Tag: morte

Venerdì Santo. Un Ricordo di Armida Miserere

Sembra ieri, ma in realtà sono trascorsi 16 anni dalla scomparsa di Armida Miserere, direttrice di diversi istituti di pena morta suicida nel suo alloggio di servizio del super carcere di Sulmona, nella notte tra Venerdì e Sabato Santo (19 aprile 2003).

Continue reading “Venerdì Santo. Un Ricordo di Armida Miserere”

Altri 3 orsi annegati nella stessa vasca, 5 plantigradi in 8 anni hanno così perso la vita

Sono tutti responsabili, dai proprietari del fondo al Parco nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise (Pnalm) ai Carabinieri forestali. Sulla morte per annegamento di altri 3 orsi, nello stesso bacino artificiale di raccolta dell’acqua in montagna, nella fascia esterna dell’area protetta, intervengono Salviamo l’Orso, Dalla parte dell’Orso, l’Associazione italiana per la Wilderness e Wwf Abruzzo che puntano il dito sull’indolenza umana e sui soggetti delegati alla tutela di questa specie in via d’estinzione con appena una cinquantina di esemplari in vita. Sconcertante è sapere che quella vasca, nel cuore del Pnalm, aveva già mietuto vittime in passato e la lezione non è bastata.

Aggiornamento 1 e 2

Continue reading “Altri 3 orsi annegati nella stessa vasca, 5 plantigradi in 8 anni hanno così perso la vita”

Orso morto nella cattura. Il Parco operò correttamente, la relazione chiarisce il caso

Pescasseroli (Aq). Le operazioni si svolsero in modo corretto quel 19 aprile, l’orso bruno marsicano morto a Lecce nei Marsi (Aq), durante le regolari operazioni di cattura, ha avuto uno spasmo a causa di un rigurgito durante la narcosi e non ha facilitato le cose un vecchio problema di salute dell’esemplare (patologia pregressa). La ragione del decesso, un evento raro, è un laringospasmo provocato da rigurgito. Il caso è comunque conosciuto nella letteratura veterinaria e, per la prima volta, si è verificato in Abruzzo.  Continue reading “Orso morto nella cattura. Il Parco operò correttamente, la relazione chiarisce il caso”

Ieri chiusa oggi riaperta la strada per Fonte Romana

Campo di Giove (Aq). Ieri chiusa con ordinanza provinciale, oggi subito riaperta la strada che da Campo Di Giove conduce a Passo San Leonardo, esattamente a fonte Romana dal km 1 al km 8 con tanto di rassicurazioni del presidente della Provincia dell’Aquila, Angelo Caruso, in risposta alla lettera dello studio legale Masci e Berghella, intervenuto a richiesta dei titolari della struttura ricettiva, quella circolare e caratteristica, di Passo San Leonardo. Consigliamo di moderare la velocità sul tratto anche perché la Provincia ha rivisto i limiti di velocità non oltre i 30 km orari per molti tratti delle strade di sua competenza. (Aggiornamento del 27.4.2018)

Foto gentilmente concessa da Andrea Di Gregorio Continue reading “Ieri chiusa oggi riaperta la strada per Fonte Romana”

Armida Miserere: sono 15 anni dalla morte

Sono trascorsi 15 anni dalla morte di Armida Miserere una delle prime donne alla guida di alcuni istituti di pena italiani. Il Colonnello la chiamavano, al suo passaggio e con la sua capacità organizzativa faceva funzionare a perfezione l’impossibile. Proprio oggi un sindacato di agenti di Polizia Penitenziaria denuncia ritardi nei  lavori per la realizzazione del nuovo padiglione che ospiterà altri 200 detenuti rispetto ai 410 già presenti nel carcere di alta sicurezza di via Lamaccio. Organico sottodimensionato vero, l’organizzazione per i diritti degli agenti impiegati nelle carceri interviene nei giorni di un importante anniversario. Altri non dimenticano e conservano nel cuore, non solo negli uffici del super carcere Peligno, alcune parole e alcuni oggetti di questo importante direttore. Continue reading “Armida Miserere: sono 15 anni dalla morte”

Arrestato spacciatore di droga e medicinali

Pescara. Questa mattina è stato arrestato dai Carabinieri, in esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere per i reati di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, Andrea Foglietta, 46enne Pescarese, già noto alle forze dell’ordine. 

Continue reading “Arrestato spacciatore di droga e medicinali”

Parco Maiella senza Regolamento rimedia e Batte Cassa con le ‘Sanzioni Graduate’

Non c’è un Regolamento, il Piano Parco poi risale al 2009, ma un sistema sanzionatorio il Parco nazionale della Maiella (Pnm) non se lo nega proprio, dunque consiglio direttivo alle prese con una delibera (numero 20/2017), davvero strana, approvata all’unanimità dei presenti a fine ottobre. Il paradosso è evidente. Se si ammazzasse un orso, nell’area protetta, non ci sarebbe alcuna sanzione da comminare al responsabile perché l’azione è penale, ma se si raccogliesse un fiore allora sì, il responsabile paga perché scatta la singolare sanzione decisa dall’ente che sembra proprio battere cassa. 

