Tag: opera

Progetto Snam, i Comitati chiedono iniziativa forte alla sindaca Casini

Sulmona (Aq). I Comitati cittadini per l’ambiente hanno inviato al sindaco di Sulmona, Annamaria Casini, una lettera in cui le chiedono di convocare con urgenza una assemblea pubblica sulla questione Snam. Continue reading “Progetto Snam, i Comitati chiedono iniziativa forte alla sindaca Casini”

Rigettate le 46 domande di risarcimento di Terna. Di Pasquale: ‘La Società dovrebbe chiedere scusa’

Lanciano (Ch). Accade in Abruzzo che ad una multinazionale, per 46 volte e in meno di 2 anni, vengano rigettate per infondatezza le pretese di risarcimento miliardario fatte ai cittadini che hanno cercato di difendere la loro terra. Si è spostata da tempo nelle aule di tribunale la battaglia contro l’elettrodotto Villanova-Gissi che, anni dopo la realizzazione dell’opera, si combatte ancora per chi si oppose strenuamente alle immissioni necessarie ad aprire i cantieri del colosso dell’elettricità per sollevare in cielo decine di tralicci dell’alta tensione. La società ritiene che opponendosi quella gente sia stata responsabile della ritardata attivazione dell’elettrodotto, ma i giudici stanno dando ragione ai proprietari dei terreni. Terna ribadisce che, al fine di acquietare definitivamente la situazione venutasi a creare e ristabilire un clima di serenità e di collaborazione sul territorio, ha da tempo deciso di non proporre nessuna opposizione verso le decisioni emesse dai tribunali di Chieti e di Lanciano per i procedimenti riguardanti i cittadini della zona” scrive in una nota la società.

Al tecnico Antonio Di Pasquale, tra i protagonisti di questa incredibile vicenda, Terna aveva chiesto un risarcimento ultra miliardario e grazie alle più recenti sentenze il tecnico finalmente tira un sospiro di sollievo. Di Pasquale commenta e riporta le decisioni dei 4 giudici impegnati nei procedimenti, a suo carico, attivati dalla multinazionale. Sono 3 anni di traversie e vicissitudini e c’è davvero tanto da dire. La prossima udienza si terrà il 23 aprile quando si discuterà del contestato verbale redatto dai dipendenti Terna, per i fatti dell’8 luglio 2015 in contrada Sant’Onofrio, che riguarderebbe l’immissione nei terreni della famiglia Del Bello con la signora Franca Colanero finita in ospedale a fine giornata. Il dipendente che redasse l’atto è stato rinviato a giudizio e tra 7 giorni finalmente partirà il procedimento.

Continue reading “Rigettate le 46 domande di risarcimento di Terna. Di Pasquale: ‘La Società dovrebbe chiedere scusa’”

Ricorso al Tar delle associazioni ambientaliste contro la centrale

Pescara. Un altro importante No alla centrale di compressione, autorizzata il 7 marzo e da costruire a Case pente di Sulmona, e al metanodotto Rete adriatica che Snam vorrebbe realizzare in area sismica. Un No che sicuramente irrobustisce la linea ambientalista. Si rafforza il fronte dell’opposizione di cittadini e istituzioni al progetto Rete adriatica della Snam. L’appello del sindaco di Sulmona (Aq), Annamaria Casini è quello di partecipare alla manifestazione Stop hub del gas del 21 aprile dalle ore 15  nella città  peligna. Stamane il primo cittadino ha raggiunto nel capoluogo adriatico i rappresentanti regionali di Wwf, Legambiente e Italia nostra per definire altri importanti aspetti della questione Snam. Continue reading “Ricorso al Tar delle associazioni ambientaliste contro la centrale”

Ecco la diffida al dipartimento per l’istruttoria del Sulmona-Foligno, ultimo passaggio prima dell’autorizzazione del Rete adriatica

É pronta la formale diffida al governo nazionale dimissionario, avanzata dal sottosegretario alla presidenza della giunta regionale, Mario Mazzocca. “Si invita formalmente codesto dipartimento/ufficio a non voler proseguire nella strada intrapresa” sottolinea nel documento il sottosegretario regionale con delega all’Ambiente.

