Tag: mistero

Mistero sul tracciato di gara Enduro a Gioia dei Marsi: intervengono Wwf, Altura e Lipu

Gioia dei Marsi (Aq). Enduro, una tappa del campionato italiano 2019  programmata il 2 e 3 marzo si terrà a Gioia dei Marsi, a quanto pare. Il tracciato di gara è ancora un mistero e per questo, scrivono le associazioni ambientaliste, data la natura dell’iniziativa si può facilmente dedurre che il percorso interesserà passaggi su piste naturali e al di fuori dei percorsi delle infrastrutture stradali. Si teme per l’areale dell’Orso bruno marsicano e in generale per la fauna selvatica e le aree protette.

Aggiornamento Continua a leggere “Mistero sul tracciato di gara Enduro a Gioia dei Marsi: intervengono Wwf, Altura e Lipu”

Chi o cosa sta inquinando il fiume è ancora un mistero. Esposto e analisi Arta grazie a Nuovo Senso Civico

Lanciano  (Aq). Moro di nome e di fatto se nessuno fermerà le alterazione delle acque sul fiume Moro. Le segnalazioni, tante e preoccupanti, sono state prese in carico da Nuovo senso civico, il comitato di cittadini che nellll’area frentana difende l’ambiente: “Gli  inquinatori non stiano tranquilli” e il gruppo promette giustizia.  Continua a leggere “Chi o cosa sta inquinando il fiume è ancora un mistero. Esposto e analisi Arta grazie a Nuovo Senso Civico”

Mistero su Pacentro. Luci nella notte a Colle Ardinghi

Fumo sulla valle Peligna da Pacentro Foto Trozzi Report-age.com 31.8.2017
Fumo sulla valle da Pacentro Foto Trozzi

Pacentro (Aq). S’ingarbuglia sempre più la trama degli incendi dolosi che soffocano, da oltre 12 giorni, i territori di Sulmona, Prezza, Secinaro e Pacentro (senza contare quello di Roccapia di Ferragosto) dove ora, come in altri gironi infernali, si cerca un responsabile. Abbiamo cercato di chiarire e fare luce su storie che girano in paese. Ci preoccupano le luci notturne su colle Ardinghi avvistate da parecchi pacentrani. Proprio lì si correrà a piedi nudi i primi di settembre per la 567esima edizione della Corsa degli Zingari. La situazione migliora, l’aria si fa meno pesante e in via ufficiosa l’incendio del 19 agosto è quasi spento, rimangono dei piccoli focolai monitorati all’ingresso della zona rossa area interdetta al traffico veicolare prima dei blocchi che chiudono, da 3 anni, la strada provinciale 487, chiusura che insiste sotto la pressione di pesanti polemiche e gravi responsabilità perché sta mettendo in ginocchio attività ricettiva, commercio ed economia locae. Il tratto conduce a Passo San Leonardo e resta chiusa anche la Morronese dove il costone del monte, appesantito dalla neve nel 2015 ha ceduto sulla strada che collega Sulmona a Pacentro, in più tratti.

Continua a leggere “Mistero su Pacentro. Luci nella notte a Colle Ardinghi”

Misteri della Chiesa derelitta di Roncisvalle. Stamane operai a fare pulizia nel rudere

Sulmona (Aq). Troppo tardi per riparare i danni, solo macerie nella chiesa di Roncisvalle dove, oltre al tetto, è crollata la volta e la speranza. Questa mattina però il rudere era aperto e degli operai a lavoro ripulivano il sito. Dal Comune non ne sanno nulla e qualcuno ipotizza che possa trattarsi del prosieguo di alcuni lavori di manutenzione straordinaria, avviati tempo fa, dalla Soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici d’Abruzzo. 

Continua a leggere “Misteri della Chiesa derelitta di Roncisvalle. Stamane operai a fare pulizia nel rudere”

Pietre Storiche che Camminano, un Mistero tra le immondizie di Sulmona

Sulmona (Aq). Com’è finito in quel sudicio cantuccio del parco fluviale possiamo solo immaginare così per evitare che accada ancora l’irreparabile durante l’Inverno, soprattutto quando le ruspe sono libere di scorrazzare per la città, senza che nessuno faccia caso alla loro ingombrante presenza giustificata dal fatto che occorre sgomberare strade e piazze dalla neve. Qualcuno potrebbe approfittarne per fare scherzi da prete?

Aggiornamento  1 e 2 

Continua a leggere “Pietre Storiche che Camminano, un Mistero tra le immondizie di Sulmona”

Mistero Morena: l’orsetta è morta di fame? Da Sandrino non c’è storia che insegna

É morta in una radura d’alta quota, nel territorio di Scanno(Aq), dicono per fame. Il 22 luglio in pochi sanno che l’orsetta Morena non c’è più e ancora meno sono quelli che chiedono delle cause del decesso avvenuto nel cuore del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. La carcassa del plantigrado è recuperata diversi giorni dopo la dipartita dell’animale smagrito, raccontano alcuni. L’esame esterno della carcassa, eseguito dal veterinario del parco, non ha consentito di stabilire le cause della morte, riferiscono, per la rapida decomposizione degli organi accelerata dalle temperature elevate di luglio. Un mistero dunque, tanti dubbi s’annodano alla scomparsa dell’orsetta, svezzata e poi rilasciata nel territorio del Pnalm prima dell’inverno, tanto da diventare un caso. Forse solo l’autopsia dell’istituto zooprofilattico sperimentale di Grosseto potrà scioglierli. A fine giugno Morena viene ripresa e non sembra che se la passi bene, ma il 15 luglio viene avvistata dalle guardie del parco che dicono di trovarla in buone condizioni, il 17 ne arriva il segnale. Poi più niente, silenzio per giorni.

