Eccidio Limmari: Farnesina per l’immunità della Germania condannata e le Vittime non vedranno un centesimo

Pietransieri di Roccaraso (Aq). Il 2 novembre la Germania è stata condannata, quale erede del terzo reich, per l’eccidio dei Limmari. Circa 1,6 milioni di euro di risarcimento del danno andrebbero al Comune di Roccaraso e altri  5 milioni di euro agli eredi delle vittime e all’unica sopravvissuta al massacro, Virginia Macerelli, in base a quanto stabilito dal giudice del tribunale di Sulmona, Giovanna Bilò. Sentenza simbolica, dicono, perché di tutto questo le vittime non vedranno mai un centesimo. Perchè? 

Aggiornamento e Archivio

Read more

Cambiamenti climatici, domani incontro conclusivo all’Aquila per il processo partecipativo

L’Aquila. Il processo partecipativo al Piano di adattamento ai cambiamenti climatici (Pacc) approderà domani nel capoluogo di regione per l’incontro finale volto ad affrontate le criticità emerse dal profilo climatico e riscaldamento, le conseguenze biogeografiche e gli effetti sul patrimonio naturale del cambiamento delle temperature. Il sottosegretario Mario Mazzocca porta avanti i propositi della Cop23, la Conferenza internazionale sul clima che quest’anno si è tenuta a Bonn. 

Read more

Profilo climatico per l’Abruzzo che mantiene l’impegno preso alla Cop21 di Parigi

Pescara. La definizione, entro la fine dell’anno, del profilo climatico regionale, la compiuta redazione della strategia regionale nei 2 mesi successivi e l’adozione del Piano regionale di adattamento ai cambiamenti climatici entro il 2017 sono  alcuni gli obiettivi su cui punta, in particolar modo, la Regione che intende mantenere le promesse fatte a Parigi e si organizza per fronteggiare i cambiamenti climatici, nel suo piccolo, così per contribuire al miglioramento della qualità dell’aria e della vita.

Read more

Francia sulla strada della messa al bando delle trivelle: a quando l’Italia

Referendum 17 aprile un Sì contro le trivellePescara. Sulla scia di quanto deciso già in Croazia lo scorso anno, la ministra dell’ambiente e dell’ecologia Ségolène Royalha ha annunciato una moratoria immediata sulla ricerca di idrocarburi in mare. Il governo francese potrebbe estendere presto l’invito alla chiusura alle trivelle in mare per tutto il Mediterraneo. Il governo italiano cosa aspetta, dovrà prendere una decisione prima o poi.

Read more

Oltre 400 pozzi e 145 piattaforme nell’Adriatico. One Adriatic: ‘Fermate le trivelle’

Legambiente con la rete One Adriatic invia una lettera a tutti i ministri dell’ambiente, alla Commissione europea e al Parlamento europeo per chiedere di fermare le trivellazioni nel mare Adriatico praticamente assediato. Secondo i dati Legambiente in questo mare sono installate 145 piattaforme offshore con oltre 400 pozzi, sarebbero oltre 50 le concessioni già operanti per l’estrazione di gas e petrolio tra acque italiane e croate. Senza contare che nel mirino delle multinazionali sono finite altre 72 aree dell’Adriatico in cui s’intende avviare la ricerca e lo sfruttamento. 

Read more

Clima: a qualcuno piace caldo. Rapporto Wwf alla vigilia del summit di Parigi

A dir poco raccapricciante lo scenario rappresentato dal nuovo rapporto Biodiversità e cambiamenti climatici che il Wwf elabora in occasione del summit di Parigi, siamo alla vigilia dell’incontro in cui i leader mondiali tenteranno un nuovo ed efficace accordo globale sul clima, per evitare che nel prossimo decennio il riscaldamento globale superi i 2°C

Report Wwf 2015 Biodiversità cambiamenti climatici
Read more

Costa delle trivelle. L’Abruzzo occupato per estrarre petrolio di pessima qualità

Pescara. Permessi di ricerca, concessioni di coltivazione e stoccaggio dicono che l’Abruzzo è una regione occupata dai petrolieri per estrarre oltretutto petrolio difficile, di pessima qualità. Un dossier con numeri, dati e analisi sulla deriva petrolifera, che si integra alla proposta di uno sviluppo energetico alternativo, da avviare con un Green act, sono le risposte alla deriva petrolifera, date da Wwf, Legambiente, Italianostra, Lipu, Fai, Cai e Arci regionale che oggi portano avanti la loro campagna di sensibilizzazione contro l’energia fossile, vista la conversione in legge dello Sblocca italia, la capitolazione dell’Abruzzo condannato ad essere un distretto minerario e la condanna a morte per l’energia pulita.  Read more