Tag: spiaggiamento

Liberata la tartaruga di 40 kg. Sulla costa adriatica in 30 spiaggiate in poche ore

Pescara. C’è chi la tartaruga la incontra passeggiando in spiaggia. Chi la immortala in un clic irripetibile, c’è chi la rende protagonista indiscussa della propria bacheca Facebook e chi la caretta caretta la trova intrappolata nella rete del proprio peschereccio e, rientrato in porto, consegna la testuggine di 40 kg alla Guardia costiera perché, con il veterinario, possa visitarla e curarla.

Continua a leggere “Liberata la tartaruga di 40 kg. Sulla costa adriatica in 30 spiaggiate in poche ore”

Semplici binocoli per evitare i cetacei nella tecnologica ricerca dell’Airgun tra Pescara e Ortona

Semplicemente giurassica è la fonte di energia che le compagnie petrolifere si ostinano a sfruttare, i Sapiens sapiens sono chiamati poi ad utilizzare dei semplici binocoli per attivare la ricerca tramite Airgun, una tecnica d’ispezione dei fondali marini utile a capire cosa si celi tra le rocce. A dir poco barocca è la misura di mitigazione e prevenzione prescritta per l’attività di ricerca sismica in mare. Per le esplorazioni petrolifere occorre garantire osservazioni in mare per eventuali avvistamenti di cetacei, e fin qui ci siamo. 

Aggiornamento

Continua a leggere “Semplici binocoli per evitare i cetacei nella tecnologica ricerca dell’Airgun tra Pescara e Ortona”

Fumetto sul salvataggio dei cetacei per far luce sulle cause dello spiaggiamento

Fumetto sblocca cetacei  Terra Nuova marzo 20151 copyVasto (Ch). Prova a far luce sulle ragioni dello spiaggiamento il fumetto realizzato da Franco Sacchetti, operatore dell’Arci di Vasto/Chieti e formatore del progetto Giovani Vasto, la sequenza di disegni racconta lo spiaggiamento dei capodogli di settembre scorso che ha portato Vasto e la spiaggia di Punta Penna all’attenzione dei media nazionali.

Continua a leggere “Fumetto sul salvataggio dei cetacei per far luce sulle cause dello spiaggiamento”

WWF:”Ortona presenti osservazioni contro Elsa”e le trivelle di Lazzaro

Foto Renzo di Biase
Foto Renzo di Biase

Ortona (Ch). La conferma sulle cause dello spiaggiamento dei capodogli arriva dalle tracce di gas nel sangue rilevate almeno su una delle 3 balene morte probabilmente per il disorientamento dovuto ad una emersione repentina forse necessaria a superare i forti disturbi sonori. Ciò fa riflettere sulle trivelle del progetto Elsa che avanzano a circa 7 chilometri dalla riva, con una perforazione profonda, quasi 5 mila metri, nei fondali costieri di appena 30 metri di profondità sulla riva dell’Adriatico, di fronte ai Ripari di Giobbe, frazione di Ortona (Ch) e questo dovrebbe salvarci dal disastro quando nel golfo del Messico l’acqua profonda appena 50 metri accoglieva il 20 aprile 2010 la piattaforma Deepwater Horizon della British Petroleum, quella che esplose provocato il disastro.

Le trivelle di Lazzaro, questo perché il progetto Elsa venne bocciato sonoramente nel 2011 dal Comitato valutazione d’impatto ambientale nazionale, cui seguì il Decreto di diniego della compatibilità ambientale firmato dai ministri dell’ambiente e dei beni culturali (decreto 16.05.11 n.257 Stefania Prestigiacomo – Giancarlo Galan).

Verso la scadenza dei termini per presentare le osservazioni alla Via (Valutazione impatto ambientale) c’è comunque tempo, altri 12 giorni, sino al 28 settembre. Gli amministratori locali di Ortona (Ch) sembrano aver già gettato la spugna, ancor prima di cominciare a combattere. Su una questione così delicata occorre avere coraggio, lo dimostrano tutti i giorni quelli del WWF Abruzzo e una donna, il loro referente energia, Fabrizia Arduini: “Non c’è nessun Decreto sviluppo italia approvato in via definitiva che vieti agli amministratori le osservazioni in critica”.

Continua a leggere “WWF:”Ortona presenti osservazioni contro Elsa”e le trivelle di Lazzaro”