Tag: san vito chietino

Per un panificio in Etiopia: pane di Sulmona, Montereale, Ortona e San Vito Chietino a Milano

Milano. I Panificatori d’Abruzzo, Marche e Molise (Costa adriatica Centrale) e la Fiesa Assopanificatori Confesercenti hanno aderito all’iniziativa Pane in piazza a favore delle Missioni estere dei frati Cappuccini (onlus di Milano) in corso nell’ambito di Milano food city sino a domenica resa possibile grazie alla collaborazione di Cesare Marinoni insieme al Maestro panificatore Luca Piantanida di Coggiola. Continue reading “Per un panificio in Etiopia: pane di Sulmona, Montereale, Ortona e San Vito Chietino a Milano”

Via Verde e varianti verdognole. Nasce l’Osservatorio per monitorare

La pista ciclabile progettata sulla riviera adriatica, opera da 8 milioni di euro e brand del territorio provinciale, comincia a vacillare già dai primi passi, perché preda di varianti che consentirebbero di realizzarla anche fuori dal vecchio tracciato ferroviario. WWF, Legambiente, Italia nostra, Pro natura, Lipu, Fai,  Marevivo, Altura e il comitato Salviamo Le Morge chiedono il rispetto del progetto originario per la Via verde perché “sia un’infrastruttura fondamentale per la crescita della Costa dei Trabocchi”.

Continue reading “Via Verde e varianti verdognole. Nasce l’Osservatorio per monitorare”

Mega impianto di miticoltura al vaglio della Conferenza pesca marittima, il WWF: ‘No all’occupazione selvaggia del mare’

Roseto degli Abruzzi (Te). La Conferenza regionale della pesca marittima e acquacoltura venerdì sarà chiamata a valutare la proposta d’istituzione di 2 impianti di acquacoltura per la produzione di cozze per complessivi 2,4 milioni di m² di mare di fronte alla costa di Roseto degli Abruzzi. 

Continue reading “Mega impianto di miticoltura al vaglio della Conferenza pesca marittima, il WWF: ‘No all’occupazione selvaggia del mare’”

Un’Estate al mare, voglia di nuotare, ecco dove.. in Abruzzo

Si tuffi chi può con le analisi dei 118 tratti monitorati per la balneabilità in Abruzzo. Prendiamo a riferimento il Portale acque del ministero della Salute per chiarire che alcuni divieti di balneazione permangono non solo per ordinanze, quando i sindaci non hanno dimenticato di fissare i cartelli o di disporle, ma anche per il fatto che i dati fanno riferimento ai risultati delle analisi svolte del 2016 e per rimettere le cose a posto, quando i valori sono sballati, occorrono diversi compionamenti. La confusione regna sovrana se ad interdire i tratti ci si mette anche la Regione (dgr 214/2017), proprio come sta accadendo. A beneficio dello ‘scaricabarile’ in caso di responsabilità? Per omissioni di atti  d’ufficio però risponde sempre il sindaco.

Foto di copertina Il Giornale dei marinai 

Continue reading “Un’Estate al mare, voglia di nuotare, ecco dove.. in Abruzzo”

Capitaneria: posizionata piattaforma per smantellare Ombrina Mare 2 Dir

Ortona (Ch). La Capitaneria di porto ha messo in chiaro che si sta posizionando la piattaforma per smantellare la petroliera. Non più di 15 giorni e il rottame, con annessi e connessi, sparirà dai nostri occhi, conferma l’attivista ecologista Amalia Assunta Di Florio. Prossima battaglia è il progetto Colle Santo riproposto per Bomba (Ch). Nel frattempo non guasta un po’ di buon umore con l’arrivo della piattaforma mobile indispensabile per smontare il tripode e chiudere il pozzo Ombrina Mare 2. Da ringraziare per tutto questo, in primis, c’è la ricercatrice italo californiana, Maria Rita D’Orsogna, docente universitaria che con le sue battaglie ambientaliste sta rendendo sopportabile la lotta a difesa dell’ambiente e infonde coraggio per tutte le iniziative indispensabili a difendere l’Abruzzo, sua terra d’origine. Naturalmente un grazie gigante è per le associazioni e il Coordinamento No Ombrina che da anni conducono la battaglia ambientalista contro le trivelle.

