Tag: procedura d’infrazione

Abruzzo Commissariato nelle bonifiche delle discariche. Al M5S replica Mazzocca

É tale il ritardo dell’Abruzzo che il ministro dell’ambiente, Gian Luca Galletti, interviene commissariando la Regione, questa volta, per la gestione delle discariche non ancora bonificate e sotto procedura di infrazione. Per il Movimento 5 stelle si tratta dei siti che nel 2013 avevano spinto la Commissione europea all’apertura di una procedura di infrazione contro l’Italia, condannata a pagare salatissime sanzioni. “Non è vero – replica il sottosegretario regionale con delega all’ambiente, Mario Mazzocca –  per le sole 6 discariche rimaste da bonificare i lavori sono in corso”. 

Continua a leggere “Abruzzo Commissariato nelle bonifiche delle discariche. Al M5S replica Mazzocca”

L’Abruzzo scivola sulla buccia di banana per le Zone speciali di conservazione. Italia sotto procedura d’infrazione

L’Italia da un anno è finita sotto l’ennesima procedura d’infrazione. Esattamente dal 23 ottobre 2015, da quando la Commissione europea ha attivato la procedura 2015/2163 per la mancata designazione delle Zone speciali di conservazione (Zsc) e delle misure collegate. Grazie all’Abruzzo dove è da tempo bloccata l’istituzione delle aree, denuncia Augusto De Sanctis, presidente della Stazione ornitologica abruzzese (Sic) e l’ente prova ad arrangiare, con una delibera di giunta, almeno sulle misure di conservazione, ma la materia e troppo complessa per relegarla .

Continua a leggere “L’Abruzzo scivola sulla buccia di banana per le Zone speciali di conservazione. Italia sotto procedura d’infrazione”

Ancora palazzi da costruire al porto così si rischia una procedura d’infrazione Ue

Pescara. La Stazione ornitologica abruzzese, Soa, chiede di annullare, in auto-tutela, il permesso di costruire i palazzi che dovrebbero sorgere nell’area portuale del capoluogo e domanda un cambio di destinazione d’uso sottolineando che per il progetto manca la Valutazione ambientale Strategica.

Continua a leggere “Ancora palazzi da costruire al porto così si rischia una procedura d’infrazione Ue”