Tag: specie protetta

Impianto da sci sui Campi della Magnola, “Opera inutile e dannosa” afferma il Wwf

Domani il comitato regionale di Valutazione d’inpatto ambientale procederà ad esaminare un progetto, integrato, per realizzare un impianto da sci ai Campi della Magnola di Ovindoli (Aq), nell’area d’interesse naturalistico Zona a protezione speciale ( IT7110130) Sirente Velino, in attesa della conferenza di servizi del 17 ottobre.

Continua a leggere “Impianto da sci sui Campi della Magnola, “Opera inutile e dannosa” afferma il Wwf”

Passeggiata in spiaggia per vedere cosa si perderà con le 8 concessioni nuove

Ortona (Ch). Domenica alle ore 10, altezza dello stabilimento Il Cambusiere, partirà la passeggiata naturalistica insieme a botanici ed ornitologi per far conoscere quanto si rischia di perdere con 8 nuove concessioni che si aggiungono ai 2 stabilimenti già esistenti per occupare l’areale di nidificazione del Fratinoche, piccolo uccello trampoliere a rischio estinzione. Continua a leggere “Passeggiata in spiaggia per vedere cosa si perderà con le 8 concessioni nuove”

Lupa Morta sulla Statale, la Pista del Bracconaggio è la più Accreditata

Potrebbero averle sparato. Il bracconaggio è l’ipotesi più accreditata per la morte dell’esemplare adulto di lupo appenninico rinvenuto questa mattina sul ciglio della strada, al km 24 della statale 652, nel Comune di San Pietro Avellana, in provincia di Isernia. Continua a leggere “Lupa Morta sulla Statale, la Pista del Bracconaggio è la più Accreditata”

I volontari SLO montano i recinti a protezione di stalle e pollai e la Regione è assente

Da 10 giorni i volontari dell’associazione Salviamo L’Orso sono impegnati ad Ortucchio, Luco dei Marsi e Trasacco per installare i recinti elettrificati a difesa di stalle e pollai dall’orso che si aggira in questi centri abitati in cerca di cibo facile. Continua a leggere “I volontari SLO montano i recinti a protezione di stalle e pollai e la Regione è assente”

Scoperto il Tritone. Salverà la Valle Peligna dalla centrale Snam? Il sito culla dell’anfibio specie protetta

A cura di Maria Trozzi

Un po’ come Davide e Golia nella battaglia narrata dalla Bibbia, a sfidare il temibile gigante oggi però non è un pastorello armato di fionda, ma una creaturina di appena 16 centimetri, un Tritone crestato che con quelli della sua specie protetta (di interesse comunitario – scrivono in una nota al sindaco Casini gli esperti Di Felice (Pro Natura) e Di Tizio (Wwf) – la cui conservazione richiede la designazione di zone speciali di conservazione), nuota in una pozza d’acqua proprio a Case Pente di Sulmona, il suo areale coincide in parte con l’area in cui a breve costruiranno la centrale di spinta della Snam, progetto Rete adriatica.

Aggiornamento 1 e 2

Immagini e copertina Maria Trozzi

Continua a leggere “Scoperto il Tritone. Salverà la Valle Peligna dalla centrale Snam? Il sito culla dell’anfibio specie protetta”

Rimosso l’Istrice investito da 4 giorni sulla provinciale per Anversa degli Abruzzi

Bugnara (Aq). É bastata la segnalazione dell’imprenditore Pasquale Di Toro, raccolta e pubblicata su Report-age.com, per risolvere il problema e rimuovere la carcassa dell’istrice che da giorni imputridiva sul ciglio della strada, tra Bugnara e Anversa degli Abruzzi, nell’aquilano. Continua a leggere “Rimosso l’Istrice investito da 4 giorni sulla provinciale per Anversa degli Abruzzi”

Rubate le uova del Fratino a San Salvo, il WWF segue una pista per trovare i colpevoli

San Salvo (Ch). Ladri di galline? No di uova e a farne le spese sono ancora i nidi di Fratino, specie particolarmente protetta, sulla spiaggia di San Salvo. Rubate, non è la prima volta e tra ruspe, vandali e ladri non si può più riparare il piccolo trampoliere che della bontà delle spiagge abruzzesi è un grande testimone.

Continua a leggere “Rubate le uova del Fratino a San Salvo, il WWF segue una pista per trovare i colpevoli”

I bracconieri ammazzano un altro lupo già vittima di un incidente e il ministero voleva abbatterli

In un anno ne muoiono oltre 300 di esemplari, quello fucilato nelle Marche è solo l’ultimo, speriamo, di una lunga serie di animali sfortunati. Nessuna possibilità di salvezza questa volta per il lupo che è morto sul colpo, davvero sfortunato perché già vittima di un incidente stradale, tempo fa, tra Rocca Santa Maria e Torricella Sicura, in provincia di Teramo. In quella occasione l’animale è stato soccorso, curato, riabilitato e poi dotato di un radiocollare nell’ambito del Life MircoLupo progetto europeo al quale ha aderito il parco nazionale Gran Sasso monti della Laga. Claudio, il nome del Lupo, è morto nelle Marche vittima dei bracconieri.

