Tag: ordinanza

Navelli, maltempo e ordinanza di divieto: problemi per raccolta rifiuti

Navelli (Aq). Potrebbero verificarsi problemi sulla raccolta rifiuti, avvisa la società Asm che in queste ore non può trasportare i rifiuti fuori dal Comune a causa del maltempo e del divieto di circolazione dei veicoli commerciali superiori a 7,5 tonnellate disposto dal prefetto dell’Aquila.  Continue reading “Navelli, maltempo e ordinanza di divieto: problemi per raccolta rifiuti”

Sospesa la Ztl in centro, Piano neve operativo in queste ore

Sulmona (Aq). Sospesa la Zona a traffico limitato nel centro storico oggi e domani per l’attivazione del Piano neve con chiusura al traffico su via Porta Romana e la discesa di via Amendola e conseguente inversione del senso di marcia su via Corfinio e via Mazara Continue reading “Sospesa la Ztl in centro, Piano neve operativo in queste ore”

Sta per Scattare il divieto dei Botti a Capodanno, in vigore sino al 2 Gennaio

Sulmona (Aq). Il divieto di esplodere i petardi sarà di nuovo in vigore tra poche ore e sino al 2 gennaio però nessuno ancora si preoccupa di come riuscire davvero a farlo rispettare. A ricordare la necessità di un’ordinanza del genere sono stati anche gli ultimi accadimenti in centro storico, con un negoziante aggredito, alle spalle, dal padre di un ragazzino che ne sparava parecchi di petardi, sabato in prima serata, dinanzi le vetrine del nuovo negozio.

Continue reading “Sta per Scattare il divieto dei Botti a Capodanno, in vigore sino al 2 Gennaio”

Il Tar vieta la caccia nelle fasce esterne del Pnalm del Lazio e nei siti Natura 2000 marchigiani

Due sentenze del Tar Lazio oggi rimarcano la linea di confine per l’attività venatoria vietandola nella fascia esterna laziale del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, per febbraio niente caccia con uno stop anche nelle aree Natura 2000 delle Marche.  Continue reading “Il Tar vieta la caccia nelle fasce esterne del Pnalm del Lazio e nei siti Natura 2000 marchigiani”

Vietato dar da mangiare ai gatti randagi in centro: infuria la polemica per l’ordinanza sindacale

Cocullo (Aq). Un fiume in piena, di commenti non sempre positivi, sta in coda al post del sindaco di Cocullo, Sandro Chiocchio, che oggi su Facebooκ ha postato un’ordinanza di divieto di somministrazione di alimenti ai gatti randagi nel centro storico della località turistica, conosciuta per il rito dei serpari che si svolge il primo giovedì di maggioContinue reading “Vietato dar da mangiare ai gatti randagi in centro: infuria la polemica per l’ordinanza sindacale”

Altro studio sismico per la centrale, ancora niente ordinanza per tutelare il tritone

Il tono rassicurante del sì romano al nuovo studio sismico, chiesto alla multinazionale per la centrale di spinta e il metanodotto Snam, non allontana la posa della prima pietra, né il rischio simico, ma solo eventuali reazione pacifiche contro la realizzazione del mostro. Continue reading “Altro studio sismico per la centrale, ancora niente ordinanza per tutelare il tritone”

Campo Di Giove. Acqua non potabile al Fontanone di Piazza Duval

Campo Di Giove (Aq) (Aggiornamento). Difficile comprendere cosa sia successo anche perché sul sito del Comune non compare alcun atto e spiegazione sulla non potabilità dell’acqua della fontana, per il momento. Idem per la pagina Web dell’Albo pretorio spoglia dell’ordinanza indicata nel foglio esposto sulla fontana. Le immagini sono state scattate a Mezzogiorno. Alle ore 11.54 è stato trasmesso nella pagina Facebook del comune montano un video degli interventi in una delle strade chiuse dalla provincia a 23 ore prima la stessa pagina dà notizia dell’installazione di un defribrillatore. Trascorse le ore 13 ancora nulla viene riportato, nell’Albo pretorio, dell’ordinanza che il sindaco di Capo di Giove,  Giovanni Di Mascio, dovrebbe aver emesso. Esattamente sarebbe la numero 3 del 30 maggio 2018 così indicata il foglio bianco plastificato in cui è stampata la dicitura Comune Campo di Giove ufficio Polizia locale wed è così segnato: Acqua non potabile. Fatto è che oggi nessuno si avvicina all’impianto. Il foglio è esposto sulla colonnina del fontanone di piazza Alberto Duval, fissato con dello scotch firmato Banca popolare dell’Emilia Romagna. L’avviso comparso senza altre spiegazioni getta nell’inquietudine la comunità soprattutto per l’acqua potabile ad uso domestico. Ad intuito una spiegazione sarebbe dovuta ai cittadini, anche perché nessuno ricorda, sino ad ora, che l’acqua della storica fontana non fosse potabile. Probabilmente le ultime analisi dell’Agenzia regionale per la tutela ambientale (Arta)supportata di solito dall’Azienda sanitaria locale (Asl1) potrebbero aver rilevato batteri tali da superare i limiti di legge e vietare l’uso dell’acqua della sola fontana. É semplicemente un’ipotesi, in attesa dei necessari chiarimenti (ore 14.18).

mariatrozzi77@gmail.com

 

Recupero Centro Storico, le proposte di Italica per un Progetto d’ampio respiro

Sulmona (Aq). C’è bisogno di una grande rivisitazione del centro storico e anche della fascia esterna delle mura cittadine su cui vanno creati i presupposti per recuperare e valorizzare spazi a servizi per i cittadini, utili al visitatore e buoni per il turista e i commercianti del centro ormai poco frequentato” è solo una delle tante proposte di Alberto Di Giandomenico, il leader di Italica Identità e territorio interviene sulla protesta dei commercianti del centro storico che giovedì hanno sfilato lungo corso Ovidio per chiedere una rimodulazione della Zona a traffico limitato (Ztl), parcheggi gratuiti, eventi che attraggano turismo in centro, cura ed attenzione per il cuore della città che muore anche avviando la ricostruzione post sisma da troppo tempo al palo.