Continue reading “Parco Maiella senza Regolamento rimedia e Batte Cassa con le ‘Sanzioni Graduate’”

Morte Guido Conti. L’ultimo respiro del Comandante e gli occhi verso la sua Sulmona

Pacentro (Aq). La Smart grigia perfettamente parcheggiata, preciso come solo lui poteva. L’auto vista lì già dalle ore 16, immortalata anche dopo, passate le 17, stesso punto, al margine di un canale dove dentro c’è tanta di quella immondizia da rendere la situazione ancora meno sopportabile. É morto a pochi metri da una discarica abusiva, una delle tante ferite inflitte alla montagna sacra di papa Celestino V, il monte Morrone, bruciato per una ventina di giorni tra agosto e settembre. Non è un caso, la scelta di quel posto, per Guido Conti,  generale dei Carabinieri forestali,  in congedo.

Aggiornamento

Continue reading “Morte Guido Conti. L’ultimo respiro del Comandante e gli occhi verso la sua Sulmona”

Nessun nesso tra la morte di Conti e la scomparsa della ex badante della madre

Sulmona (Aq). Lallontanamento di Bolog Vironica 37enne romena, 2 anni fa badante della madre di Guido Conti, non ha nulla a che vedere con la morte dell’ex generale dei Carabinieri forestali, così trapela da fonti investigative.

Continue reading “Nessun nesso tra la morte di Conti e la scomparsa della ex badante della madre”

Strage di Capaci. Palermo chiama Italia e L’Aquila Non Risponde. Coisp: ‘Muore solo chi dimentica’

L’Aquila. Palermo chiama Italia, ma L’Aquila non risponde, segnala il Coisp, sindacato di Polizia. Palermo chiama Italia è lo slogan simbolo del 25° anniversario della strage di Capaci dove persero la vita il magistrato Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e i poliziotti della scorta Vito Schifani, Antonio Montinaro e Rocco Di Cillo. A rispondere all’iniziativa sono state le città di Teramo e Pescara, il capoluogo di regione sarebbe rimasto in silenzio e così scrive il Coisp: “Muore solo chi dimentica”.

Continue reading “Strage di Capaci. Palermo chiama Italia e L’Aquila Non Risponde. Coisp: ‘Muore solo chi dimentica’”

Negato l’accesso al disabile. Gli addetti del Cimitero non riconoscono il contrassegno Europeo

Sulmona (Aq). Non sono bastati 3 anni al Comune, dal 2012, per riconoscere il nuovo contrassegno per i disabili europei, non sono bastati altri 2 anni per prendere confidenza con il tagliando. Così all’ingresso del cimitero comunale, Sulmona rimedia un’altra magra figura perché è stato negato l’accesso ad un disabile munito di contrassegno europeo, in regola, ma con un permesso comunale scaduto e il cui rinnovo l’amministrazione comunale tiene fermo da un anno. Vogliamo pensare che sia solo una questione di aggiornamento?

Continue reading “Negato l’accesso al disabile. Gli addetti del Cimitero non riconoscono il contrassegno Europeo”

Totò, 50 anni dalla scomparsa del Principe della Risata e la casa natia cade a pezzi

Toto e gli animali

Napoli. In un angolino di via Santa Maria Antesaecula, una delle stradine più antiche della vecchia Napoli, la delusione piega l’espressione sul volto di chi trova finalmente la casa natia di Totò. L’abitazione in cui nacque (15 febbraio 1898) il più grande attore e comico italiano si presenta, agli occhi dei visitatori, malconcia e spoglia. Balconi e finestre senza vetri, cornicione smozzicato e crepe. Ricordare il Cinquantenario dalla scomparsa del Principe della risata con la sua casa ridotta in questo stato ‘fa strano’.

Continue reading “Totò, 50 anni dalla scomparsa del Principe della Risata e la casa natia cade a pezzi”

I misteri di Stefano. Buio pesto sulla morte dell’orso. Dibattimento per il veterinario

Isernia. Per la morte dell’orso Stefano, la carcassa fu recuperata il 7 luglio 2013 su monte Marrone, venne aperto un fascicolo dalla procura della Repubblica del tribunale di Isernia. A un punto morto il filone principale dell’inchiesta che avrebbe dovuto far luce sul decesso dell’orso. A 3 anni dal fatto l’incognita impera. Domani si terrà l’udienza dibattimentale per il veterinario che esaminò la carcassa dell’animale, l’uomo avrebbe violato il segreto d’ufficio.

Immagine di copertina Siro Baliva

Orso avvelenato a Prati Santa Maria, versante meridionale Sirente

Ottobre 1996

Continue reading “I misteri di Stefano. Buio pesto sulla morte dell’orso. Dibattimento per il veterinario”