Tag: sversamento

Sversamento di sostanza chimica in autostrada: immediati i controlli dell’Arta

Il prodotto chimico si è sparso lungo la corsia Nord dell’autostrada A14, all’altezza dell’area di servizio Tortoreto Est, a causa di un incidente stradale avvenuto nella notte scorsa. Sgombero, ripulitura del manto stradale e bonifica hanno, in poco tempo, scongiurato disagi per il traffico sull’arteria, questo grazie al pronto intervento dei Vigili del fuoco e del personale dell’Agenzia regionale per la tutela ambientale (Arta). Continua a leggere “Sversamento di sostanza chimica in autostrada: immediati i controlli dell’Arta”

Chi o cosa sta inquinando il fiume è ancora un mistero. Esposto e analisi Arta grazie a Nuovo Senso Civico

Lanciano  (Aq). Moro di nome e di fatto se nessuno fermerà le alterazione delle acque sul fiume Moro. Le segnalazioni, tante e preoccupanti, sono state prese in carico da Nuovo senso civico, il comitato di cittadini che nellll’area frentana difende l’ambiente: “Gli  inquinatori non stiano tranquilli” e il gruppo promette giustizia.  Continua a leggere “Chi o cosa sta inquinando il fiume è ancora un mistero. Esposto e analisi Arta grazie a Nuovo Senso Civico”

Riaperta l’inchiesta su Rospo mare: perdita di petrolio e non fango come dichiarava Edison

Vasto. Era petrolio, non era fango, non era residuo organico non era materiale vegetale come invece riferì, 3 giorni dopo il disastro, Edison la compagnia titolare dei pozzi e delle tubature. Sversamento, ha confermato anche l’ammiraglio Luciano Pozzolanoe la Procura di larino indaga per disastro colposo. La piattaforma Rospo mare perdeva qualcosa nella notte tra il 21 e 22 gennaio 2013, perdeva petrolio se, a distanza di anni, le condotte sono ancora sporche all’esterno dello stesso liquido che si estrae dal pozzo. 

Continua a leggere “Riaperta l’inchiesta su Rospo mare: perdita di petrolio e non fango come dichiarava Edison”

Estrazioni di petrolio in Tunisia: macchia nera minaccia le isole Kerkennah

Lo sversamento in mare sarebbe cominciato il 14 marzo scorso e sembra essere stato generato da una piattaforma offshore a 7 km dalla costa delle isole Kerkennah, in Tunisia.  Dal quotidiano La Stampa la notizia è che ‘la fuoriuscita, di modeste dimensioni, è stata fermata già il 14 marzo scorso’.  Non sarebbe proprio così per il quotidiano Greenreport.it

Continua a leggere “Estrazioni di petrolio in Tunisia: macchia nera minaccia le isole Kerkennah”

Spiaggia nera a Pescara verso il Porto turistico

Porto turistico di Pescara Report-age.com 2015Pescara. La spiaggia attigua al porto turistico di Pescara, verso Sud, è macchiata da una singolare sostanza che non ha odori particolari e sembra di origine vegetale, potrebbe dunque non trattarsi delle conseguenze del crollo della condotta fognaria che, lungo l’Asse attrezzato, trasportava i liquami di una parte dell capoluogo adriatico al depuratore consortile. Da una settimana il liquami non sarebbero più trattati e depurati per essere rilasciati poi nelle acque del fiume Pescara. Sembra però che si scarichino direttamente i liquami nelle acque del fiume che sfocia sul mare ed i rischi per la salute e la balneabilità sono moltissimi. Continua a leggere “Spiaggia nera a Pescara verso il Porto turistico”