Tag: tossici

‘Giornate micologiche’ per saperne di più su funghi tossici, velenosi e commestibili

Rocca di Mezzo (Aq). L’Arta Abruzzo e il Parco regionale Sirente-Velino organizzano sabato e domenica 9 giugno, 2 Giornate micologiche e lichenologiche patrocinate dalla Regione, dall’Istituto superiore per la protezione e ricerca ambientale (Ispra) e dal Sistema nazionale a rete per la protezione dell’ambiente (Snpa). Continua a leggere “‘Giornate micologiche’ per saperne di più su funghi tossici, velenosi e commestibili”

Frosinone. Discarica abusiva in area già nota per sversamenti di rifiuti anche tossici

Frosinone. Il terreno è stato pignorato tempo fa, così hanno accertato i militari dell’Arma al comando del maggiore Vitantonio Masi nel corso dell’indagine sulla discarica abusiva sequestrata dal personale del Nucleo investigativo di polizia ambientale agroalimentare e Forestale (Nipaaf) del gruppo Carabinieri forestale di Frosinone e della Stazione di Veroli. Continua a leggere “Frosinone. Discarica abusiva in area già nota per sversamenti di rifiuti anche tossici”

Sentenza Bussi: The Day After. Chi paga la bonifica? Edison: Non ne siamo responsabili

Bussi sul Tirino (Pe). Per la bonifica dei terreni del polo chimico ex Montedison, proprietà di Edison, la società ricorre al Tribunale amministrativo regionale di Pescara per chiedere l’annullamento dell’ordinanza della Provincia di Pescara che le imponeva la bonifica del sito e per sospendere il progetto avviato con l’ex commissario Goio: “Non pagheremo perché non ne siamo responsabili”. Questo naturalmente dopo la sentenza della Cassazione di assoluzione di 4, dei 10 imputati di disastro ambientale, per non aver commesso il fatto e per gli altri la IV sezione penale della suprema corte ha dichiarato prescritto il reato.

Aggiornamento

Continua a leggere “Sentenza Bussi: The Day After. Chi paga la bonifica? Edison: Non ne siamo responsabili”

Stazione di spaccio eroina: Siringhe sui Tigli del piazzale della Stazione Ferroviaria 

Sulmona (Aq). In completo stato di abbandono e degrado giace il piazzale della stazione ferroviaria e continua la rovina del viale che conduce alla rotatoria, dai più conosciuta come disco volante, a Nord della cattedrale San Panfilo e su viale Roosevelt. 

Quartiere della stazione, anticamera dell’inferno, con marciapiedi a metà, chiusi da cantieri che si stendono sulla carreggiata,  passaggi pedonali bruscamente interrotti da voragini che si affacciano sul fiume, erbacce, strade piene di buche,  immondizia, parapetti vacillanti. È invivibile l’area. Dunque come si può  pretendere che qualcuno progetti una variante per installare una fermata del super treno della linea veloce Pescara/L’Aquila? Se fosse possibile con quelle siringhe centrate sulla corteccia faremo solo un’altra figura! E ora poi anche gli alberi dei drogati, fusti scambiati come un tiro a segno per le siringhe. Spesso quello di appuntarle è anche un modo per segnalare, ai tossici, un punto di spaccio di un certo genere di sostanza stupefacente: eroina? Si comincia a sentire davvero la mancanza del presidio di Polizia ferroviaria, chiuso da qualche mese in quello che resta il secondo scalo ferroviario d’Abruzzo e purtroppo, se non s’interviene tempestivamente per porre rimedio alle nefandezze dei vertici, si comincerà a temere sul serio ogni conseguenza di questo scempio. 

Pericolose, tossiche e radioattive. Ecco le sostanze trattate nei Laboratori di fisica Nucleare del Gran Sasso vicino alla captazione dell’acqua potabile

Abruzzo. Quattro pagine, una sfilza di materiali inquietanti riempiono l’elenco aggiornato delle sostanze usate nell’Istituto nazionale di fisica nucleare, il rischio? La captazione dell’acqua per dissetare mezza popolazione d’Abruzzo si fa proprio lì, nel cuore gigante degli Appennini. 