Aggiornamento Continue reading “Ecco la diffida al dipartimento per l’istruttoria del Sulmona-Foligno, ultimo passaggio prima dell’autorizzazione del Rete adriatica”

Metanodotto: la purga russa accelera il progetto d’approvvigionamento del gas azero

L’espulsione dei 2 diplomatici russi dall’Italia renderebbe ancora più urgente un diverso approvvigionamento energetico. La spasmodica ricerca d’indipendenza dello Stivale dal gas russo non porta il Bel Paese a superare la frontiera mentale delle fonti fossili, ma lo spingerà a sottomettersi al gas azero di un’altra Repubblica, democratica, è scritto nell’elenco del motore di ricerca Google. Anche quella tedesca era democratica nel 1949. Si preme l’acceleratore, si tenta il tutto per tutto per autorizzare il tratto Sulmona-Foligno del progetto Rete adriatica, connesso al Tap pugliese (Trans adriatic pipeline). Curiosità, delle 2 espulsioni italiane tratta, in un articolo, Alfonso Celotto, avvocato costituzionalista incaricato dal Comune di Sulmona per portare avanti il ricorso contro la recentissima autorizzazione della centrale di spinta Snam prevista a Case Pente, altro segmento spezzettato arbitrariamente – Salami slicing – pratica condannata dalla Corte di giustizia europea ((Direttiva 85/337 Ce ), del progetto Rete adriatica.

Continue reading “Metanodotto: la purga russa accelera il progetto d’approvvigionamento del gas azero”

Incontro sull’Emissario del Fucino, opera d’ingegneria idraulica dell’imperatore Claudio

Capistrello (Aq). Sabato 9 dicembre alle ore 9 presso la Villetta si terrà una seminario di studio sull’Emissario Claudio/Torlonia dal titolo L’Emissario del Fucino – dalla conoscenza alle prospettive di recupero e valorizzazione

Continue reading “Incontro sull’Emissario del Fucino, opera d’ingegneria idraulica dell’imperatore Claudio”

Metanodotto e Centrale Snam, il sindaco Casini chiamato per un ‘incontro decisivo’ al Mise

Sulmona (Aq). Non si può partire in quarta perchè prima di andare a Roma occorre tornare a coordinare l’asse abruzzese delle realtà e degli enti territoriali toccati dal tracciato Sulmona-Foligno del metanodotto Rete adriatica. Non può che essere il primo passo questi per riprendere le redini del gioco, per rientrare in campo e per non essere sopraffatti dalla multinazionale e da un progetto che sta riprendendo vigore e che con il bene dell’Italia non ha nulla a che spartire. Soprattutto per non arrivare a Roma impreparati e già colonizzati. Il sindaco di Sulmona, Annamaria Casini, annuncia dalla sua bacheca Facebook un incontro al ministero per lo sviluppo economico (Mise) per la questione Snam. Un fulmine a ciel sereno perché dopo un anno di stasi la battaglia riprende con i nostri rappresentanti che al ministero delle sviluppo economico saranno al fianco dei maggiorenti. 

Continue reading “Metanodotto e Centrale Snam, il sindaco Casini chiamato per un ‘incontro decisivo’ al Mise”

Classica e jazz ai piedi della Maiella torna il Festival Campo di note

Campo di Giove (Aq). Per la V edizione 4 appuntamenti musicali e 2 incontri-dibattito sull’attualità. Campo di note è puntuale  all’appuntamento con gli appassionati di musica e torna   nella   tradizionale   collocazione   agostana,   con   molte   novità.   Oltre alla tradizionale rassegna di musica  che propone in un unico contenitore i più diversi linguaggi musicali, Campo di note  darà spazio alla riflessione su temi di cronaca, politica e attualità con 2 incontri-dibattito. 

Continue reading “Classica e jazz ai piedi della Maiella torna il Festival Campo di note”

Centrale e gasdotto Snam. Senatori Idv: “Si predisponga un diverso tracciato per il gasdotto”

Pescara. “La tutela dei cittadini e dei territori prima di tutto” i senatori dell’Italia dei valori (Idv) Alessandra Bencini, Francesco Molinari e Maurizio Romani, a favore del principio di precauzione, fanno proprie le preoccupazioni dei comitati dei territori coinvolti dal sisma e chiedono di dare applicazione alla risoluzione della commissione ambiente della Camera che nel 2011, sul progetto del Rete adriatica, disponeva un tavolo per trovare una soluzione alternativa al tracciato del metanodotto che con la centrale di spinta, a Sulmona, attraversa aree a massimo rischio simico in zona 1.

