Tag: marevivo

New entry nell’Osservatorio Indipendente per la Via Verde arriva il Cai

L’Osservatorio indipendente sui lavori per la via Verde, costituito per monitorare i lavori della pista ciclabile lungo la costa dei Trabocchi e scongiurare varianti strumentali ventilate dai cComuni, si arricchisce con una nuova adesione. A WWF, Legambiente, Italia nostra, Fai, Pro natura, Lipu, Marevivo, Altura e comitato Salviamo Le Morge si è aggiunto infatti il Club Alpino italiano che tra le sue attività comprende anche una importante quota di cicloturismo e ciclo escursionismo.

Continua a leggere “New entry nell’Osservatorio Indipendente per la Via Verde arriva il Cai”

Legge Parchi bocciata dalla Ragioneria di Stato. La ragione è dalla parte dell’Ambiente

Roma. La bocciatura della Ragioneria generale di Stato della riforma della Legge quadro sulle aree protette non sorprende le associazioni che puntano a correggere un provvedimento legislativo che introduce principi pericolosi nella governance delle aree protette piegate a trasformarsi in enti di promozione economico sociale, funzione che notoriamente appartiene già ad altre istituzioni.

Continua a leggere “Legge Parchi bocciata dalla Ragioneria di Stato. La ragione è dalla parte dell’Ambiente”

L’amara lezione di viale dei Pini a Pescara

Pescara. Altri alberi tagliati si aggiungono ai 6 eliminati il 4 aprile in viale Regina Margherita. Ieri ne sono stati abbattuti ancora 4 in quello che tutti conoscono come il viale dei Pini di Pescara. E su viale dei Pini, a quanto pare, il lavoro non è finito. Tanta amarezza per tutti, anche per gli alunni della scuola media Mazzini che si sono visti tagliare ieri l’albero al quale, tempo fa, avevano legato una sciarpa per simulare un abbraccio permanente.

Continua a leggere “L’amara lezione di viale dei Pini a Pescara”

Bonifica discarica Tremonti: nessuno se ne occupa. La denuncia di Bussiciriguarda

Pescara. Approvata la Legge di stabilità si concluderà a fine giugno, merito dell’emendamento Castricone, il commissariamento dell’architetto Adriano Goio per il Sito di interesse nazionale (Sin) per la bonifica di Bussi. “Sarebbe stato meglio da subito” scrive il coordinamento Bussiciriguarda composto dalle associazioni Italia Nostra, Marevivo, Ecoistituto Abruzzo, Mila Donnambiente, Medici per l’ambiente-Pescara. Il gruppo, con una nota, denuncia che della bonifica della discarica a margine del fiume Pescara non se ne sta occupando nessuno. Immancabile l’appello alle istituzioni locali affinché chiedano conto del decennio del commissariamento trascorso senza che le cose cambiassero più di tanto.

Continua a leggere “Bonifica discarica Tremonti: nessuno se ne occupa. La denuncia di Bussiciriguarda”

Bonifica Bussi. Le procedure ordinarie procedono quelle affidate a Goio no. Associazioni: “Basta col commissariamento”

Dieci anni di commissariamento e la discarica Tre Monti inquina ancora il fiume Pescara mentre le attività di bonifica relegate alle procedure ordinarie vanno avanti anche se con qualche ritardo. A mettere in evidenza il paradosso della bonifica del Sin Bussi sono state, da tempo, le associazioni del Coordinamento tematico Bussiciriguarda. La scorsa settimana al coro unanime di Italia Nostra, Marevivo, Ecoistituto Abruzzo, Mila donnambiente, Medici per l’ambiente-Pescara si è aggiunto il Forum abruzzese H2o che ha chiesto al Commissario di sgomberare il campo.

Continua a leggere “Bonifica Bussi. Le procedure ordinarie procedono quelle affidate a Goio no. Associazioni: “Basta col commissariamento””

Marcia indietro sul Parco della Costa teatina, le associazioni chiedono aiuto anche al Capo dello stato

Chieti. La perimetrazione del Commissario Pino De Dominicis non va per la vecchia politica e al presidente della Regione Luciano D’Alfonso. Si è deciso di rinviare il tutto alla Conferenza stato regioni e così la commedia per la nascita formale del Parco nazionale della costa Teatina degenera in una farsa. Chiedono aiuto questa volta direttamente alla Presidenza del consiglio dei ministri e al Capo dello Stato, Sergio Mattarella,  le associazioni Arci, Italia Nostra, Fai, Legambiente, Lipu, Marevivo, Pro Natura e Wwf tornano a far sentire la propria voce.

Continua a leggere “Marcia indietro sul Parco della Costa teatina, le associazioni chiedono aiuto anche al Capo dello stato”

Proposto un pacchetto di azioni per contrastare le attività di estrazione di petrolio offshore

Pescara. Il contrasto alle attività offshore si traduce, per le associazioni ambientaliste, anche in un pacchetto di azioni immediate proposte alle Regioni. Fondo ambiente italiano, Legambiente, Marevivo, Pro Natura e Wwf anche per questo hanno incontrato l’assessore regionale all’ambiente Mario Mazzocca.

Continua a leggere “Proposto un pacchetto di azioni per contrastare le attività di estrazione di petrolio offshore”

Colpo di sole? Risoluzione urgente sul Parco Costa Teatina dei consiglieri di Abruzzo petrolio e cemento

L’Aquila. Arriva la risoluzione urgente il Consiglio regionale, approvata, su proposta dei consiglieri di Abruzzo Civico, Andrea Gerosolimo e Mario Olivieri. “Dovremmo chiamarli i consiglieri di Abruzzo Petrolio & Cemento” commentano in una nota Wwf, Legambiente, Arci, Marevivo e ProNatura che puntano i piedi e si rivolgono al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “Basta con questa farsa! Subito la firma del decreto, lo hanno chiesto in 40 mila in piazza a Pescara e in 60 mila a Lanciano (Ch)”.

Continua a leggere “Colpo di sole? Risoluzione urgente sul Parco Costa Teatina dei consiglieri di Abruzzo petrolio e cemento”

Mappe datate per i confini del Parco? Gli ambientalisti: “Basta arrampicarsi sugli specchi”

Costa dei Trabocchi Report-age.com 2015Quelle usate per definire i confini ufficiali del costituendo Parco nazionale della Costa teatina saranno pure datate, ma di certo sono le mappe ufficiali. Assicurano questo le associazioni abruzzesi a tutela dell’ambiente anche perché è la cartografia messa a disposizione da Provincia e Regione. Il gruppo di ambientalisti definisce sconcertante l’atteggiamento “di quei sindaci della costa teatina che stanno dimostrando, nei fatti, una sostanziale miopia politica nei confronti delle opportunità offerte al territorio dall’attivazione di un Parco nazionale e una sempre più marcata irresponsabilità che rischia di condannarci definitivamente alla deriva petrolifera” dichiarano senza mezzi termini Wwf, Legambiente, Arci, Fai, Italia nostra, Pro natura e Marevivo che fanno appello alla Presidenza del consiglio dei Ministri perché trasmetta la perimetrazione del Parco al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per la firma del decreto. Continua a leggere “Mappe datate per i confini del Parco? Gli ambientalisti: “Basta arrampicarsi sugli specchi””