Tag: punta aderci

Al mare con bus attrezzati per le bici, dal 15 luglio sulla Costa dei Trabocchi

Green Mobility per rilanciare il turismo della costa dei Trabocchi attraverso una rete di mobilità sostenibile, se n’è parlato stamane a  Pescara con la camera di Commercio Chieti-Pescara, Gal (gruppo d’azione locale) Costa dei Trabocchi, Legambiente, polo Inoltra-Trasporti e Logistica e Donato Di Fonzo&F.lli Spa e l’assessore regionale al turismo, Mauro Febbo. Continua a leggere “Al mare con bus attrezzati per le bici, dal 15 luglio sulla Costa dei Trabocchi”

Costa dei Trabocchi e via Verde con impianti impattanti e fuori mercato

Vasto (Ch). Wwf e Legambiente hanno depositato le proprie osservazioni in opposizione in cui evidenziano le criticità dell’impianto Ecoexport che dovrebbe prevedere a Punta Penna, a ridosso dell’incantevole spiaggia, sulla via verde, la messa in riserva di rifiuti da incenerire nei cementifici, i famosi Css. Continua a leggere “Costa dei Trabocchi e via Verde con impianti impattanti e fuori mercato”

Cemetificio a Punta Penne: task force Arta per valutare potenziali interferenze sull’Ambiente

Vasto (Ch). Sul cementificio a freddo da realizzare a Punta Penne, a pochi passi dalla Riserva naturale regionale di Punta Aderci, il direttore generale dell’Agenzia regionale tutela ambientale, Francesco Chiavaroli ha costituito un gruppo di lavoro multidisciplinare sollecitato da cittadini, associazioni, amministratori comunali e regionali per esprimersi.

Continua a leggere “Cemetificio a Punta Penne: task force Arta per valutare potenziali interferenze sull’Ambiente”

Domenica in marcia contro il cementificio a Punta Aderci

Vasto (Ch). Anche Legambiente e Wwf saranno presenti domenica alla marcia, in programma dalle ore 10, contro il cementificio a Punta Aderci, insieme alle altre associazioni e ai comitati, agli operatori turistici e ai cittadini. 

Continua a leggere “Domenica in marcia contro il cementificio a Punta Aderci”

Da Sito d’interesse comunitario a Sito d’interesse privato, il Wwf interviene su Punta Aderci e il cementificio

Vasto (Ch). La vicenda del parere positivo dell’ufficio Urbanistico del Comune alla Valutazione di incidenza ambientale (Vinca) sull’impianto di produzione di leganti idraulici (cemento)  della Escal srl (ex Vastocem) merita qualche riflessione che il Wwf condivide con tutti gli abruzzesi.

Archivio

Continua a leggere “Da Sito d’interesse comunitario a Sito d’interesse privato, il Wwf interviene su Punta Aderci e il cementificio”

Scovata la bozza di Decreto di istituzione del Parco Teatino: 9 le criticità

Chieti. In questi mesi si sono consumate le aspre polemiche sulle mappe, piuttosto datate, utilizzate per la perimetrazione del costituendo Parco nazionale della Costa teatina, ma è proprio il decreto d’istituzione del Parco, con le norme di salvaguardia, a rappresentare il cuore del provvedimento istitutivo dell’area protetta che racchiuderà la disciplina per gestire, nei prossimi anni, il Parco riconosciuto nel 2011.

Continua a leggere “Scovata la bozza di Decreto di istituzione del Parco Teatino: 9 le criticità”

Per Amore di Punta Aderci nasca, davvero, il Parco della costa Teatina

Vasto (Ch). L’Arci e le associazione Amici di Punta Aderci,  Antimafie Rita Atria,  culturale Peppino Impastato, Fai delegazione Vasto, Italia nostra del vastese, PeaceLink Abruzzo, Wwf zona frentana e Costa teatina affrontano, con un comunicato congiunto, la questione degli incendi che in questo mese, hanno colpito più volte e su più fronti, uno dei promontori più incantevoli della costa abruzzese che va protetto, sottolinea il gruppo, anche con la nascita del Parco nazionale della costa teatina in fase di costituzione da un ventennio ormai.  Continua a leggere “Per Amore di Punta Aderci nasca, davvero, il Parco della costa Teatina”

Roghi nella notte a Punta Penna, Marra: “Vasto non si farà intimidire”

Vasto (Ch). Assediata da diversi incendi la riserva della costa teatina, Punta Penna a Punta Aderci, brucia nella notte. Solo ieri focolai si sono sviluppati, in punti differenti, nella notte. Ora sono sotto controllo, ma le fiamme hanno impegnato le squadre dei vigili del fuoco di Vasto e Ortona in una poderosa azione di spegnimento assieme a guardia costiera e carabinieri chiamati a coadiuvare le operazioni per mettere in sicurezza le aree colpite. Continua a leggere “Roghi nella notte a Punta Penna, Marra: “Vasto non si farà intimidire””

Nidi del Fratino saccheggiati e danni alla Riserva marina di Vasto

Vasto (Ch). I nidi del fratino sono sotto assedio, in queste ore. A Vasto Marina ne hanno saccheggiati tra quelli monitorati dalle Guardie volontarie del Wwf che stanno svolgendo ulteriori sopralluoghi nella Riserva marina di Vasto dove sono stati segnalati dei danni. I soliti ignoti hanno cercato di compromettere il buon esito della nidificazione del Charadrius alexandrinus, il Fratino, piccolo uccello ormai divenuto simbolo della conservazione sulle spiagge del vastese e di tutto il litorale adriatico.