Aggiornamento

Continua a leggere “Mistero Morena: l’orsetta è morta di fame? Da Sandrino non c’è storia che insegna”

La Rocca delle Fate. Roccacasale: verso le origini

Valle Peligna (Aq). La Rocca delle fate, Roccacasale, pochi sanno che è anche il paese de Lu striòn. Si dice che un potente mago esercitasse, in questa località della valle Peligna, le sue arti divinatorie e qualche traccia del suo passaggio sembra sia rimasta tra ruderi e simboli apotropaici. Ad agosto e sino a qualche anno fa, in questo paese abbarbicato ad una costola del monte Morrone si celebrava la Festa delle fate. Interessante la croce donata dal Parco Maiella a settembre 2014 per rimpiazzare quella in metallo che nel 1911 fu installata dal parroco del paese a protezione della comunità. Anche questa croce ne sostituiva una in legno che venne piantata tra le località Fossa e Preta nel 1750 quando, leggenda vuole, fu avvistato nell’area un terribile mostro, con la testa di leone e artigli infiammati, che sembra terrorizzasse gli abitanti della Rocca. I primi di maggio del 2008 un giovane, mentre filmava con una videocamera lo spettacolo pirotecnico verso Pratola Peligna (Aq), per la festa della Madonna della Libera, riprese qualcosa di interessante e singolare da queste parti. Una storia incredibile ha da raccontare la misteriosa località che potrebbe essere la culla degli antenati degli italici e quindi della civiltà Peligna. Il Report fotografico per la rubrica Abruzzo ultima frontiera è realizzato da Maria Trozzi, tutti i diritti sulle immagini sono riservati.

mariatrozzi77@gmail.com

Continua a leggere “La Rocca delle Fate. Roccacasale: verso le origini”

Mistero sui fondi per le Riserve regionali: 3 associazioni contro i tagli silenziosi della Regione

Per la prima volta in 20 anni la Regione Abruzzo non ha neppure comunicato quale sarà il contributo assegnato alle Riserve naturali regionali per il 2016. “Una scelta irresponsabile e inaccettabile, soprattutto se dovesse nascere dalla volontà di nascondere l’ennesimo taglio a un settore che è stato lasciato negli ultimi anni in progressivo abbandono” denunciano i responsabili regionali di Wwf, Legambiente e Ambiente e/è vita. Queste 3 associazioni chiedono alla Regione coerenza e impegni reali a cominciare da quelli di un bilancio che da anni prevede soltanto riduzioni in un settore fondamentale per l’economia abruzzese.

Continua a leggere “Mistero sui fondi per le Riserve regionali: 3 associazioni contro i tagli silenziosi della Regione”

Sulmona: il mistero del presunto scippo e della boccia di vino alla villa comunale

Sulmona (Aq). Gli enigmi di questa torrida estate nell’entroterra abruzzese sono davvero tanti, vicende fuori dal comune e Sulmona davvero le supera tutte. Nella tarda mattinata di oggi la voce di uno scippo consumato alla villa comunale di san Panfilo inquieta non pochi, ma le forze dell’ordine non hanno traccia dell’accaduto, c’è il testimone, ma manca la vittima e la denuncia, almeno per il momento. Continua a leggere “Sulmona: il mistero del presunto scippo e della boccia di vino alla villa comunale”

Parco Sirente. Mistero sulla morte del Camoscio da tempo sofferente

Rocca di Mezzo (Aq). Colpa del custode retribuito dal Comune di Rocca di Mezzo se la volpe è entrata, da un buco nella rete del recinto faunistico e si è mangiata il camoscio, probabilmente già morto? Colpa della volpe se il camoscio è morto? In fondo, l’età dell’esemplare femmina deceduto “due giorni fa” a detta del Parco regionale Sirente Velino “alla tenera età di 15 anni” può giustificare un’agonia così lunga e indescrivibile per un animale così fragile e protetto?

Aggiornamento

Continua a leggere “Parco Sirente. Mistero sulla morte del Camoscio da tempo sofferente”

Acqua giallognola sul viale dei Pini nella città delle ciliege è mistero

Raiano (Aq). In località Forme, proprio di fronte lo Chalet di Raiano, la fontanella dicono sia stata chiusa dai tecnici della Saca, Società dei servizi idrici ambientali del Centro Abruzzo. Continua a leggere “Acqua giallognola sul viale dei Pini nella città delle ciliege è mistero”

Moria di pesci a Pescara non sono del tutto chiare le ragioni

Pescara. Il 20 ottobre sul litorale di Pescara ci sono decine di cefali spiaggiati, una lunga fascia sulla riva segna il loro calvario. In molti segnalano il fatto alla Capitaneria di porto che riferisce di aver già provveduto ad eseguire dei rilievi con la Azienda sanitaria locale che, a sua volta, avrebbe comunicato che si tratta di qualcosa di fisiologico.

Continua a leggere “Moria di pesci a Pescara non sono del tutto chiare le ragioni”

Misterioso gnomo taglia legna sta decimando le specie del Parco

Report-age.com con Greenpeace
Report-age.com con Greenpeace

Sulmona (Aq). Sarebbe il caso di vederci chiaro se davvero gli alberi del Parco fluviale pian piano vanno scomparendo e i più attenti se ne sono accorti già da tempo. Non sembra siano stati mai censiti quei fusti, un centinaio in tutto nell’area verde, ma uno strano fenomeno li ha raggiunti e colpiti, meglio scrivere abbattuti.
Continua a leggere “Misterioso gnomo taglia legna sta decimando le specie del Parco”