Tag: il fatto

Il Fatto torna sul gasdotto e centrale Snam: la questione non può essere più taciuta. Comitati: ‘Si proceda all’assemblea’

I comitati #NoSnam chiedono un’assemblea. Metanodotto e centrale di spinta Snam restano al centro dell’attenzione, il rischio è grandissimo e a livello nazionale la questione del Rete adriatica non può essere più taciuta. Dopo la pubblicazione del 15 novembre, non solo on line, Il Fatto quotidiano torna oggi sull’argomento dedicando 2 intere pagine al progetto della multinazionale e trattando minuziosamente la questione del rischio sismico e del progetto. 

Continua a leggere “Il Fatto torna sul gasdotto e centrale Snam: la questione non può essere più taciuta. Comitati: ‘Si proceda all’assemblea’”

Referendum 17 aprile. L’Astensione è frutto della disinformazione

Roma. Li abbiamo inseguiti sino a Roma, precisamente al Pantheon, gli attivisti abruzzesi del Sì al referendum di domenica prossima e con l’occasione insistiamo nel chiarire perché occorre votare e votare Sì. A coloro che sino ad ora hanno affidato la loro svogliatezza a recarsi alle urne o il loro No alle chiacchiere approssimate di alcuni programmi televisivi urlati e superficiali chiediamo 5 minuti per leggere e così rendersi conto di quale immenso favore farebbero, con un No, alle compagnie petrolifere.

Continua a leggere “Referendum 17 aprile. L’Astensione è frutto della disinformazione”

Discarica dei veleni di Bussi. In Cassazione a marzo per i 19 assolti

Bussi (Pe). È fissata dinanzi la prima sezione della Corte di cassazione, il 18 marzo, l’udienza sul processo Bussi. Nel ricorso presentato i pubblici ministeri Maria Rita Mantini e Giuseppe Bellelli analizzano la questione della derubricazione del reato di disastro ambientale, immotivata per i pm. La prescrizione, dunque, per un fatto penalmente rilevante, ma valutato non così grave da essere ancora perseguibile mentre i danni di quella ‘negligenza’ resteranno per secoli.

Continua a leggere “Discarica dei veleni di Bussi. In Cassazione a marzo per i 19 assolti”

Deposito nazionale scorie per individuare il sito l’Ispra esclude i sismologi

Se davvero queste sono le premesse è facile trarre conclusioni, nemmeno tanto affrettate, sulla futura allocazione del deposito nazionale di scorie nucleari. L’Enea-Disp (Ente per le Nuove tecnologie, Energia e Ambiente – divisione sicurezza e protezione) negli anni 1989 -1990 effettuò uno studio per verificare se il deposito di munizioni di Pratola Peligna, con altri siti del demanio militare, avesse i requisiti per lo stoccaggio di rifiuti radioattivi. Lo studio collocò colle San Cosimo in ultima posizione. Checché se ne possa dire, la rassicurante dichiarazione del vice ministro della difesa nel 2007, Marco Verzaschi, trascurò di indicare che anche se ultimo della black list, tra le possibili discariche di materiale nucleare, Colle San Cosimo era il quarto (IV) in coda ad altri 3 siti di possibile stoccaggio delle scorie, dunque il deposito di munizione era adatto a contenerle, ma su quali basi? La domanda a questo punto non è solo dove, ma quando per decidere il luogo della discarica di rifiuti radioattivi. Si sceglierà un luogo dove l’opposizione di un manipolo di ambientalisti del posto farà il solletico e se l’attivismo nostrano diventerà fastidioso basterà imitare il gioco delle biglie per far schizzare via i granellini di sabbia. Parleranno di effetto nimby (not in my back yard) ‘non nel mio cortile’ schernendo le voci contrarie. Non si deve abbassare la guardia, con le rivelazioni di oggi de Il Fatto quotidiano non c’è davvero da stare allegri, in valle Peligna è allerta per comitati e ambientalisti.

Continua a leggere “Deposito nazionale scorie per individuare il sito l’Ispra esclude i sismologi”

Violenza sessuale a disabile. Assolti in Appello Colangeli e Cianfaglione

L’Aquila. Sono stati assolti dall’accusa di violenza sessuale perché il fatto non sussiste, sono dunque innocenti Carlo Colangeli e Maurizio Cianfaglione, così ha deciso oggi la Corte d’Appello dell’Aquila, composta da 3 giudici donne, che ribalta completamente la sentenza di primo grado con la quale i 2 sulmonesi erano stati condannati: Colangeli a 5 anni e 6 mesi di reclusione per una presunta violenza che si sarebbe consumata in un fondaco nel 2006 e Cianfaglione a 6 anni di reclusione, in più, l’interdizione dai pubblici uffici per fatti analoghi che risalirebbero al 2007. Continua a leggere “Violenza sessuale a disabile. Assolti in Appello Colangeli e Cianfaglione”