Tag: minacce

Minaccia l’amica cubana con una pistola a gas, denunciato

Pescara. Armato di pistola in un noto bar in piena notte, i Carabinieri della sezione radiomobile del nucleo operativo della Compagnia di Pescara, sono intervenuti nel locale a quell’ora affollato da universitari. Continue reading “Minaccia l’amica cubana con una pistola a gas, denunciato”

Gomme tagliate all’auto della presidente del Centro Antiviolenza aquilano: “Non mi intimidiscono”

L’Aquila. Auto con tutte le gomme a terra, tagliate o forse bucate con un punteruolo, il mezzo preso di mira é di proprietà dell’avvocata Simona Giannangeli, presidente dell’associazione Donatella Tellini Centro Antiviolenza dell’Aquila. É accaduto stamane nei pressi del tribunale.

Aggiornamento

Continue reading “Gomme tagliate all’auto della presidente del Centro Antiviolenza aquilano: “Non mi intimidiscono””

Nardella (Uil Pa): Subito il recupero del Vecchio istituto per Minori e sostegni al personale

L’Aquila. Sul cotto l’acqua bollente per il vecchio istituto per minori ed è proprio questa l’espressione usata dal segretario generale territoriale Uil Pa polizia Penitenziaria, Mauro Nardella, per segnalare la situazione in cui versa la struttura gestita dal Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità.

Continue reading “Nardella (Uil Pa): Subito il recupero del Vecchio istituto per Minori e sostegni al personale”

Sospesa la Processione di Venerdì Santo, nella pacifica comunità il parroco teme per la sua sicurezza

Castelvecchio (Aq). Ieri niente festa di Santa Barbara oggi tocca alla processione del Venerdì Santo che è stata sospesa. A decidere il tutto è sempre il padre guardiano del convento di San Francesco, Massimiliano Di Carlo, che scrive di temere per la sua sicurezza e fa intendere che sia per le reazioni alle sue decisioni, quelle non condivise dai parrocchiani. Un’altra tegola s’abbatte sulla pacifica comunità subequana, ma il prete lascia intendere che potrebbe celebrare il rito in caso di ristabilite condizioni ottimali e nell’avviso affisso all’ingresso della chiesa di San Francesco spiega le sue ragioni. 

Aggiornamento Continue reading “Sospesa la Processione di Venerdì Santo, nella pacifica comunità il parroco teme per la sua sicurezza”

Estorsore pregiudicato arrestato con le mani nel sacco

Avezzano (Aq). Il personale del  commissariato di Avezzano ha arrestato, in flagranza di reato, un 33enne pregiudicato da tempo domiciliato nella Marsica. L’uomo si è reso autore del reato di estorsione ai danni di un conoscente, suo coetaneo, da cui pretendeva la restituzione di un prestito. 

Continue reading “Estorsore pregiudicato arrestato con le mani nel sacco”

Espulso Marocchino con una decina di precedenti penali accompagnato al Centro di Torino

Avezzano (Aq). Ieri sera la Polizia dell’Aquila ha accompagnato al Centro di permanenza temporanea ed assistenza di Torino un cittadino marocchino (O. M.) a cui è stato notificato un decreto di espulsione del prefetto dell’Aquila, Giuseppe Linardi.

Continue reading “Espulso Marocchino con una decina di precedenti penali accompagnato al Centro di Torino”

Minacce e aggressioni ripetute alla ex, arrestato lo stalker

Avezzano (Aq). É stato arrestato la scorsa notte, in fragranza di reato, M. A. 38enne pregiudicato originario di Celano (Aq) che tra minacce e aggressioni ripetute dovrà rispondere di atti persecutori e di violenza ai danni della ex compagna costretta a vivere in uno stato di prostrazione tale da turbare il suo equilibrio psicofisico.

Continue reading “Minacce e aggressioni ripetute alla ex, arrestato lo stalker”

Una misura cautelare al giorno, arrestato dai Carabinieri di Spoltore

Spoltore (Pe). Ha collezionato un’ordinanza al giorno. Questa la media delle notifiche di misure di sicurezza eseguite dai Carabinieri nei confronti di un pregiudicato impenitente. Ora G. M. 43 anni tossicodipendente, residente a Cappelle sul Tavo (Pe) è ristretto in una casa di cura e custodia. I provvedimenti cautelari sono stati emessi dal tribunale di Pescara, su richiesta della Procura della Repubblica che ha condiviso in pieno le risultanze investigative prodotte dai Carabinieri di Spoltore che hanno arrestato il pregiudicato, accusato anche di maltrattamenti in famiglia.