Continue reading “Recupero Centro Storico, le proposte di Italica per un Progetto d’ampio respiro”

Cestino bruciato, quanti danni nella città degli incendiari

Sulmona (Aq). Quel che rimane del rogo, nonostante la notte, è ancora tiepido. Tra cenere e carbone resta una bottiglia di birra e una sorta di cordino viola che cinge ancora la base del cilindro, in legno. Danni, tanti danni dei vandali di capodanno e i botti contribuiscono ad ingrassare il debito dei cittadini.

Continue reading “Cestino bruciato, quanti danni nella città degli incendiari”

Domani lezioni sospese per gli alunni della Masciangioli. Si torna a scuola alla Capograssi anche per i piccoli della Collodi

Sulmona (Aq). Con ordinanza sindacale domani sono sospese le attività educative, didattiche e le lezioni per le 11 classi della scuola primaria Masciangioli, da tempo chiusa in attesa dei lavori, da collocare nei Musp nella ex caserma Cesare Battisti. Domani riprende regolarmente l’attività educativa, didattica e le lezioni nell’edificio scolastico Capograssi di via Dalmazia per le 2 sezioni della scuola dell’infanzia Collodi nonché per le 10 classi della scuola secondaria di primo grado Capograssi. 

Continue reading “Domani lezioni sospese per gli alunni della Masciangioli. Si torna a scuola alla Capograssi anche per i piccoli della Collodi”

Diagnosi all’Aquila se il Csm non sbaracca e il sindaco non sospende l’ordinanza. Parola di Asl1

Sulmona (Aq). Prestazioni diagnostiche mensili, di medicina nucleare, sparate dritte all’Aquila se il 7 dicembre sarà ancora in vigore l’ordinanza sindacale 96 che sospende le prestazioni del Centro di salute mentale (Csm) al numero civico 34 dell’edificio a pochi passi dalla chiesa di San Francesco, appena ristrutturato, ma non a norma.

Aggiornamento

Continue reading “Diagnosi all’Aquila se il Csm non sbaracca e il sindaco non sospende l’ordinanza. Parola di Asl1”

Pala e Piccone. Ai volontari non iscritti ad associazioni accreditate   interdetto il Morrone

Sulmona (Aq). Pronta l’ordinanza (clicca qui per leggerla) per garantire che solo le associazioni di volontariato accreditate e chi ne fa parte intervengano nelle operazioni di spegnimento dell’incendio del Morrone, indomabile oramai da 6 giorni. Solo gli accreditati e i ben attrezzati con autorizzazione potranno operare nelle squadre con i Vigili del fuoco, degli alpini e delle Forze dell’ordine. 

Aggiornamento

Continue reading “Pala e Piccone. Ai volontari non iscritti ad associazioni accreditate   interdetto il Morrone”

Eseguita ordinanza di custodia cautelare per un rapinatore minorenne 

Pescara. Questa mattina i Carabinieri della Stazione di Pescara colli hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare presso l’istituto penale minorile di Casal del Marmo (Roma) nei confronti di un 17enne, straniero, per il reato di rapina. 

La misura è stata emessa dal giudice delle indagini preliminari del tribunale dei minorenni dell’Aquila, Cecilia Angrisano, su richiesta del procuratore della Repubblica, Roberto Polella. I fatti contestati al minore sono avvenuti del 17 aprile. In quel pomeriggio un coetaneo, che stava passeggiando sulla riviera Sud, veniva avvicinato dall’arrestato che a volto scoperto gli intimava la consegna del portafogli, minacciando di colpirlo con il casco. Il tono perentorio della richiesta non lasciava margini alla vittima che consegnava al baby rapinatore il portamonete, contente solo pochi euro. Ottenuto quanto richiesto, il minore si è allontanato dal luogo a bordo di uno scooter. La vittima ha trovato il coraggio di denunciare l’accaduto avviando così le indagini. Dalla descrizione e dal modus operandi i Carabinieri hanno idenrificato l’aggressore già noto alle forze dell’ordine per una serie di rapine sulla riviera Nord nei primi mesi del 2015, sempre a danno di giovanissimi e sempre commesse al fine di impossessarsi di portafogli e telefoni cellulari.

Il giovane straniero per le 3 rapine commesse era già trattenuto prima in  istituto e poi sottoposto alla misura della messa in prova, disposta dall’autorità giudiziaria. “L’arresto odierno conferma l’attenzione da parte dei militari dell’Arma a contrastare efficacemente fenomeni delinquenziali che vedono protagonisti giovani e giovanissimi che a volte, con scarsissima consapevolezza, si macchiano di gravi reati frequentemente consumati a danno di coetanei – spiega in una nota il maggiore Claudio  Scarponi, comandante della compagnia – Nonostante il rilievo penale delle condotte e la necessità di sanzionarle anche con misure significative, è dovere della società nel suo insieme partecipare al loro recupero poiché cambiare è sempre possibile e farlo in giovane età è più agevole”.