Cinghiali: la caccia ne provoca l’aumento. É confermato da uno Studio Europeo

Uccidendo gli adulti di cinghiale s’innesca una risposta compensativa nella fertilità, aumentano di numero dunque e cresce la dispersione. Lo abbiamo scritto, lo abbiamo più volte ripetuto, insieme a noi lo confermano da tempo le associazioni ambientaliste, quelle serie, ma in Regione fa comodo non sentire illudendosi che forse il voto di certi cacciatori possa essere determinante per assicurarsi qualche altro anno di carica.

Aggiornamento Read more

Una specie estinta ogni anno: la macabra corsa al ‘gran finale’

Otto specie in 8 anni, dal 2010 ad oggi sono estinte soprattutto a causa della deforestazione in Sud America per non parlare poi di quelle che non si è fatto in tempo nemmeno a classificare. A prendere a cuore la grave situazione è la ricercatrice italo-americana Mariarita D’Orsogna che analizza, caso per caso, le vicende degli animali dispersi dell’Amazzonia nel suo blog No all’Italia petrolizzata, mettendo in luce i dati del report di Bird life international, prima conta ufficiale sulla fine delle specie. É una catastrofe di dimensioni planetarie trascurata dai media.

Copertina Nasa

Read more

Le proposte di CasaPound per le aree interne incontro con Bartolomucci e Antonini

Sulmona (Aq). Avrà luogo domani alle ore 11:30 l’incontro elettorale organizzato da CasaPound Italia con il candidato sulmonese alla Camera Giovanni Bartolomucci e il vicepresidente nazionale del movimento Andrea Antonini. “Abbiamo organizzato questo evento per presentare le proposte del nostro movimento per le aree interne dell’Italia – afferma in una nota Giovanni Bartolomucci – Sulmona ha duramente sofferto in questi anni per via delle scelte della nostra classe politica nazionale e locale, che ha scaricato sulle aree interne di questa nostra nazone, come Sulmona, tutto il peso delle politiche di tagli ed austerità imposte dall’Unione Europea. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti: spoliazione delle infrastrutture e delle attività economiche che tenevano in vita questo territorio, e conseguente spopolamento – la soluzione per Bartolomucci – Per invertire questa tendenza è importante portare in parlamento dei combattenti come CasaPound Italia, abbiamo combattuto durante tutti questi anni in prima linea a difesa del Tribunale, del Punto Nascita, e per questo invito tutta la popolazione alla presentazione della lista per sapere come porteremo questa nostra determinazione nelle aule parlamentari”.

Nasce a Sulmona dopo il soccorso sul Piano delle 5 Miglia. Un migliaio di utenze senza luce. Report Protezione civile sul maltempo in Abruzzo

Castel Di Sangro – Sulmona (Aq). Insieme ad altri familiari, la mamma di Castel di Sangro è rimasta bloccata sull’Altopiano delle 5 Miglia a causa della tormenta di neve  che ieri pomeriggio ha colpito duramente l’Alto Sangro. Per far nascere Anna, all’ospedale di Sulmona, non è stato sufficiente nemmeno uno spartineve finito persino fuoristrada mentre si cercava di liberare la carreggiata davanti all’auto in cui la donna era già in travaglio. Anna, 2,7 kg, è nata in nottata al Santissima Annunziata di Sulmona anche grazie all’intervento dei volontari della Protezione Civile di Pettorano sul Gizio (Aq) e ai vigili del fuoco che nella tormenta di neve hanno soccorso la donna e dall’Altopiano, dopo non poche difficoltà, hanno messo al riparo mamma e familiari. Il dottor Gianluca Di Luigi, specializzato in ginecologia e ostetricia, ribadisce che un elisoccorso in queste condizioni meteo, non estranee all’entroterra abruzzese, non garantirebbe in sostituzione di reparti e servizi sanitari fondamentali. L’ospedale in questione è quello peligno con il Punto nascita in bilico perché vorrebbero sostituirlo con un elicottero e sistemi di trasporto in ambulanza detti Sten (emergenza neonatale) Stam (assistito materno). 

Aggiornamento

Sul Punto nascita di Sulmo e l’elisoccorso appena ieri è intervenuta il consigliere Bianchi

Read more

Discarica veleni Bussi: la Commissione d’inchiesta tratta dei tunnel tombati nel Report da sottoporre a Parlamento e Governo

Roma. Criticità a non finire rallentano l’iter per le bonifiche del Sito d’interesse nazionale (Sin) di Bussi sul Tirino. Risulta dal resoconto della Commissione d’inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti che, per le aree contaminate dal Polo chimico della val Pescara, chiarisce qual è la reale e desolante situazione. Il report assorbe anche la relazione del Comune di Popoli sulla presenza di alcuni misteriosi tunnel murati segnalati dal nostro blog Report-age.com

Aggiornamento

Read more

Rischio idrogeologico: milioni di cittadini esposti al pericolo frane o alluvioni

Roma. Sarebbero 7 milioni i cittadini esposti quotidianamente al pericolo frane o alluvioni secondo i dati del nuovo report di Legambiente Ecosistema rischio 2016, parliamo di interi quartieri e abitazioni costruiti in aree a rischio idrogeologico e frana. I recenti dati raccolti e studiati dall’associazione ambientalista indicano che nel 77% dei comuni, (1.074) sono presenti abitazioni in aree a rischio. Nel 31% sono presenti addirittura interi quartieri e nel 51% dei casi sorgono impianti industriali. Il 18% dei Comuni contattati segnalano, nelle aree golenali o a rischio frana sono, strutture sensibili come scuole o ospedali e nel 25% strutture commerciali.

Foto Maria Trozzi

Read more

L’inquinamento uccide. La strage silenziosa nel report dell’Organizzazione mondiale della sanità

Per l’inquinamento dell’aria, delle acque e della terra muoiono ogni anno 12,6 milioni di persone al mondo. Sono più di 100 le malattie e le lesioni causate dall’avvelenamento della Terra che rappresentano 1 decesso sui 4 del totale delle morti nel Pianeta. Al primo posto della black list delle malattie da inquinamento, in un rapporto del World health organization (Who), c’è l’Ictus seguito da cardiopatie, ischemie, tumori e malattie respiratorie.

Read more

Fenicotteri rosa sulla Costa Teatina nel futuro Parco nazionale abruzzese

Torino Di Sangro (Ch). Una ventina di fenicotteri rosa, non è l’Africa, ma l’Italia. Esattamente siamo in Abruzzo, sulla Costa Teatina. A Sud della provincia di Chieti, a pochi passi dalla Riserva naturale regionale Lecceta di Tornio di Sangro, ecco la grande sorpresa dell’alba.

Read more

Centrale Snam, metanodotti Larino-Chieti e Rete adriatica: una creatura enorme cova i futuri distretti minerari

Una gigantesca creatura sotterranea, nascosta ad appena 5 metri di profondità, a tratti si svela per i tanti passaggi che da una regione all’altra puntano ad autorizzare interventi per il trasporto del gas naturale. I segmenti in cui è stato frammentato il gasdotto Rete adriatica insegnano, ma se lo stesso metanodotto di 687 km fosse parte di un essere unico ancora più impressionante che trae linfa vitale dal Tap (Trans adriatic pipeline) della Puglia e striscia in Molise, sino in Abruzzo e al Nord e ancora al Sud con stoccaggi, giacimenti e metanodotti che lo sostengono come il Larino-Chieti? 

Read more