli ulivi. Emiliano niente Gassate!

Metanodotto esploso il 3.6.15

Infrastrutture della disonestà addosso ai cittadini di buona volontà in lotta contro le multinazionali che costringono l’ambiente nell’imbuto delle opere strategiche. Attorno a questo secolo buio, inquinato dai padroni, vorticano interessi tali da sommergere il ghiaccio dell’Antartide con tanto oro nero da imbrunire il Polo Sud intero. La Puglia è in rivolta, ma non difende solo gli alberi, in gioco c’è molto di più!

Continua a leggere “La verità vi prego sulla Tap. La Puglia difende molto più degli ulivi. Emiliano niente Gassate!”

Shoah degli ulivi: la Xylella macchinazione delle lobb

Aggiornamento 7.7.2015  Ad Oria, località della provincia di Brindisi di circa 15 mila abitanti, gli affiliati stanno tagliando 47 alberi di ulivo.  A vigilare sulle motoseghe in azione prima un centinaio tra poliziotti e carabinieri, poi 300 alcuni in tenuta antisommossa, agenti della Forestale e della Finanza tra le campagne di contrada Frascata dove, dalle ore 4, si tagliano le piante della pace che sarebbero colpite e contagiate dalla Xilella, un batterio innocuo promosso a batterio killer in nome del dio dei pesticidi e delle seghe mentaliSi presidiano persino le strade di collegamento all’area di campagna per impedire che ambientalisti e giornalisti si avvicinino al luogo del delitto, come accadde lo scorso 15 aprile quando gli attivisti fermarono la prima fase della bonifica, tristemente nota come eradicazione degli ulivi, allira ne furino tagluati . Oggi in media sono 4 operatori delle forze dell’ordine a guardia di ogni albero da terminare, manco fosse la sacra corona unita! Al ricorso dei 25 Comuni del Leccese, si aggiungerà quello delle amministrazioni del Brindisino, tra Francavilla Fontana e Oria, s ‘impugnarà il provvedimento di eradicazione al Tribunale amministrativo regionale del Lazio, suggerito dalla nuova misura europea che prevede l’abbattimento di tutte le piante, anche sane, nel raggio di 100 metri dalle infette, vuoto cosmico per ogni albero ‘singolarmente’ infetto. (Fonte)

Gli ulivi salentini stanno bene lo dicono fonti autorevoli: “Si dà il caso che le indicazioni molecolari acquisite a Bari forniscano buoni motivi per ritenere che il ceppo salentino di Xylella fastidiosa appartenga ad una sottospecie (o genotipo) che non infetta né la vite né gli agrumi, e che esperienze statunitensi (California) indicano come dotato di scarsa patogenicità per l’olivo” così è scritto in un articolo pubblicato il 30 ottobre 2013 sul sito della Accademia dei Georgofili.

Foto di copertinaBiagio Magliani Cultura salentina

Continua a leggere “Shoah degli ulivi: la Xylella macchinazione delle lobb”

Ancora intimidazioni all’ambientalista Natale, sconosciuti i responsabili

Andrea Natale campo degli ulivi tagliati Report-age.com 2014Torino di Sangro (Ch). Sei piante di ulivo avevano ripreso vita delle 29 piante tagliate sul terreno di proprietà della famiglia Natale. Mozzate lo scorso dicembre come atto intimidatorio, come minaccia rivolta ad un ragazzo di 37 anni dall’immane valore umano che si impegna quotidianamente per l’ambiente e per la costituzione del Parco della costa teatina, un giovane che dalla trincea combatte a sostegno dei grandi ideali che vanno scomparendo. Una volta nata, l’area protetta frenerà di certo gli appetiti e le ambizioni di qualcuno. Lo scorso inverno, il taglio dei 29 ulivi scosse l’intera comunità, opera di qualcuno che sicuramente non gradiva e non gradisce ancora l’attività dell’allora assessore (eletto nella lista di Rifondazione comunista) di Fossacesia Andrea Rosario Natale, oggi direttore della Riserva naturale regionale Lecceta di Torino di Sangro. Lui è in prima linea per dare corpo al Parco della Costa Teatina e da maggio Natale non è più assessore. Dicevamo, 6 di dei 29 alberi tagliati, probabilmente durante la notte tra il 15 (domenica) e il 16 dicembre,  avevano ripreso vita, ma ieri il giovane ambientalista si è accorto che sono stati tutti e 6 bruciati.   Continua a leggere “Ancora intimidazioni all’ambientalista Natale, sconosciuti i responsabili”