Tag: pale eoliche

Ancora incendi. Marsica: Brucia la Pineta di Pescina, Canadair in azione. Terzo incendio nell’area in 4 mesi

Pescina (Aq). Le fiamme bruciano una pineta nell’area compresa tra Pescina e Venere e il fumo in lontananza, tra la boscaglia, stamane ha allarmato la popolazione. Il problema è sempre quello, se non piove brucia tutto. Il sole caldo di questi giorni d’ottobre sembra proprio aver allungato l’Estate 2017, dura a morire sul fronte incendi e che pur spegnendosi, alla lunga trascina con sé ceneri e fiamme anche ad  Autunno inoltrato. 

Continua a leggere “Ancora incendi. Marsica: Brucia la Pineta di Pescina, Canadair in azione. Terzo incendio nell’area in 4 mesi”

Fuoco verso le Pale Eoliche. Sul posto la Protezione civile di Pettorano, Anversa, volontari e Vigili del fuoco di Chieti

Prezza (Aq). Nemmeno il tempo di prendere una pausa, di ragionare su quanto sta accadendo in queste ore in provincia dell’aquila. Immagini, queste almeno per dare una idea della situazione sui 2 nuovi fronti del fuoco. Il Primo sull’autostrada e le fiamme si allungano verso l’impianto eolico in cima, in questo momento presidiato dai coraggiosi e volenterosi della Protezione civile di Pettorano sul Gizio e di Anversa degli Abruzzi con una trentina di volontari civili e i Vigili del fuoco di Chieti. (Davvero grazie ragazzi per tutto). 

Continua a leggere “Fuoco verso le Pale Eoliche. Sul posto la Protezione civile di Pettorano, Anversa, volontari e Vigili del fuoco di Chieti”

Futura rotta di collisione: 12 aerogeneratori sul corridoio di passaggio degli uccelli migratori

Civitaluparella (Ch). “Oltre a poter ammirare il volo di rapaci tra cui il Nibbio reale, non manca l’occasione di qualche avvistamento speciale come un volo migratorio di Gru – dal balcone di casa a Civitaluparella, l’ambientalista Paolo Ricci riprende il passaggio di questi favolosi uccelli, replicato dopo 5 minuti dal volo in formazione di un altro stormo. Ed è proprio in questi cieli della migrazione che presto aquile, falchi e gru saranno minacciati. Da Civitaluparella a Montebello sul Sangro sino a Montelapiano si sviluppa il progetto di una centrale eolica con 12  aerogeneratori alti quasi 170 metri, poco meno della cupola capitolina della basilica di San Pietro. 

Aggiornamento

Continua a leggere “Futura rotta di collisione: 12 aerogeneratori sul corridoio di passaggio degli uccelli migratori”

Cocullo On Air, nell’entroterra quasi selvaggio

Da Goriano Sicoli a Cocullo, nell’aquilano selvaggio, il vecchio e il nuovo sono costretti ad una forzatura non indifferente. Il paesaggio che si propone attorno è qualcosa di talmente dolce che gli impianti per l’energia, piantati a profusione, danno un retrogusto amaro davvero. Quando le installazioni colpiscono aree come questa l’impatto è percepito male, è meno accettabile ed è più violento. 

Continua a leggere “Cocullo On Air, nell’entroterra quasi selvaggio”

I Giganti di Forca Caruso. Abruzzo Ultima Frontiera

Superato Castelvecchio Subequo, arrivando a Castel di Ieri, in provincia dell’Aquila, le buone condizioni del manto stradale, della statale 5, spingono sul versante marsicano evitando l’autostrada e i viadotti Peligni che un nuovo progetto destina alla demolizione, per l’adeguamento sismico e la messa in sicurezza delle autostrade A24 e A25 di cui Strada dei Parchi è gestore e responsabile.

Continua a leggere “I Giganti di Forca Caruso. Abruzzo Ultima Frontiera”

Uccelli a pezzi per le pale. Petizione per fermare il Parco eolico 3 comuni

Da novembre con una petizione rivolta a Cristina Gerardis, presidente del Comitato regionale di Valutazione d’impatto ambientale, gli ambientalisti abruzzesi chiedono di fermare la centrale eolica Tre comuni. Oggi La Lipu rinnova l’invito a sottoscrivere, on line, l’iniziativa contro il progetto del Parco eolico da realizzare nei territorio dei comuni di Civitaluparella, Montebello sul Sangro e Montelapiano, in provincia di Chieti. Continua a leggere “Uccelli a pezzi per le pale. Petizione per fermare il Parco eolico 3 comuni”

Fulmine su monte Catini: incendio tra le Pale Eoliche di Cocullo

Incendio monte Catini ore 16 Foto di copertina Maria Trozzi)
Incendio monte Catini ore 16 Foto Trozzi

Cocullo (Aq). Nel tardo pomeriggio si è scatenato ieri un forte temporale in valle Peligna. Sono caduti parecchi fulmini nella conca, tra tuoni e un incredibile scroscio d’acqua non sono mancati gli allagamenti a Sulmona e una scarica elettrica che ha provocato persino un incendio sull’altura che sovrasta Cocullo. La furia temporalesca si è spostata con le sue minacciose nubi grigiognole verso Sud Ovest a far danni sulle vette. Uno dei tanti fulmini scaricati a terra ha colpito però la cresta di monte Catini, sull’area del Parco eolico, a circa 1.300 metri d’altezza. L’incendio è divampato appena dopo, sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco di Sulmona e di Avezzano e il Corpo forestale dello Stato che da ieri presidia l’area e procede alle operazioni di spegnimento, a mano, rese piuttosto difficili dal fatto che il luogo in cui s’interviene è davvero impervio, difficile da raggiungere. Questa mattina sembrava tutto risolto, ma come si è alzato il vento e con il caldo l’incendio s’è ravvivato, spostandosi anche verso Ovest, nell’area marsicana.

Continua a leggere “Fulmine su monte Catini: incendio tra le Pale Eoliche di Cocullo”