Tag: pratiche

Mozione di Tirabassi, domani in Consiglio, su funzionalità Ufficio speciale ricostruzione

Sulmona (Aq). Preoccupa il vuoto creato, ai vertici degli uffici speciali per la ricostruzione, dal 30 ottobre giorno di scadenza dell’incarico del dirigente a cui erano affidate tutte le pratiche. Eppure per Sulmona non si è mosso un dito anche prima di quella data. Mauro Tirabassi, consigliere comunale di Alleanza per Sulmona, sottolinea che con questo vuoto la città rischia e anche i Comuni limitrofi, in particolare per quanto riguarda l’Ufficio speciale ricostruzione Comuni del cratere (Usrc).  Continue reading “Mozione di Tirabassi, domani in Consiglio, su funzionalità Ufficio speciale ricostruzione”

Ricostruzione, incontro in Regione per fugare dubbi e aprire nuovi cantieri a Sulmona

Sulmona (Aq). É ripreso il lavoro relativo alle pratiche presentate sul progetto di Mitigazione del rischio sismico, così annuncia oggi l’assessore comunale Antonio Angelone: “Da qualche settimana, con la nomina del nuovo tecnico che si affianca alla parte amministrativa, è stato possibile riavviare la macchina operativa in questo ambito”. Continue reading “Ricostruzione, incontro in Regione per fugare dubbi e aprire nuovi cantieri a Sulmona”

Sisma 2009. Ricostruzione al palo: rischio crollo in centro a Sulmona, intervengono Vigili del fuoco e Carabinieri

Sulmona (Aq). Pratiche ancora inevase e burocrazia all’ennesima potenza, così muore il capoluogo Peligno. Niente contributi per partire con i lavori di ricostruzione dei già vecchi edifici gravemente lesionati dal terremoto del 2009.  Zeppo di crepe, quello al numero civico 30 di via Francesco Pantaleo, nel cuore del centro storico sulmonese, rischia di crollare per strada e su altri palazzi. I puntellamenti sono quelli dei vigili del fuoco di Foggia, ormai marci e inefficaci. L’area va (ri)messa in sicurezza, di fronte c’è un edificio abitato e il rischio è che le pareti dell’altro finiscano sull’immobile appena ristrutturato. Il rudere va isolato e reso innocuo. “Sono passati 9 anni da quando ho fatto richiesta per i danni del terremoto e per ricostruire, ma il Comune non ha soldi”. Così il proprietario dell’immobile attende che si sblocchi qualcosa a palazzo San Francesco, invano però dall’ufficio sisma non si batte chiodo. Così stamane ha chiamato i Vigili del fuoco di Sulmona per una verifica dello stabile che tutto attorno è stato, di nuovo, transennato. L’uomo è intenzionato a presentare un esposto alla procura della Repubblica di Sulmona e ha chiarito che pagherà di tasca sua i lavori, da avviare subito perché non si può più attendere ancora: “Un’altra scossa e qui crolla tutto” ha detto. Siringhe, rifiuti e cattivi odori nel vicolo del centro storico a fare da cornice a questo ennesimo scandalo sulmonese, con il nastro di sicurezza e i puntellamenti come all’Aquila anni fa. Qui il tempo sembra essersi fermato. Il vicolo è chiuso dall’arco di via degli Archibugi sino all’angolo di via Pantaleo dove le vecchie transenne disposte, secoli fa per la messa in sicurezza e per  tener lontana la gente, sono persino prive di base e si reggono per l’allegria.

Aggiornamento. Proprio poche ore dopo l’annuncio dell’esposto del proprietario della vecchia abitazione di via Pantaleo, sarà un caso, gli amministratori di Sulmona si sono decisi ad avviare i bandi di concorso per assumere personale e, tra gli altri, 2 istruttori geometri part time da impiegare nell’ufficio sisma. Un po’ tardino per riparare, non sembra?

 

mariatrozzi77@gmail.com

 

Criticità amministrative. Compagnone: ‘Spostare l’attenzione e dire che va tutto bene non giova’

L’Aquila. Il presidente dell’ordine degli Architetti dell’Aquila, Edoardo Compagnone, interviene sulle dichiarazioni  dei consiglieri di maggioranza del Comune di Sulmona che in una nota sabato hanno denunciato una presunta strumentalizzazione politica di un ordine professionale. Il presidente  ribadisce che si tratta di aspetti fondamentali per la ripresa delle attività del territorio. 

Continue reading “Criticità amministrative. Compagnone: ‘Spostare l’attenzione e dire che va tutto bene non giova’”