Tag: terreni

Pronti a coltivare. Giovani Agricoltori ecco i terreni in vendita della Banca delle Terre Agricole

Dal 5 dicembre è aperta la procedura di messa in vendita di 8 mila ettari della Banca nazionale delle terre agricole pronti per essere coltivati. É il primo lotto dell’operazione complessiva da oltre 20 mila ettari messi in vendita attraverso la Banca, tutta online, nata per consentire, soprattutto ai giovani, di coltivare terreni pubblici così da recuperarli e rilanciare l’attività agricola. 

Continua a leggere “Pronti a coltivare. Giovani Agricoltori ecco i terreni in vendita della Banca delle Terre Agricole”

Dubbi sul bando per la tutela degli Habitat seminaturali

Ci vorrebbe ben altro per assicurare la conservazione della biodiversità. Incentivi agli agricoltori per non sfalciare, per non bruciare, per non usare pesticidi ed erbicidi, questo occorrerebbe. L’impressione è che la tutela della biodiversità potrebbe essere un pretesto per assegnare fondi agli agricoltori amici e il dubbio resta anche per l’avviso di attivazione della Misura 10 del Programma di sviluppo rurale (Psr) 2014/2020 ‘Tutela degli habitat seminaturali per la conservazione della biodiversità’. 

Continua a leggere “Dubbi sul bando per la tutela degli Habitat seminaturali”

Banca della Terra, in campo gli strumenti per dare lavoro e terra a tutela dell’Ambiente abruzzese

Abruzzo. É stato appena approvato il regolamento attuativo della legge regionale 26/2015 del M5S che mette in campo gli strumenti per la Banca della Terra d’Abruzzo che si traduce non solo in opportunità lavorative, mettendo a disposizione terre agricole pubbliche e incolte, ma consentirà di contenere il dissesto idrogeologico e il degrado ambientale, con il recupero delle aree abbandonate. 

Continua a leggere “Banca della Terra, in campo gli strumenti per dare lavoro e terra a tutela dell’Ambiente abruzzese”

Terna: Dubbi sul Verbale d’immissione. La Colanero c’era e s’oppose e quelli dell’elettrodotto scrissero che era assente

Lanciano (Ch). C’era Franca Colanero quando gli operai invadevano il suo terreno per giustificare poi la costruzione di un sostegno dell’elettrodotto Villanova -Gissi. C’era eccome e quel giorno si difese e ebbe persino un malore. Era presente e combattiva, lo dicono i documenti, lo raccontano testimoni, giornali e le tremende immagini di quel giorno, lo ammettono tanti verbali, eccetto uno che nega la presenza della signora per giustificare la conclusione di una immissione che invece era stata sospesa.

Continua a leggere “Terna: Dubbi sul Verbale d’immissione. La Colanero c’era e s’oppose e quelli dell’elettrodotto scrissero che era assente”

Megalò2 la vendetta. Megalomani a ridosso del fiume, Acerbo: ‘Una porcata’

Chieti. Domani il Comitato regionale di Valutazione d’impatto ambientale (Via) è chiamato ad esaminare il progetto Megalò2 che, nell’ultima rivisitazione, prevede la realizzazione di 7 edifici sull’area di esondazione naturale del fiume Pescara, da rinaturalizzare insistono gli ambientalisti sull’annunciata, nuova, colata di cemento a ridosso del corso d’acqua. 

Continua a leggere “Megalò2 la vendetta. Megalomani a ridosso del fiume, Acerbo: ‘Una porcata’”

Quasi 64 mila m² di terreni civici in svendita a Barisciano: la denuncia di Terrepubbliche Cittadinanzattiva

Barisciano (Aq). Alle Procure e ai Carabinieri forestali chiede di indagare sulla svendita del territorio comune che altrimenti sarebbe stato destinato a realizzare una mega tartufaia civica che, a lungo andare, avrebbe garantito la collettività. Così il circolo valorizzazione Terrepubbliche, Cittadinanzattiva L’Aquila ha segnalato il caso e scritto ad una caterva di enti nel tentativo che qualcuno ascolti, magari anche la Regione, la richiesta di fare chiarezza sulla svendita di quasi 64 mila metri quadri di terre civiche con il mutamento di destinazione d’uso delle sesse per una lottizzazione nel Comune aquilano (Delibera di consiglio comunale n. 8 del 14.7.2009 “Istanza mutamento destinazione d’uso e alienazione terre civiche della compagnia  generale servizi srl”).  

