Tag: soldi

Pronto a scusarsi l’aggressore dell’agente, il nipote della rapinata resta ai domiciliari

Sulmona (Aq). L’aggressore del poliziotto è pronto a chiedere scusa e resta ai domiciliari il nipote della signora 91enne accusato di aver rapito la zia. Questi gli sviluppi tra i tanti fatti di cronaca che hanno animato le  giornate peligne, fredde e corte, di questi mesi invernali o forse infernali. Continua a leggere “Pronto a scusarsi l’aggressore dell’agente, il nipote della rapinata resta ai domiciliari”

Fondi ricostruzione persi. Pratola Insieme: “Un sindaco che mente ai propri cittadini deve dimettersi”

Pratola Peligna (Aq). I consiglieri comunali di Pratola Insieme, Alessandra Tomassilli e Salvatore Pizzoferrato intervengono sulla vicenda dei 7 milioni di euro, fondi per la ricostruzione, persi perché la richiesta che doveva essere inviata dal Comune di Pratola, entro il 20 ottobre, non risulta ricevuta agli uffici di Fossa.

Continua a leggere “Fondi ricostruzione persi. Pratola Insieme: “Un sindaco che mente ai propri cittadini deve dimettersi””

Via Turati, spunta la lettera di D’Alfonso: 500mila euro per l’emergenza, nessuna traccia dei soldi

Sulmona  (Aq). Fine luglio 2015, il sindaco di Sulmona, Peppino Ranalli, riceve una lettera del presidente d’Abruzzo, Luciano D’Alfonso, che annuncia lo stanziamento per Sulmona di una cospicua somma di denaro per superare l’emergenza idrogeologica. Di questa lettera e del contributo non se n’è saputo più niente, praticamente scomparsi, eppure l’impiego tempestivo del denaro stanziato dalla Regione, ai tempi, avrebbe garantito l’intervento su via Turati impedendo così che la città cadesse tanto in basso.

Aggiornamento 1,  2 e 3 

Continua a leggere “Via Turati, spunta la lettera di D’Alfonso: 500mila euro per l’emergenza, nessuna traccia dei soldi”

Padre malmenato dal figlio per soldi, a Pratola

Pratola Peligna (Aq). Schiaffi e calci al padre per farsi dare quasi ogni giorno delle cospicue somme di denaro, i Carabinieri di Pratola Peligna hanno arrestato in flagranza di reato  G. S. 33enne del posto. 

Il ragazzo esigeva dal familiare del denaro, nel più recente episodio la somma di 120 euro. Al suo rifiuto del padre, partivano le minacce e la violenza, schiaffi e calci alle gambe. Così l’anziano genitore è stato più volte  costretto a consegnare al figlio la somma pretesa. L’ultima volta, il  33enne ha impedito al padre di uscire di casa, frapponendosi tra il genitore e il portone d’ingresso, e strappandogli di mano il cellulare per chiedere aiuto. Dopo aver ottenuto il denaro, il ragazzo è uscito di casa e il padre ha contattato i Carabinieri. Rintracciato presso la propria abitazione, i militari dell’Arma gli hanno trovato addosso la somma di 60 euro, forse rimanenza dei 120 euro estorti al padre. Espletate le formalità di rito il 33enne è stato tradotto presso il carcere di Sulmona, a disposizione della Procura della Repubblica di Sulmona.

Picchia la povera madre per ottenere soldi, arrestato

Avezzano (Aq). In coda ai suoi coetanei della valle Peligna che picchiano brutalmente i padri per ottenere i soldi,  ma solo perché le madri sono lontane, l’avezzanese se la prende con la povera madre, fortunatamente è stato arrestato.

Continua a leggere “Picchia la povera madre per ottenere soldi, arrestato”