Continua a leggere “Pericolose, tossiche e radioattive. Ecco le sostanze trattate nei Laboratori di fisica Nucleare del Gran Sasso vicino alla captazione dell’acqua potabile”

Ricette per fornire metadone ai tossici incalliti, medico beccato dai Nas

Pescara. Quasi 600 ricette per rendere disponibile del metadone. A fornire la droga è un medico chirurgo di medicina generale, convenzionato con l’Azienda sanitaria locale di Pescara, accusato di violazione delle norme del Testo unico sulle sostanze stupefacenti.

In sostanza, il camice bianco ha prescritto del Metadone, in assenza del prescritto piano terapeutico, per un totale complessivo di 523 prescrizioni. Il medico è stato beccato nell’ambito dell’operazione dei Carabinieri Pescametadone e non eserciterà l’attività per un bel po’ di tempo, sembra. Ieri mattina i militari  del Nucleo antisofisticazione e sanità di Pescara lo hanno rintracciato per dare esecuzione all’ordinanza di applicazione della misura cautelare interdittiva del temporaneo svolgimento della professione medica, emessa dal giudice delle indagini preliminari del tribunale del capoluogo adriatico.

Il professionista è  accusato anche di truffa aggravata continuata, per aver indotto l’Asl in errore sull’esistenza di una finalità terapeutica per le innumerevoli prescrizioni della sostanza stupefacente dispensata gratuitamente, ma costata allo Stato oltre 2 mila 500 euro senza valide giustificazioni.

Tra le accyse, non manca l’buso d’ufficio. Il medico ha intenzionalmente procurato a sé l’ingiusto vantaggio economico di oltre 5 mila euro, per aver indebitamente preteso la somma di 10 euro per la compilazione di ogni ricetta. Le indagini sono state avviate dai carabinieri del Nucleo antisofisticazioni e sanità di Pescara a seguito del riscontro di anomale dispensazioni del farmaco, ad azione stupefacente, a persone con precedenti per tossicodipendenza.

mariatrozzi77@gmail.com

Discarica Montedison. La Commissione d’inchiesta si occupa dei Tunnel Tombati

Roma. Criticità a non finire rallentano l‘iter per le bonifiche del Sito d’interesse nazionale (Sin) di Bussi sul Tirino. É la discarica dei veleni tra le più grandi d’Europa quella formata da Montedison in val Pescara. Risulta dal resoconto della Commissione d’inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti che, per le aree contaminate dal Polo chimico della val Pescara, chiarisce qual è la reale e desolante situazione. Il report assorbe anche la relazione del Comune di Popoli sulla presenza di alcuni misteriosi tunnel murati segnalati dal nostro blog Report-age.com

Aggiornamento

Continua a leggere “Discarica Montedison. La Commissione d’inchiesta si occupa dei Tunnel Tombati”

Polo chimico Bussi e Accordo La Gatta: No del Ministero, Sì della Regione. Lettera top secret della dirigenza

La Regione Abruzzo è favorevole alle condizioni dettate dal sindaco di Bussi Salvatore La Gatta, per l’acquisizione di parte dell’ex Polo chimico alla farmaceutica Filippi. O meglio, la direzione generale regionale manifesta in una nota, mai pubblicata, la sua sostanziale adesione alla bozza d’Accordo di programma proposta dal primo cittadino. È la stessa bozza di accordo che il ministero dell’ambiente boccia lo stesso giorno. La Regione esprime sostanziale adesione all’Accordo di programma, pianificato da La Gatta, al contrario del ministero dell’ambiente che rimanda il testo al mittente per la rielaborazione perché ci sono parti assolutamente incomplete e “nel condividere, in linea generale, la sostanziale adesione, nel suo complesso, manifestata dalla Regione con nota 28.10.2015 – il ministero chiede di poter acquisire – il progetto di reindustrializzazione che si intende realizzare con le valutazioni espresse dalla Regione e dal Commissario” sottolinea Maurizio Pernice direttore generale per la salvaguardia del territorio e delle acque al Mina (Ministero ambiente). Abbiamo recuperato la nota della direzione regionale e la pubblichiamo perché fatti di tale importanza impongono la pubblicità, per legge, soprattutto per informare i cittadini di questioni ambientali che vengono gestite in maniera alquanto discutibile. Abbiamo entrambi i documenti, il documento ministeriale e la nota regionale, recuperarla è stata ardua impresa.

