Tag: no ombrina

Fonti fossili: saldi di fine stagione. Adriatico in liquidazione con la Spectrum

Quella della Spectrum è attività di registrazione sismica sottomarina, ne sono convinti i ministeri italiani, quelli croati e persino il Tribunale amministrativo regionale (Tar Lazio) che risponde al ricorso della Provincia di Teramo, di 7 Comuni della costa teramana e di 2 marchigiani ribadendo che ‘Non è attività di ricerca’ quella della società norvegese che può così dare il via ai sondaggi marini con il decreto di compatibilità ambientale rilasciato da Gian Luca Galletti e Dario Franceschini, rispettivamente ministri dell’Ambiente e dei Beni e attività culturali (Mibact). Si spalancano le porte dell’Adriatico selvaggio alla Seabird Northern explorer, la nave norvegese equipaggiata per sondare i fondali marini alla scoperta di chissà cosa da condividere, poi, con chissà quali soggetti dai nomi altisonanti della lista che la società custodisce nel cassetto “grandi compagnie petrolifere del mondo”. 

Continua a leggere “Fonti fossili: saldi di fine stagione. Adriatico in liquidazione con la Spectrum”

Ombrina: sparito il ferrovecchio dal mare Adriatico

Ortona (Ch). Sono conclusi i lavori di smantellamento della piatraforma petrolifera Ombrina mare 2 Dir a pochi chilometri dalla costa Adriatica, in Abruzzo.

Aggiornamento

Continua a leggere “Ombrina: sparito il ferrovecchio dal mare Adriatico”

Oggi a Venezia NoTav, No grandi navi e No Ombrina per dire Basta alle opere inutili

No Ombrina Venezia Report-age.com 8.3.2016Venezia. La bandiera No Ombrina sventola anche a Venezia per dire no alle grandi opere inutili e devastanti e sì all’unica grande opera, il risanamento del Paese. Il vertice italo francese si è appena aperto, la città lagunare è blindata, chiusi il campanile e tutti i musei dell’area.

Il Parco fantasma e il Parco marino in conflitto di competenza

Chieti. La Regione ha istituito un’area protetta in mare, di fronte la costa dei Trabocchi e dell’area Frentana, in conflitto di competenza perché ad istituire delle aree marine protette non può che essere lo Stato. Intanto annaspa la istituzione del Parco nazionale della costa dei Trabocchi, utile a porre un freno alla cementificazione selvaggia della costa e all’imminente arrivo della piattaforma petrolifera Ombrina mare 2.

Continua a leggere “Il Parco fantasma e il Parco marino in conflitto di competenza”

Presentati 3 emendamenti che stopperanno la piattaforma Ombrina mare 2

Roma. Numero perfetto, contro Ombrina gli emendamenti sono 3. Sono stati elaborati dal deputato Gianluca Vacca (M5S) sono stati inviati agli altri parlamentari abruzzesi e sono stati appena presentati. L’obiettivo è fermare Ombrina mare 2, progetto petrolifero della Rockhopper autorizzato il 9 novembre. Tre carte da giocare per ripristinare il divieto delle 12 miglia per le aree protette e aggiungendo anche quelle da proteggere. Il parlamentare abruzzese interviene sulla Legge di stabilità 2016 approvata dal governo nel Consiglio dei ministri il 15 Ottobre e che si avvi alla fase di ratifica, ora il testo va incontro agli interventi emendativi. A gennaio la legge entrerà in vigore. 

Continua a leggere “Presentati 3 emendamenti che stopperanno la piattaforma Ombrina mare 2”

No Ombrina. I parlamentari abruzzesi affilano le armi. Si lavora sull’emendamento alla Legge di stabilità

Pescara. Si lavora alacremente sull’emendamento alla Legge di stabilità che sarà discussa nelle prossime settimane in Parlamento. L’iniziativa punta a fermare il progetto petrolifero Ombrina mare 2 assieme ad altre iniziative. Con un primo assaggio dell’impegno dei parlamentari abruzzesi, nel confronto a Pescara con il movimento No Ombrina è stato dato il là per accordare le iniziative di senatori e deputati contrari alla deriva petrolifera decisa, dal Governo Renzi, per l’Abruzzo. Tra le 3 proposte presentate all’assemblea quella del deputato Gianluca Vacca è sostenuta anche dai deputati Gianni Melilla (Sel) e Fabrizio Di Stefano (Fi) e sembra riscuotere i consensi in altri schieramenti.  