Continua a leggere “Quasi 64 mila m² di terreni civici in svendita a Barisciano: la denuncia di Terrepubbliche Cittadinanzattiva”

Tap bloccata dai terreni vincolati ma per la società di può fare

Puglia. Terreni asserviti o temporaneamente utilizzati per il Trans Adriatic pipeline, ma l’esproprio finalizzato alla realizzazione del famigerato gasdotto Tap si blocca clamorosamente dinanzi ad un fondo della Regione Puglia, soggetto a vincolo perché 4 anni fa andò in fumo. Non sarebbe un problema per la società che costruisce per il gruppo Tap perché il termine soprassuolo indicato dalla legge 363/2000 e su cui sono imposti i vincoli non interesserebbe il tracciato del Tap. Eppure, per altri 11 anni, il terreno della Regione non potrà essere destinato ad attività diverse rispetto a quelle riferite a prima del rogo. La società della Tap è convinta che sarà possibile coltivare sul tubo, ma ancora per 6 anni, in quel terreno regionale, non sarà consentito costruire abitazioni o installarci insediamenti industriali. Il tubo invece per la multinazionale si può fare!

Continua a leggere “Tap bloccata dai terreni vincolati ma per la società di può fare”

Mercurio nei serbatoi d’acqua potabile: sversamenti nei terreni della rete idrica. Avviso di garanzia a sindaco di Roccanorice e Direttore Aca

Roccamorice (Pe). Dopo l’ordinanza sindacale del 16 aprile scorso per vietare l’uso dell’aqua potabile nella località turistico-montana, oggi il Corpo forestale dello Stato ha contestato i reati d’illecito smaltimento di rifiuti, al direttore tecnico dell’Azienda comprensoriale acquedottistica di Pescara, Lorenzo Livelli, e al sindaco di Roccamorice, Alessandro D’Ascanio. L’inquinamento da mercurio riscontrato sui terreni limitrofi ai serbatoi  dell’acqua potabile, compromessi dalla sostanza in località Bosco e Pagliari, a quanto pare raggiungerebbe valori fino a 223 volte il livello massimo consentito secondo le analisi eseguite dall’agenzia regionale Arta, equivalente Arpa epr le altre regioni italiani.

Continua a leggere “Mercurio nei serbatoi d’acqua potabile: sversamenti nei terreni della rete idrica. Avviso di garanzia a sindaco di Roccanorice e Direttore Aca”

Terna imboscata anticipa la scesa in campo così oggi occupa un altro terreno

Bucchianico (Ch). “Toc toc, permesso si può entrare?” ma non funziona così in tempo di guerra, quando tutti i diritti sono annullati, quando è la macchina più potente a tirar dritto coi “suoi” cingoli per la “sua” strada, calpestando ogni cosa si frapponga innanzi al “suo” tracciato per raggiungere a tutti i costi il “suo” obiettivo. Ogni cosa è lecita, quasi che i cittadini siano costretti ad arrendersi, a gettar la spugna, ma un manipolo di valorosi continua ad opporsi alle occupazioni della multinazionale, pacificamente, nel pieno rispetto della legge e difendendo la Nostra Terra. Deserte le trincee, annullate tutte le barricate dei comitati, gli operai e i funzionari della Terna non sono più in prima linea, ma alla macchia e tentano di conquistare nuove posizioni. Occorre cambiare strategia se il personale della società dell’elettrodotto scende in campo in anticipo, imboscandosi. Oggi sarebbero entrati in una proprietà privata per l’immissione senza chiedere nemmeno il permesso alla proprietaria. Dopo i fatti di contrada Sant’Onofrio nulla più meraviglia.  

Continua a leggere “Terna imboscata anticipa la scesa in campo così oggi occupa un altro terreno”

Manifestazione contro il Numero 2 di Terna per dire No al Traliccio

Cepagatti (Pe). Per il primo pilone nessun problema, è da piazzare su un terreno di proprietà Terna. La società che costruisce l’elettrodotto Villanova-Gissi però ne ha decine di altri da elevare al cielo, dedicati al dio del sol che però non è Mitra. Già al secondo palo, il numero 2, arrivano le grane. Va occupato un terreno privato, non uno qualsiasi, parliamo del fondo del titolare di un’azienda vitivinicola del Consorzio tutela vini d’Abruzzo che in quella località lavora e vive. Anche per questo si organizza la manifestazione democratica di protesta di mercoledì prossimo, ore 9 in contrada Bucceri (info su evento e pagina Facebook).
Continua a leggere “Manifestazione contro il Numero 2 di Terna per dire No al Traliccio”

