Tag: misura cautelare

Furto di rame ad Oricola, un arresto e diverse denunce

Tagliacozzo ( Aq). Nel Comune di Oricola, i Carabinieri di Carsoli hanno arrestato per furto aggravato un 65enne del luogo. L’uomo é stato sorpreso mentre si allontanava, con fare sospetto, da un capannone industriale, a bordo di un’autovettura, trasportando 2 sacchi di plastica neri, i militari lo hanno inseguitoe bloccato. Dalla perquisizione sono stati rinvenuti 70 kg di rame e diversi attrezzi atti allo scasso.

Inoltre è stato denunciato un 27enne sottoposto alla misura della sorveglianza speciale emessa dal tribunale dell’Aquila con prescrizioni poiché non é stato trovato in casa all’atto del controllo. Un cittadino di nazionalità rumena di 40 anni è stato denunciato per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità giudiziaria, controllato nei pressi della sala bingosita in via Tiburtina Valeria, da accertamenti è risultato non aver ottemperato al provvedimento emesso dal prefetto dell’Aquila di allontanamento dal territorio italiano. Un 19enne è stato controllato a bordo della propria autovettura e, a seguito di perquisizione veicolare, è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico della lunghezza di 21 cm, posto sotto sequestro, è stato deferito per porto illegale di armi. Un 31enne di Magliano dei Marsi, controllato nei pressi dell’abitato di Tagliacozzo alla guida della propria autovettura, è stato denunciato per “guida in stato di ebrezza alcoolica”, stante l’evidente stato di alterazione psicofisica derivata dall’uso di sostanze alcoliche. É stato segnalato all’Ufficio Territoriale del Governo – Prefettura di L’Aquila per “detenzione per uso personale di sostanze stupefacenti” un giovane di Avezzano, il quale, controllato a bordo della propria autovettura, veniva trovato in possesso di circa tre grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana.

Controlli straordinari dei Carabinieri, 4 arresti e 5 denunce tra Pescara e Spoltore

Spoltore. Controlli a tappeto dei Carabinieri di Pescara con un massiccio servizio straordinario nel territorio con l’impiego di oltre 30 militari e più di 250 autovetture e 180 veicoli controllati. Bilancio dell’operazione, 4 persone arrestate, 5 denunciante in stato di libertà e una donna tossico dipendente segnalata alla Prefettura quale assuntrice di stupefacenti. 

Continua a leggere “Controlli straordinari dei Carabinieri, 4 arresti e 5 denunce tra Pescara e Spoltore”

Rapinata e presa a calci: uno dei criminali è morto, l’altro, latitante è ricercato in Albania

L’Aquila. Uno dei 2 rapinatori è morto 3 anni fa, in Albania. È deceduto 7 mesi dopo la rapina messa a segno all’Aquila ai danni di una signora presa a calci per sottrarle i contanti appena prelevati dallo sportello bancomat. Albanese classe ’94 K. N., queste le iniziali del defunto, è stato ammazzato a Valona dove si era rifugiato appena dopo la rapina all’Aquila. L’altro, un 23enne, è ancora latitante ed è ricercato in ambito internazionale, è destinatario di un ordine di custodia cautelare in carcere che presto sarà convertito in mandato d’arresto internazionale. Le accuse sono di rapina aggravata e lesioni personali. 

Continua a leggere “Rapinata e presa a calci: uno dei criminali è morto, l’altro, latitante è ricercato in Albania”

Stalking in Marsica eseguita altra misura cautelare

Avezzano (Aq). I Carabinieri di Avezzano hanno eseguito la misura cautelare del divieto di avvicinamento di un giovane alla sua ex fidanzata, l’uomo non potrà stare nei luoghi frequentati abitualmente dalla ragazza e dai suoi parenti e gli è fatto divieto di comunicare, con qualsiasi mezzo, con tali persone. Continua a leggere “Stalking in Marsica eseguita altra misura cautelare”

Dimenticato l’interrogatorio: il figlio violento potrà riavvicinarsi al padre

Valle Peligna (Provincia dell’Aquila). É durata davvero poco la misura cautelare di allontanamento dall’abitazione di famiglia, disposta nei confronti di un 32enne pratolano a cui il 28 luglio era stato fatto divieto di avvicinamento al padre vittima di incessanti richieste di denaro da parte del figlio. Il 32enne è stato denunciato più volte dal genitore per minacce e violenze, ma fatti così gravi non sono bastati a ricordare che il provvedimento disposto dal gip andava confermato con un  interrogatorio di garanzia che la prescrizione ora rende impossibile. La misura cautelare è decaduta, per una dimenticanza, così il pratolano ora può riavvicinarsi al padre e speriamo davvero che l’incontro non sia fatale per questo povero genitore che è davvero disperato.

Immagine di copertina Nottecriminale.it

Continua a leggere “Dimenticato l’interrogatorio: il figlio violento potrà riavvicinarsi al padre”