Continue reading “Una misura cautelare al giorno, arrestato dai Carabinieri di Spoltore”

Processo Di Nino: tra minacce di licenziamento e riduzione del lavoro. Le testimonianze degli ex dipendenti

Sulmona (Aq). I fratelli della ditta di autotrasporti di Pratola Peligna sono accusati di aver costretto i dipendenti ad accettare, dietro minaccia di licenziamento o riduzione delle ore di lavoro, stipendi più bassi e turni massacranti. Devono difendersi dalle accuse di estorsione continuata, rimozione dolosa dei dispositivi di prevenzione infortuni sul lavoro (cronotachigrafi) e attentato ai diritti politici del cittadino. Davanti al giudice, Giovanna Bilò, parlano gli ex dipendenti dell’azienda Di Nino.

Aggiornamento

Continue reading “Processo Di Nino: tra minacce di licenziamento e riduzione del lavoro. Le testimonianze degli ex dipendenti”

Incastrato dai Carabinieri, finisce in manette uno strozzino pescarese

Pescara. Al momento del pagamento ha ricevuto delle banconote fotocopiate e poi sono scattate le manette grazie ai Carabinieri della Compagnia di Pescara. Oggi i militari dell’Arma hanno eseguito la misura cautelare degli arresti domiciliari per Guerino Spinelli 37enne rom pluripregiudicato, per il reato di usura. 

Continue reading “Incastrato dai Carabinieri, finisce in manette uno strozzino pescarese”

Estorsione ad imprenditore romeno, 3 arresti in Marsica

​Avezzano  Aq). L’avevano minacciato più volte vantando crediti per diverse migliaia di euro: “Stai attento, riceverai la visita di persone pericolose” dicevano, ma l’imprenditore taglieggiato, di origine rumena e da anni residente in Marsica, si è rivolto ai Carabinieri. 

I fatti risalgono al periodo tra maggio dello scorso anno e marzo di quest’anno, quando M. B. D con una ditta di costruzioni attiva nel fucino, già afflitto dalla crisi economica che aveva colpito la propria impresa riducendolo sul lastrico, diventa oggetto di una estorsione compiuta a 3 mani, anche da parte di un appartenente alle famiglie di etnia rom deli Avezzano. L’imprenditore, fallita l’impresa, non era riuscito a far fronte ai propri impegni con alcuni suoi dipendenti e proprio uno di questi, S. T. rumeno classe 1953, pretendendo una cifra spropositata rispetto al credito maturato, sentendosi rifiutare il pagamento, ha deciso di passare alle maniere forti, rivolgendosi ad amici più esperti.  Da qui l’interessamento di alcuni esponenti di una nota famiglia e l’inizio di un calvario per l’imprenditore rumeno fatto di minacce velate ed esplicite, visite a domicilio, telefonate e messaggi minatori: “Ci faremo vivi presto, stai attento interverranno persone pericolose, paga e finisce la storia” 

Il tentativo di estorsione, compiuto in concorso, è stato realizzato con professionalità criminale, attraverso la modulazione del comportamento dei carnefici, violenti e senza scrupoli, pronti a far del male e poi amichevoli e comprensivi, pronti a dilazionare pagamenti, a posticipare scadenze ed appuntamenti, a capire il disagio vissuto  dal debitore, ma solo per tornare immediatamente dopo a pretendere e minacciare senza scrupoli. L’imprenditore, messo alle strette, non vedendo alcuna via d’uscita, ha deciso di rivolgersi ai Carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Avezzano che in poco tempo sono riusciti a raccogliere una buona quantità di elementi di prova a carico degli indagati, oggi raggiunti da misure di custodia cautelare che hanno schiacciato l’imprenditorein difficoltà . Le odierne misure intervengono in un quadro di gravi indizi di colpevolezza attribuibili in maniera inequivocabile all’accertata attività estorsiva, aggravata dal concorso di più persone e dalla continuità nel reato. L’ordinanza emessa dal giuduce per le indagini preliminari del Tribunale di Avezzano Maria Proia ha previsto l’esecuzione della custodia cautelare in carcere nei confronti di Ferdinando  De Silva classe 1968, già noto e materiale esecutore delle minacce rivolte all’imprenditore e della  custodia cautelare agli arresti domiciliari per il creditore Neculae Strambeanu (classe 1953) e Gianluca Caringi (classe 1987), giovane imprenditore locale.