Continua a leggere “I bracconieri ammazzano un altro lupo già vittima di un incidente e il ministero voleva abbatterli”

Caccia: salve le aree protette. Ora salviamo gli animali

L’Aquila. È vinta la battaglia sulle aree protette, è sospesa l’efficacia del calendario venatorio 2016/17 della Regione per quanto riguarda l’estensione del periodo di caccia fino, a gennaio, per alcune specie avifaunistiche (Beccaccia, Cesena, Tordo bottaccio, Tordo sassello). Così dispone l’ordinanza del Tribunale amministrativo regionale che accoglie il ricorso del Wwf Italiae e rinvia ad una seconda udienza, si terrà ad ottobre 2017, per la trattazione di merito della questione caccia in Abruzzo. 

Continua a leggere “Caccia: salve le aree protette. Ora salviamo gli animali”

Scoiattolo nero investito sulla statale 479

Anversa degli Abruzzi (Aq). È stato preso in pieno, forse da un veicolo a motore, oggi nel tardo pomeriggio. Probabilmente era sbucato dal boschetto e ha tentato di attraversare la strada statale 479 per Anversa, proprio all’ingresso della Gole del Sagittario.

Aggiornamento

Continua a leggere “Scoiattolo nero investito sulla statale 479”

Lupi, Wwf: ‘L’Abruzzo chieda lo stralcio, dal Piano, della deroga che permette di abbatterli’

“Prendiamo atto delle dichiarazioni rilasciate dal sottosegretario Mazzocca e in particolare del fatto che non c’è stato il temuto assenso agli abbattimenti dei lupi – così Luciano Di Tizio, del Wwf Abruzzo interviene a risposta del sottosegretario regionale con delega all’ambiente, ma l’ambientalista aggiunge – È necessario che l’Abruzzo, che ha fatto della tutela del territorio un preciso brand sfruttato anche per la promozione turistica, chieda formalmente lo stralcio, dal Piano nazionale per la conservazione e gestione del lupo in Italia, del paragrafo III.7 relativo all’applicazione delle deroghe”.

Continua a leggere “Lupi, Wwf: ‘L’Abruzzo chieda lo stralcio, dal Piano, della deroga che permette di abbatterli’”

Salvata la progenie della bella Rosalia nel Parco nazionale d’Abruzzo

Rosalia alpina nei tronchi da ardere Report-age.com 2015Opi (Aq). Sarebbero finite arrostite le larve di Rosalia alpina non ancora sviluppate, il processo richiede tempo, in alcuni casi fino a anni. A salvare la stirpe dell’elegante coleottero dalla livrea blu, garantendo l’integrità delle culle, ossia i tronchi da bruciare nei caminetti quest’inverno, sono stati i ricercatori che censiscono le popolazioni dei coleotteri, grazie ad un progetto europeo. Alcuni hanno persino filmato la deposizione delle uova dei coleotteri nella legna ad uso civico inviando i video ai ricercatori che hanno informato il Parco nazionale d’Abruzzo. Così gli investigatori della biodiversità, impegnati nel progetto Life Mipp coordinato dal Corpo forestale dello Stato, hanno segnalato che la Rosalia alpina quest’anno ha scelto proprio la legna da ardere per riprodursi ad Opi, nell’area della Val Fondillo, scavando minuscole gallerie proprio nei tronchi assegnati alla popolazione dei Comuni del parco con diritto di legnatico, per riscaldare le abitazioni nel lungo inverno montano, ma questa volta senza danni per la biodiversità perché il Pnalm ha comprato i tronchi colonizzati.

Continua a leggere “Salvata la progenie della bella Rosalia nel Parco nazionale d’Abruzzo”

Crimini di Natura. Petizione per introdurre il delitto di uccisione di specie protetta

Teramo. Wwf contro i Crimini di natura e tra le tante iniziative messe in campo prende il via anche una raccolta firme che sabato 20 dicembre, dalle ore 9:30 alle 13, vedrà impegnati i volontari ambientalisti in corso San Giorgio a Teramo (sotto i portici Caffè Grand’Italia), è il Wwf Teramo che organizza il banchetto per la petizione Stop ai crimini di natura. Continua a leggere “Crimini di Natura. Petizione per introdurre il delitto di uccisione di specie protetta”