Continua a leggere “No Ombrina. I parlamentari abruzzesi affilano le armi. Si lavora sull’emendamento alla Legge di stabilità”

Incontro No Ombrina. Parlamentari abruzzesi al confronto: verso l’emendamento alla legge di stabilità

di Maria Trozzi

Pescara. Tre le proposte dei parlamentari oggi impegnati a fermare la piattaforma petrolifera Ombrina, ovvero l’opera che riserva all’Abruzzo 24 anni di estrazioni petrolifere per soddisfare, in tutto, non più di un mese di fabbisogno energetico italiano (6 pozzi a 6 km dalla spiaggia per estrarre idrocarburi di qualità pessima dunque da trattare su una nave desolforante (Fpso), distante appena 10 chilometri dalla costa, a due passi dal costituendo Parco nazionale della costa teatina). A confronto con gli ambientalisti, alcuni parlamentari della regione verde dei parchi hanno presentato le iniziative, per scongiurare la piattaforma ormai autorizzata,  al movimento No Ombrina che ha organizzato l’incontro nella sala Blu della Regione proprio per capire se ci sono e da che parte stanno gli onorevoli abruzzesi. L’intervento del deputato del Movimento 5 stelle, Gianluca Vacca, è stato il più considerato, per il parlamentare la strada è la modifica dell’art. 35 del decreto sviluppo in più un emendamento.

Continua a leggere “Incontro No Ombrina. Parlamentari abruzzesi al confronto: verso l’emendamento alla legge di stabilità”

Mail ai consiglieri regionali per un Parco marino da S.Vito a Rocca S.Giovanni

Non lo vogliono proprio istituire il Parco nazionale della costa Teatina. Che si fa allora, un attacco su più fronti? Gli ambientalisti No Ombrina, in queste ore, si scollano dal fronte che punta alla istituzionalizzazione del Parco nazionale della costa teatina e sollecitano l’avvio della procedura per l’istituzione di un’area che, in tutte le sue accezione, rappresenta proprio un piano di riserva.

Continua a leggere “Mail ai consiglieri regionali per un Parco marino da S.Vito a Rocca S.Giovanni”

Assemblea a Lanciano: le prossime iniziative contro le trivelle

Lanciano (Ch). L’Assemblea del Coordinamento No Ombrina si è svolta il pomeriggio del 30 agostocon circa 150 presenti tra cittadini e amministratori locali, deputati, rappresentanti di associazioni e movimenti anche dall’Aquila.

Continua a leggere “Assemblea a Lanciano: le prossime iniziative contro le trivelle”

No Ombrina sul Ponte del Mare

Pescara. Il grido degli abruzzesi No Ombrina campeggia da oggi sul Ponte del Mare grazie all’iniziativa dell’artista Massimo Desiato sostenuto dal Wwf e dal Comune di Pescara. Continua a leggere “No Ombrina sul Ponte del Mare”

Maria Rita D’Orsogna alla Manifestazione NO Ombrina NO Elsa del 23 maggio a Lanciano

Lanciano (Aq). Meno 19 giorni per la grande manifestazione programmata a Lanciano. Il movimento ambientalista regionale si mobilita per arrestare la deriva petrolifera, per fermare i progetti Ombrina Mare 2 ed Elsa 2 e naturalmente contro le trivelle.

Continua a leggere “Maria Rita D’Orsogna alla Manifestazione NO Ombrina NO Elsa del 23 maggio a Lanciano”

Countdown sulla Costa dei trabocchi. Wwf e Legambiente: “De Dominicis chiuda la perimetrazione del Parco”

http://www.laquilablog.it/

Chieti. Dopo il parere favorevole rilasciato dalla commissione Via nazionale sul progetto della piattaforma petrolifera ad Ombrina Mare 2, Legambiente e Wwf chiedono, a gran voce, l’immediata chiusura della perimetrazione del Parco nazionale della Costa teatina, definita a gennaio per un’area protetta istituita dall’articolo 8, comma 3, della Legge n. 93/2001. La conclusione della procedura è fondamentale baluardo per arginare la deriva petrolifera del nostro mare, il Progetto Ombrina mare 2 incombe sulla costa Adriatica.
Continua a leggere “Countdown sulla Costa dei trabocchi. Wwf e Legambiente: “De Dominicis chiuda la perimetrazione del Parco””

D’Orsogna scrive a D’Alfonso: “Progetto Ombrina, nessuno lo vuole, ma dipende da lei”

Maria Rita D'OrsognaCe n’è per tutti nella lettera che la ricercatrice Italo americana, Maria Rita D’Orsogna, scrive al presidente della Regione Abruzzo Luciano D’AlfonsoOmbrina non s’ha da fare, scrive la D’Orsogna ricordando i fallimenti del presidentre emerito Gianni Chiodi, del ponziopilatesco Giovanni Legnini, senza mai dimenticare i bravi comunicatori Fabrizio Di Stefano, Stefania PezzopaneMauro Febbo. A D’Alfonso la ricercatrice si rivolge anche con questo accorato consiglio: “Se lei si spenderà per Ombrina senza accettare nessun compromesso, la gente non potrà altro che amarla e rispettarla”. Continua a leggere “D’Orsogna scrive a D’Alfonso: “Progetto Ombrina, nessuno lo vuole, ma dipende da lei””