Archivio

Continue reading “Centrale e gasdotto Snam. Senatori Idv: “Si predisponga un diverso tracciato per il gasdotto””

Immissioni Terna: “Lei faccia il suo lavoro che io faccio il mio”

Sant’Onofrio di Lanciano (Ch). “Lei faccia il suo lavoro che io faccio il mio” con questo tono, durante le immissioni di oggi, un delegato Terna si sarebbe rivolto ad un Commissario di Polizia e poi ancora: “Se non vi piace denunciateci”. Tutto durante l’immissione ad un fondo per una delle tante azioni programmate dalla società che sta ultimando l’elettrodotto Villanova – Gissi e che ha proceduto, questa mattina, contro la volontà dei proprietari avvisati comunque dell’arrivo dei lictores Terna.          Approfondimento

Continue reading “Immissioni Terna: “Lei faccia il suo lavoro che io faccio il mio””

Elettrodotto: un pugno all’occhio. Chiesta l’immediata sospensione dei lavori per il Villanova-Gissi

Lanciano (Ch). E’ un pugno all’occhio: paesaggi sono al palo, calanchi, distese coltivate, colline, spazi verdi sacrificati e la salute? Prima di tutto a rischio elettrosmog non solo per gli imprenditori agricoli. I costi fissi in bolletta poi schizzeranno alle stelle. L’elettrodotto 380 Kv va fermato anche per il Comune di Lanciano che a metà agosto fa ribollire il sangue, con i controlli dei suoi tecnici. Un calderone di dubbi sulla qualità e sulla sicurezza sceneggiata per l’opera. L’amministrazione locale chiede un’ordinanza immediata di sospensione dei lavori ai ministeri delle infrastrutture, dello sviluppo economico e dell’ambiente. A gettare nello sconforto assoluto i pochi che ancora credevano nella bontà dell’opera sono le risultanze dei rilievi tecnici eseguiti dall’Ufficio urbanistica del comune teatino. E’ peggio di quanto ci si aspettasse. Preoccupano le carenti risposte della Terna spas che insiste col piantare i pali là dove non sarebbe proprio il caso di farlo. Si ha l’impressione che nemmeno la società sappia ormai cosa stia accadendo, in loco, nei cantieri abruzzesi o forse si lavora ad oltranza, sperando di finire quel capolavoro prima che arrivi il fermo definitivo alla realizzazione della struttura. La Regione però tace..

Continue reading “Elettrodotto: un pugno all’occhio. Chiesta l’immediata sospensione dei lavori per il Villanova-Gissi”

Comitati ambiente: “La Conferenza per autorizzare il gasdotto va sospesa”

Sulmona (Aq). I Comitati cittadini per l’ambiente della valle Peligna, dopo l’incontro di ieri a Roma che si è chiuso con un rinvio della discussione di altri 15 giorni, chiedono che si apra subito un confronto tra governo e Stato per il metanodotto Rete adriatica Snam, scrivono in una nota che alla Regione sia data la possibilità di confrontarsi con la multinazionale attraverso un proprio studio volto a chiarire i rischi possibili determinati dalla presenza di un tubo di quelle dimensioni in territori pieni di faglie attive, basti pensare all’aquilano. Dunque che non sia solo il lavoro del Politecnico di Milano a chiarire la questione sismicità, inoltre sono state presentate solo una decina di diapositive dello studio lombardo per giunta commissionato dalla multinazionale.

Continue reading “Comitati ambiente: “La Conferenza per autorizzare il gasdotto va sospesa””

Centrale Snam da Sulmona a Cupello? Secco No delle associazioni antimafie Atria, Impastato e Peacelink

Assemblea Snam  foto Trozzi Report-age.com 22.09.2014
Assemblea Snam Sulmo 22.9.14 foto Trozzi

Cupello (Ch). C’era d’aspettarselo, sulla Trignina (ss 650) non la vogliono la centrale di spinta della Snam dove il Presidente della Regione, Luciano D’Alfonso, ieri pomeriggio proponeva di spostare quella prevista a Sulmona. Nessuna contrapposizione tra Cupello e Sulmona, tiene a precisare l’attivista Alessio Di Florio perché il No al progetto della Snam, anche in questo caso, è unanime. Sino ad ora però, 11 anni, non si è sentito molto quel No sul resto della regione che sarà strappata in 2 dal metanodotto proveniente dalla Puglia, vastese incluso purtroppo, a prescindere dalla centrale di spinta.  Continue reading “Centrale Snam da Sulmona a Cupello? Secco No delle associazioni antimafie Atria, Impastato e Peacelink”