Continua a leggere “Polo chimico Bussi e Accordo La Gatta: No del Ministero, Sì della Regione. Lettera top secret della dirigenza”

Bussi. Le rogne irrisolte del Polo chimico con tanto di Accordo di Programma

Bussi (Pe). Il 30 ottobre è il termine ultimo per presentare le osservazioni all’Accordo di programma elaborato dal sindacodi Bussi, Salvatore La Gatta. Il primo cittadino ricorda la scadenza al Tg3 Rai Abruzzo, rammenta a mo’ di avviso la Conferenza di servizi di fine ottobre per le bonifiche del Polo chimico e la reindustrializzazione affinché già i primi di novembre si firmi l’accordo con Solvay.

Continua a leggere “Bussi. Le rogne irrisolte del Polo chimico con tanto di Accordo di Programma”

Siringhe e buco nell’area di Santa Chiara parcheggio per tossici e alcolizzati

Foto Maria Trozzi ©Report-age.com
Foto Trozzi©

Sulmona (Aq). Siringhe e buco, aghi stranamente riposti nei contenitori in alcuni casi, decine di fiale e confezioni di pasticche vuote, sono tutti residui di medicinali gettati lì e che richiedono la prescrizione medica. Ancora una busta trasparente con altra immondizia del genere, questo è quello in cui si è imbattuta ieri sera Mara, 36 anni di Benevento, all’ingresso del parcheggio coperto della città peligna. É un punto di ritrovo di sbandati e tossici l’area esterna dietro l’ex convento di Santa Chiara, è ormai un azzardo attraversare i fazzoletti di verde in superficie e le pareti dell’area sono tutte imbrattate.  

Continua a leggere “Siringhe e buco nell’area di Santa Chiara parcheggio per tossici e alcolizzati”

Discarica dei veleni di Bussi. All’Aquila vittoria di Pirro per la bonifica

L’Aquila. Il rumore dei clacson delle 2 corriere di bussesi a l’Aquila è assordante sulle strade che allontanano dall’Emiciclo, deserte e assolate. É il primo pomeriggio di un nuovo giorno, quello della disfatta, ma festeggiano. L’inquinamento acustico del momento dovrebbe dichiarare la vittoria di Pirro, della località della val Pescara. Nel segreto delle loro vetturine sportive, ad alzare le mani al cielo sono loro: gli amministratori della Solvay solexis. Gli altri festeggiano, applaudono il primo cittadino. Se quelle indicate dalla Conferenza di servizi di oggi sono le condizioni per la bonifica del sito allora la festa l’hanno fatta alla popolazione di Bussi sul Tirino. L’hanno fatta alle altre comunità, circa una ventina, che rientrano nel Sito di interesse per la bonifica della discarica dei veleni a le più grandi d’Europa, nemmeno invitate oggi.
Continua a leggere “Discarica dei veleni di Bussi. All’Aquila vittoria di Pirro per la bonifica”

D’Alfonso s’impegna a sostenere le attività della Comunita terapeutica di Anversa

D'Alfonso ad Anversa Comunità il Castello Report-age.com 2015Anversa degli Abruzzi (Aq). Il presidente della Regione, Luciano D’Alfonso, si è dichiarato interessato ad aiutare l’ulteriore vita della Comunità terapeutica Il castello di Anversa degli Abruzzi, intervenendo all’inaugurazione della nuova sede coincidente con il ventennale di fondazione dell’importante struttura riabilitativa. Continua a leggere “D’Alfonso s’impegna a sostenere le attività della Comunita terapeutica di Anversa”

Un’altra discarica per Bussi per i rifiuti tossici del sito dei veleni

Foto Maria Trozzi
Bussi discriche 2A e 2B  (foto Trozzi)

Sarebbe un Accordo di programma a permettere la reindustrializzazione  e una nuova discarica nell’area inquinata a valle di Bussi. Una nuova discarica dove trasferire, di pochi metri, i rifiuti tossici delle altre. E’ davvero assurdo, ma il destino del sito inquinato di Bussi sembra segnato per l’eternità e senza che nessuno ne abbia contezza. L’interrogativo pesa su tutta la popolazione della Valpescara che ha già patito abbastanza per le conseguenze del sito che oggi è d’interesse nazionale per le bonifiche. La voce gira e sono soprattutto gli articoli di giornale a lanciare l’allarme, ma ufficialmente non risulta nulla della nuova discarica. Preoccupato dall’eventuale progetto, il Forum dei Movimenti per l’Acqua si mobilita e scrive al Ministro dell’ambiente Gian Luca Galletti. Continua a leggere “Un’altra discarica per Bussi per i rifiuti tossici del sito dei veleni”