Aggiornamento

Continue reading “Capitaneria: posizionata piattaforma per smantellare Ombrina Mare 2 Dir”

‘Cementificazione, petrolio, nanismo politico’ le verità del Parco della Costa Teatina

Striscione sul parco della costa teatina

Una prima verità è la cementificazione, per questo la ridefinizione dei confini del Parco nazionale della costa teatina che chiama al ministero le amministrazioni ricadenti nel perimetro della futura area protetta. Ne sono convinte l’Arci, la Costituente per il parco, il Fai, Italia nostra, Legambiente, Pro natura e Wwf che insistono sulla concreta nascita del Parco nazionale della costa teatina che non riesce a risplendere di luce propria. Con il Presidente della Regione, Luciano D’Alfonso, i sindaci della costa teatina sono convocati per rivedere quanto elaborato dal commissario alla perimetrazione Pino De Dominicis.

Immagine di copertina Trozzi, Pescara 2012

Continue reading “‘Cementificazione, petrolio, nanismo politico’ le verità del Parco della Costa Teatina”

Parco Costa Teatina: Io sto col Commissario De Dominicis #iostoconPino

Chieti. “Io sto con il Commissario Pino De Dominicis con la sua cartografia capziosamente non aggiornata, con le sue proposte di eccessiva estensione territoriale” scrive in una nota Giovanni Diamante, ambientalista e assessore all’ambiente del Comune di Popoli, in provincia di Pescara. E’ un’altra voce fuori dal coro mentre si allunga la minestra per il riconoscimento del Parco nazionale. Perimetrazione tutta da rifare, grazie alla indecisione del ministero dell’ambiente che, un anno fa, incaricava un Commissario per definire i confini dell’area protetta e oggi dà ragione alle più disparate osservazioni contro l’attuale perimetrazione del Parco della Costa teatina. A cosa è servito allora nominare il Commissario Pino De Dominicis!

Continue reading “Parco Costa Teatina: Io sto col Commissario De Dominicis #iostoconPino”

Mail ai consiglieri regionali per un Parco marino da S.Vito a Rocca S.Giovanni

Non lo vogliono proprio istituire il Parco nazionale della costa Teatina. Che si fa allora, un attacco su più fronti? Gli ambientalisti No Ombrina, in queste ore, si scollano dal fronte che punta alla istituzionalizzazione del Parco nazionale della costa teatina e sollecitano l’avvio della procedura per l’istituzione di un’area che, in tutte le sue accezione, rappresenta proprio un piano di riserva.

Continue reading “Mail ai consiglieri regionali per un Parco marino da S.Vito a Rocca S.Giovanni”

Resort a San Vito. Il Comune tira giù la maschera sullo scempio nel futuro Parco Teatino

Foto Wwf

San Vito Chietino (Ch). Ecco spiegato il perché della ferma opposizione dell’amministrazione di San Vito alla perimetrazione del Parco della costa teatina. Altro che paura del carrozzone politico, del presunto non coinvolgimento nel lavoro del commissario, Pino de Dominicis, altro che paladina dell’ambientalismo. Oggi finalmente scopriamo la ragione di quei netti e schietti no al Parco nazionale dando un’occhiatina all’Ordine del giorno che, all’avvio dell’assise civica, in aula consiliare mette a nudo un mastodontico villaggio turistico nell’area che si dovrebbe delimitare e proteggere. Sarà sbancata un’intera collina per cementificare 140 mila m² di terreno, realizzando strutture con piscine, sale e appartamenti per ricavare in tutto oltre 600 camere. A svelare l’arcano dunque sono Wwf, Legambiente, Italia Nostra, Lipu e Pro natura Abruzzo.
Continue reading “Resort a San Vito. Il Comune tira giù la maschera sullo scempio nel futuro Parco Teatino”

Maschere di cemento dietro la prudenza per il Parco della Costa Teatina

Villa cavalluccio Report-age.com 2015
Villa Cavalluccio

Rocca san Giovanni (Ch). Tanta diffidenza per il Parco nazionale della costa teatina, qualcosa dietro doveva esserci, a rivelare il mistero di cotanta circospezione degli amministratori locali della costa adriatica è il gruppo consiliare Insieme per Rocca che in un comunicato finalmente svela l’arcano dell’area protetta impelagata tra i progetti in cantiere dei sindaci (frentani) Enzo Di Rito e Rocco Catenaro, quest’ultimo di San Vito Chietino. Continue reading “Maschere di cemento dietro la prudenza per il Parco della Costa Teatina”