No Eletrodotto,6 deputati 5 Stelle col movimento difendono il territorio

Eletrodotto 6 Report-age.com 2014Chieti. E’ stato grande il Movimento 5 Stelle che ieri ha fornito il supporto fondamentale e indispensabile per bloccare l’occupazione d’urgenza della Terna sui terreni in cui impone di costruire l’eletrodotto Villanova – Gissi contro la volontà delle popolazioni attraversate dalla minacciosa e singolarmente prioritaria opera ad alta tensione. Siamo alla seconda giornata di difesa del territorio in provincia di Chieti con ambientalisti, gruppi e associazioni che si organizzano pacificamente per impedire le occupazioni eseguite dagli operai della Terna Rete Italia spa che prova così a mettere piede su decine di terreni per un elettrodotto che attraverserà l’Abruzzo intero esponendo ad enormi rischi 16 comuni. Continua a leggere “No Eletrodotto,6 deputati 5 Stelle col movimento difendono il territorio”

“Non te li versiamo” coltivatori del Tirino contro aumenti del Consorzio bonifica

Canali irrigui foto Maria Trozzi Report-age.com 2014
Canali irrigui foto Maria Trozzi

Ofena (Aq). Quell’aumento del 140% sul contributo per l’irrigazione gli agricoltori non glielo riconoscono al consorzio, sarebbe un “pareggio del bilancio non un aumento _ per Florenzio Schiavitti, presidente del Consorzio di bonifica Aterno – Sagittario _ Nel Tirino veniva effettuato uno sconto e non si usava il Piano di classifica al 100%” tiene a precisare Schiavitti.  Lunedì si incontreranno ancora gli imprenditori agricoli di Ofena e Capestrano, si rivedranno però armati di legali per decidere assieme quale strada intraprendere contro l’aumento del 140% del contributo di irrigazione già deciso, ovvero deliberato, dal Consiglio di amministrazione del consorzio di Pratola Pelgina (Aq). Dicono che contro “l’arbitraria” decisione del consorzio ricorreranno al Tar, Tribunale amministrativo regionale e alla Corte dei conti.  Continua a leggere ““Non te li versiamo” coltivatori del Tirino contro aumenti del Consorzio bonifica”

Salassata per i contadini dal Consorzio di bonifica Aterno-Sagittario

Alberi su canali irrigui che il Consorzio impose ai contadini di tagliare, a loro spese, nel 2012 Foto Trozzi Report-age.com
Albero ai margini dei canali irrigui che il Consorzio di bonifica, o chi per lui, avrebbe imposto ai contadini e ai proprietari dei fondi della Valle Peligna di tagliare, a loro spese, nel 2012.

Entroterra abruzzese. Gli agricoltori del comprensorio di Ofena e Capestrano sono sul piede di guerra per gli aumenti del 140% sulla tariffa che interesseranno 170 mila ettari di terreno consortile asservito alla bonifica nel Consorzio bacino Aterno e Sagittario. Si fanno i conti in tasca ai proprietari dei fondi, non irrigati, ma semplicemente raggiunti dalla rete dei canili dell’ente,  che fino ad oggi pagavano per l’infrastruttura irrigua e la bonifica circa 45 euro l’anno e che a breve pagheranno 118 euro l’anno. Per gli altri terreni, quelli effettivamente da irrigare, sempre gli agricoltori dell’Aterno dispongono di sole 4 ore di acqua al giorno, come accade anche per i contadini della valle Peligna e solo in determinati ore, indicate dagli addetti  al servizio idrico e non tutti i giorni della settimana (foto Maria Trozzi). Continua a leggere “Salassata per i contadini dal Consorzio di bonifica Aterno-Sagittario”

Mucche da record di 83 anni: il retroscena dei prati pascoli

A strappare il tradizionale record dei gatti, con 7 vite, sono nientepopodimeno che i bovini da latte con 8 vite per le più fortunate, a fare due conti è un’associazione abruzzese di alvevatori che svela il trucco dei pascoli fantasma, terreni presi in affitto proprio per queste  bestiole, invisibili ad occhio nudo.
Continua a leggere “Mucche da record di 83 anni: il retroscena dei prati pascoli”