Carugno (Psi) su Casa Italia: più una riorganizzazione che uno smantellamento

“Ho le orecchie che sanguinano per le grida di straziante dolore conseguenti allo smantellamnto di Casa Italia – scrive in una nota il segretario nazionale del Psi Massimo Carugno – Eppure leggendo il provvedimento vedo che restano i progetti ed i finanziamenti stanziati: 1.3 mln nel 2017 e 2.5 mln nel 2018. Solo che invece di essere gestiti da un dipartimento a sé saranno gestiti direttamente da palazzo Chigi. Insomma più una riorganizzazione che uno smantellamento ed un progetto quindi che comunque va avanti e forse sarà gestito meglio rispetto ad un dipartimento che nel suo anno di vita non è che abbia brillato per efficiente operosità”.

Read more

Moda e Fashion Academy per l’Ambiente. Premiato Di Toro, in prima linea per spegnere l’incendio del Morrone

L’arena del Porto turistico di Pescara traboccante di gente, parterre da 900 posti, pieno, e altri 1800 spettatori si ritrovano alla Marina per i giovani talenti della Fashion Academy Pianeta moda, 15 stilisti di tutto rispetto. Da Mediaset a Milano Finanza, presenti network internazionali e televisioni nazionali con telecamere accese e riflettori puntati su abiti, tendenze assolute e modelle, il tutto condito da un grande rispetto per l’Ambiente. Progetti impegnativi, accessori delicati, stoffe e tessuti ad impatto zero, riciclati tanto da fare la felicità degli ecologisti.  Read more

Reazioni a Sulmona: Casa Italia a rischio con il Governo del ‘cambiamento’

Sulmona (Aq). Casa Italia fa una brutta fine e la reazione a Sulmona non si fa attendere sulla decisione del nuovo esecutivo nazionale di depennare il dipartimento a capo di uno dei pochi progetti, a firma Pd (Partito democratico), che ha fatto della patria di Ovidio il banco di prova per la prevenzione sismica. Anche perché la città è vicinissima a quella che l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) ha definito la più pericolosa d’Italia: la faglia di monte Morrone.

Aggiornamento

 Immagine di copertina Maria Trozzi

Read more

Incendi boschivi in Abruzzo. Ranieri (M5S) suona la sveglia sui Piani di Prevenzione

Nulla all’orizzonte sull’accertamento delle responsabilità per gli incendi dolosi della scorsa Estate, lo ribadisce anche il Movimento 5 stelle che suona la sveglia a Regione e amministratori sui Piani di prevenzione incendi anche perché le inadempienze sono tantissime e l’immobilismo è nemico dell’Ambiente e alimenta il fuoco della distruzione anche in Abruzzo.

Copertina Maria Trozzi

Read more

Incendi del Morrone e nel compresorio Peligno-Sangrino, ancora nessuna risposta

Perché e da chi, agosto scorso, è stato bruciato monte Morrone, in valle Peligna, nel Parco nazionale della Majella. Il primo rogo è partito però il 19 agosto, dalle alture di Pacentro, forse appiccato da qualcuno che si è inoltrato in una pista forestale accessibile a pochi: escursionisti, allevatori e uomini in divisa. La colonna di fumo era visibile da tutta la valle Peligna quel sabato mattina ad un anno esatto dalla riforma Madia che cancella il Corpo forestale dello Stato (decreto legislativo 19 agosto 2016, n. 177). Solo per l’incendio di Campo Imperato la magistratura inquirente ha accertato le responsabilità colpose del rogo. E per gli incendi dolosi non è dato sapere. Ancora non c’è risposta per le popolazioni del comprensorio Peligno, Sangrino e Subequano che hanno vissuto un incubo impressionante e che non si danno pace sulle ragioni dei roghi dell’estate 2017 che hanno colpito anche Secinaro (Aq), Roccacasale, Pratola, Prezza, Roccaraso e, sempre in provincia dell’Aquila, valle Gentile tra Rocca Pia e Pettorano sul Gizio, a metà agosto.

Aggiornamento Read more

Nuove buche e vecchi rattoppi che cedono a San Pietro, Eremo del Papa del Morrone

Stiamo per immortalare l’arrivo, a circa 1380 metri sul livello del mare, sospesi tra cielo e terra, ma sul pianoro una colonnina marrone spunta nel bel mezzo del prato verdeggiante.

Read more

Scoperto il Tritone. Salverà la Valle Peligna dalla centrale Snam? Il sito culla dell’anfibio specie protetta

A cura di Maria Trozzi

Un po’ come Davide e Golia nella battaglia narrata dalla Bibbia, a sfidare il temibile gigante oggi però non è un pastorello armato di fionda, ma una creaturina di appena 16 centimetri, un Tritone crestato che con quelli della sua specie protetta (di interesse comunitario – scrivono in una nota al sindaco Casini gli esperti Di Felice (Pro Natura) e Di Tizio (Wwf) – la cui conservazione richiede la designazione di zone speciali di conservazione), nuota in una pozza d’acqua proprio a Case Pente di Sulmona, il suo areale coincide in parte con l’area in cui a breve costruiranno la centrale di spinta della Snam, progetto Rete adriatica.

Immagini e copertina Maria Trozzi

Read more

Acque minerali: nuova concessione ad una ditta di Sulmona

L’Abruzzo avrà una nuova acqua minerale, l’intesa appena raggiunta darà la possibilità ad una società abruzzese di imbottigliare una nuova acqua minerale nell’area Peligna.

Read more

Badia Morronese. La chiesa restaurata riapre con il pavimento in Gres Porcellanato

Sulmona (Aq). Tutto è meraviglioso, o quasi, per la riapertura della chiesa dell’abbazia di Santo spirito al Morrone. Opere strutturali, messa in sicurezza e interventi su affreschi e pareti dell’edificio. É tutto d’ammirare, più o meno, e i lavori guardano al futuro nella speranza di recuperare altre aree, come il coro, altrimenti inutilizzabili.

Read more

Ass. Celestiniana: La riapertura della Chiesa di S.Spirito porti al recupero dell’area circostante

Un gioiello incastonato nella roccia questo è l’area Celestina sul Morrone, montagna Sacra a papa Celestino V. Un gioiello che non brilla più perché non è considerato parte integrante nei progetti d’investimento oggi concentrati a ricomporre un solo tassello del magnifico mosaico che fa grande la valle Pelgina. E l’opera è imperfetta se mancano i dettagli: progetti di sviluppo dell’area attorno al complesso monumentale realizzato dall’ordine dei Celestini. Da un decennio la questione è relegata ad un paio si battute: ci sono cose più importanti! Eppure lo sviluppo dell’area circostante porterebbe qualche posto di lavoro, una manna dal cielo in questo territorio. Il problema a quanto pare è sentito solo dall’associazione Celestiniana chi fruisce del luogo s’indigna a vederlo così e basta! Giulio Mastrogiuseppe, presidente dell’Associazione Celestiniana, chiede che la cerimonia di riapertura della Chiesa di Santo Spirito sia l’occasione per avviare un intervento di recupero dell’intera area ormai completamente abbandonata.  Read more

Archiviazione per Pasquale Di Toro, denunciato dopo aver levato la neve da Ovidio

Sulmona (Aq). Archiviato il caso Di Toro, si tira un sospiro di sollievo. In prima linea su monte Morrone per spegnere gli incendi e nelle aree terremotate per prestare soccorso, l’unico ostacolo all’altruismo dell’imprenditore edile, Pasquale Di Toro, è stato frapposto proprio a Sulmona, città dell’aquilano in cui il benefattore marsicano risiede.

Read more