Aggiornamento 1 e 2

Uova di Fratino (Te) Wwf Reportage.com 2015A Vasto Marina, i soliti ignoti, hanno rubato le uova in 3 nidi del fratino: “Difficile capire il significato del gesto al di là di una Incultura ambientale che sconcerta – scrive in una nota il Gruppo Fratino Vasto – Del resto, come  il recente incendio a Punta Aderci, anche questo gesto è figlio dello stesso distorto approccio con l’ambiente naturale”. Le Guardie volontarie Wwf hanno prontamente denunciato il fatto a Capitaneria, Forestale, Vigili e assessore alle aree protette e ambiente e continuano, con i volontari del Gruppo fratino Vasto, la loro instancabile attività di controllo, censimento e d’informazione a turisti e cittadini. A fine estate faranno il punto della Campagna Fratino 2015 nel vastese che, ogni anno, si arricchisce di contenuti con lo scambio di esperienze con altri territori, quest’anno in particolare con il Molise grazie all’associazione Ambiente basso Molise – Toscana e Puglia e con progetti particolari come quello nazionale di un fumetto sul Fratino ad opera di un disegnatore vastese. I volontari si moltiplicano con questa Campagna, non solo a Vasto, ma in tutta Italia, nonostante il drammatico calo della specie nel nostro paese (oltre il 50% della popolazione svernata negli ultimi anni) a causa di uno sfruttamento insostenibile dei nostri litorali. Il Gruppo denuncia che sono state tolte, senza pianificazione alcuna, le recinzioni in spiaggia a Vasto Marina che garantivano la sicurezza ad un Fratino nato di recente: “Cercheremo di verificare l’involo o meno del giovane esemplare” assicurano i volontari dell’associazione ambientalista e le Guardie del Wwf stanno accertando i danni all’ambiente dunale segnalati nella Riserva marina di Vasto, Sito di interesse comunitario, dal lato pista ciclabile. Il Fratino, nonostante tutto, continua a svolgere il suo insostituibile compito di sentinella sui pericoli che minacciano le spiagge e resiste come i volontari che, attrezzati di binocoli e buona volontà, accompagnano con entusiasmo i voli dei nuovi nati. mariatrozzi77@gmail.com

Aggiornamenti 

Vegetazione sradicata: il Fratino trova tregua all’ombra delle basi degli ombrelloni 11.07.2015

Approfondimenti

Incendi a Punta Aderci, in cenere il promontorio sul mare

Vigili del Fuoco a Punta Aderci Report-age.com 20152 luglio 2015 “Fumo e fiamme nella parte meridionale del promontorio, in direzione della spiaggia di Punta Penne” i pescatori danno l’allarme, alle prime ore del giorno, si trovano all’interno del bacino portuale e lo stesso segnale viene lanciato dagli uomini della Capitaneria di Porto. Sul posto sono intervengono i Vigili del Fuoco del distaccamento di via Madonna dell’asilo di Vasto. Forse le fiamme riprendono vigore, sta di fatto che nel pomeriggio dello stesso giorno brucia un’area del Sinello e le lingue di fuoco si sollevano ancora, è provvidenziale l’intervento dei volontari della Protezione civile diretti da Eustachio Frangione. “Un gesto intimidatorio ad opera di balordi che non ci spaventa, nè mette in discussione il percorso di costituzione del Parco della Costa teatina” reagisce così Marco Marra, assessore ai parchi e all’ambiente del Comune di Vasto, alla notizia dell’incendio doloso divampato nella Riserva naturale di Punta Aderci. É sempre più  forte il sospetto che dietro le fiamme ci siano interessi economici imponenti che vorrebbero convertire in colate di cemento l’area protetta.

Potrebbe essere la stessa mano che estati fa infiammò la parte settentrionale della riserva, danneggiandola. Nel 2012 fini nel mirino incandescente dei piromani la spiaggia di Mottagrossa devastata con 5 incendi, ancora lo scorso anno si è evitato il peggio grazie a 4 interventi di spegnimentoa fermare i roventi progetti che si vorrebbero realizzare sulle spiaggi del vastese sono le sentinelle, amici dell’Ambiente. mariatrozzi77@gmail.com