Tag: pesca

Smargiassi sulla Riforma dei Trabocchi: “Questa norma interessa solo qualcuno?”

“La norma non è urgente e scriverla di fretta e furia, viste le numerose criticità, è un errore che danneggerebbe tutto il territorio” così il presidente della commissione regionale Vigilanza, Pietro Smargiassi, interviene sull’iniziativa di legge, presentata in commissione Ambiente dall’assessore regionale Nicola Campitelli, che punta a modificare la struttura degli antichi trabocchi emblema della costa abruzzese.

Aggiornamento Continua a leggere “Smargiassi sulla Riforma dei Trabocchi: “Questa norma interessa solo qualcuno?””

Trabocchi, con la riforma si teme la perdita della loro identità

Questa mattina Luciano Di Tizio, delegato regionale del Wwf Abruzzo, intervenuto anche in rappresentanza del Fai Abruzzo, ha partecipato all’audizione presso la Commissione Territorio del Consiglio regionale per difendere uno dei simboli dell’Abruzzo costiero, i trabocchi.

Aggiornamento 1 e 2 Continua a leggere “Trabocchi, con la riforma si teme la perdita della loro identità”

Moria dell’Epifania: 20 tartarughe spiaggiate

Sempre più frequenti gli spiaggiamenti sulla costa adriatica, in meno di una settimana una ventina di tartarughe finiscono sulla spiaggia, alcune ancora vive. Due anni fa, in questo stesso periodo, le tartarughe spiaggiate erano 9, con una sola sopravvissuta. Quest’anno, dal 4 al 6 gennaio lungo le coste d’Abruzzo e Molise, sono state rinvenute 19 tartarughe, 14 decedute (73,7%) e 5 in vita.

Continua a leggere “Moria dell’Epifania: 20 tartarughe spiaggiate”

Ripopolamento fiumi abruzzesi: 39 mila fra trotelline e trotelle per la gioia dei pescatori

L’Aquila. Partirà dalla provincia dell’Aquila il ripopolamento dei fiumi abruzzesi nelle giornate del 17, 18 e 19 ottobre. Continua a leggere “Ripopolamento fiumi abruzzesi: 39 mila fra trotelline e trotelle per la gioia dei pescatori”

Più plastica che pesci in mare? Salviamoci.

La previsione è che entro il 2050 ci sarà più plastica che pesci, in mare, se non s’interviene. per questo la petizione del Wwf che punta alla tutela del mare chiedendo di introdurre il divieto dei prodotti in plastica monouso e di mettere fuori produzione le microplastiche usate per contenere detergenti e cosmetici, con l’obiettivo di riciclare il 100% dei piccoli imballaggi attraverso incentivi ai consumatori per la riconsegna e ancora per censire, recuperare per poi smaltire attrezzi da pesca in plastica abbandonati in mare. É su questa linea la proposta di legge d’iniziativa governativa annunciata dal ministro dell’ambiente Sergio Costa che potrebbe arrivare in aula già il prossimo mese. Continua a leggere “Più plastica che pesci in mare? Salviamoci.”

Plastifera: Ecosistema tossico. Montagne di Plastica nell’Adriatico

Pescara. Un sit-in in piazza Primo Maggio per l’Abruzzo che accoglie e risponde alla campagna Spiagge e mare Plastic Free lanciata dal Wwf Italia per salvare il mare e le coste dalla plastica. Continua a leggere “Plastifera: Ecosistema tossico. Montagne di Plastica nell’Adriatico”

Vongole: scatta il divieto di pesca che penalizza anche l’Abruzzo

Giù l’ancora per 82 vongolare abruzzesi, 2 mesi di divieto di pesca della ‘risorsa vongola’ entro 500 metri dalla costa. Il provvedimento disposto dal ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali però non toccherà i Consorzi di Venezia e Chioggia in Veneto e Monfalcone, in provincia di Gorizia (Friuli-Venezia Giulia), ma bloccherà tutti gli altri pescatori per ben 2 mesi.

Continua a leggere “Vongole: scatta il divieto di pesca che penalizza anche l’Abruzzo”

Impigliata e ferita da un grosso amo: salvata Tyrion.

Pescara. La testuggine è in grande difficoltà, annaspa a poche centinaia di metri da un natante. Più da vicino quelli dell’imbarcazione Sesula si accorgono che è ferita ed è anche impigliata. Insomma, l’animale non ha scampo.

Continua a leggere “Impigliata e ferita da un grosso amo: salvata Tyrion.”

Mercurio oltre i limiti nei pesci del Pescara: Nemmeno l’ombra di divieti di pesca e messa in sicurezza

Basta gridare ai 4 venti e solo dai giornali per pesci su 18 che a valle della discarica di Bussi superano i limiti di legge per il mercurio. Se i valori sono fuori norma, non tanto per il mercurio quanto per il cromo a Manoppello (Pe) però, si facciano le ordinanze di divieto di pesca o si taccia. L’ambiente non è una passerella per disadattati. 

Aggiornamento

Continua a leggere “Mercurio oltre i limiti nei pesci del Pescara: Nemmeno l’ombra di divieti di pesca e messa in sicurezza”

Polizia provinciale a rischio. Wwf: istituire un servizio di vigilanza regionale per l’Ambiente

L’Aquila. Sarà discusso domani in consiglio regionale il Progetto di legge 132/2015 sulle Disposizioni per il riordino delle funzioni amministrative delle Province (in attuazione della Legge 56/2014). Il provvedimento è necessario per riorganizzare gli apparati e le funzioni finora di competenza della Provincia. I consiglieri regionali dovranno decidere sul futuro degli agenti e degli ufficiali delle Polizie provinciali abruzzesi che rischiano di scomparire insieme ai controlli che finora hanno garantivano nel campo dei rifiuti, degli inquinamenti, della caccia e della pesca. Per questa ragione il Wwf propone di istituire un servizio di vigilanza regionale riassorbendo il personale della polizia provinciale.

Continua a leggere “Polizia provinciale a rischio. Wwf: istituire un servizio di vigilanza regionale per l’Ambiente”

Rastrelli vibranti alla larga dall’area marina protetta del Cerrano, lo dice l’Ispra

Pineto (Te). Vongolare e rastrelli vibranti alla larga dall’area marina Torre del Cerrano, l’istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale mette una pietra tombale all’ingresso delle vongolare nell’incantevole area marina protetta sancendo una volta per tutte che la provincia di Teramo non fa eccezione e dunque la pesca con il rastrello vibrante non è compatibile con la tutela dell’area così  come non lo è nel resto d’Italia.

Continua a leggere “Rastrelli vibranti alla larga dall’area marina protetta del Cerrano, lo dice l’Ispra”

Polizia provinciale nei vigili urbani? Wwf Abruzzo: “E’ a rischio il sistema di vigilanza ambientale”

“Sono a  rischio le competenze in materia ambientale delle Polizie provinciali – esordisce in una nota il Wwf Abruzzo dopo la ventilata ipotesi di accorpamento del Corpo forestale dello Stato con altri Corpi di polizia – sminuendo così i primari compiti di tutela ambientale di tale istituzione, assistiamo ora all’azzeramento delle funzioni di tutela ambientale delle Polizie provinciali, destinate da uno dei tanti provvedimenti, spesso contraddittori e confusi, di riorganizzazione delle Province a confluire nella Polizia locale. Una scelta incomprensibile e contraddittoria poiché si andrebbe a indebolire ulteriormente il sistema di vigilanza ambientale proprio nel momento in cui vengono introdotti nel codice penale gli ecoreati”. Continua a leggere “Polizia provinciale nei vigili urbani? Wwf Abruzzo: “E’ a rischio il sistema di vigilanza ambientale””