Tag: giunta regionale

Ricostruzione. Per le scuole di Penne, Alanno e Nereto in arrivo 1 milione e mezzo

La giunta regionale ha deliberato l’erogazione di 1 milione 500 mila euro, frutto di economie del Par Fsc 2017/2013, a favore dei Comuni di Penne e Nereto e della Provincia di Pescara, per interventi mirati al miglioramento delle strutture scolastiche. Continue reading “Ricostruzione. Per le scuole di Penne, Alanno e Nereto in arrivo 1 milione e mezzo”

Riconosciuta la V Macroarea: avanti con la VI Peligna-Sagittario per Di Giandomenico

Sulmona (Aq). Il riconoscimento della V Macroarea Alto Aterno-Gran Sasso della Laga, su impulso dell’assessore regionale alle aree interne, Andrea Gerosolimo, lascia ben sperare sulla istituzione di una sesta – scrive in una nota Alberto Di Giandomenico, Sovranità Sulmona – Questo ci dà ragione del fatto che si posso integrare e correggere le valutazioni fatte sino ad ora e a suo tempo dalla giunta regionale”.

Continue reading “Riconosciuta la V Macroarea: avanti con la VI Peligna-Sagittario per Di Giandomenico”

Punto 5. Il progetto Toto striscia in Giunta, domani varianti autostradali in consiglio regionale

L’Aquila. Sarebbe un miracolo davvero se domani il consiglio regionale potesse mettere la parola fine alle varianti Toto, per le autostrade A24 e A25 che Strada dei Parchi ha il dovere di mettere in sicurezza senza più tergiversare. Diversi indizi inducono a pensare che il governatore d’Abruzzo, Luciano D’Alfonso, non si sia affatto arreso. Possiamo solo sperare allora che la messa in sicurezza delle autostrade non sia più ispirata alla talpa Martina, la trivella di Toto, ma che sia raggiunto solo l’obiettivo che la legge (228/2012) comanda. Il progetto Toto, tanto contestato e presentato al ministero in diverse salse, porta alla dismissione/demolizione dei viadotti peligni (così nell’ultima versione del piano) e garantisce nuovi tunnel in aree protette e a massimo rischio sismico. 

Continue reading “Punto 5. Il progetto Toto striscia in Giunta, domani varianti autostradali in consiglio regionale”

Tagli all’Arta: meno 750mila euro dalla Regione e così meno controlli sull’Ambiente

Pescara. Smantellamento discreto e strisciante tanto che gli esiti della condanna a morte decretata per la tutela dell’ambiente poco si vedono, ma si sentono e si avvertono da tempo, anche tappandosi il naso, basta leggere le pagine Web dei quotidiani on line e dei blog. La Regione riserva altre sorpresine all’Agenzia per la tutela ambientale e a dicembre scorso ha deciso dei profondi tagli ai fondi che si traducono, come minimo, in meno controlli, nessuno dovrebbe abituarsi all’idea di rassegnarsi a questo.  

Continue reading “Tagli all’Arta: meno 750mila euro dalla Regione e così meno controlli sull’Ambiente”

Mobilitazione No Snam: occupazione del Comune e martedì all’Aquila a manifestare

Sulmona (Aq). La soluzione finale è imminente e questa volta non è gas, ma elettricità. Ironizzano con amarezza se l’autorizzazione a costruire la centrale di spinta del metano è solo questione di ore ormai e, davvero, cambierà volto e connotati alla valle Peligna. A Sulmona in primis e poi, riflettendo sul massimo rischio sismico e le faglie attraversate dal tracciato del gasdotto, i tubi spargeranno timori ovunque tra i territori, da intubare, sulla dorsale Appenninica. Per questo un folto gruppo di cittadini Peligni ha deciso di occupare il Comune di Sulmona con i Comitati cittadini per l’ambiente che domani alzeranno i toni della protesta e manifesteranno contro il progetto della centrale Snam, occupando il municipio, per impedire il primo battito del cuore pulsante del metanodotto Rete adriatica da realizzare nella città dei confetti.

Continue reading “Mobilitazione No Snam: occupazione del Comune e martedì all’Aquila a manifestare”

‘NO’ della Giunta regionale anche per la centrale elettrica Snam

L’Aquila. La delibera di giunta regionale non è stata ancora pubblicata, ma la notizia c’è. L’esecutivo ha deliberato sulla centrale di spinta del gas alimentata ad energia elettrica e con un secco NO ha negato l’intesa anche per l’innovativa centrale ad elettricità proposta da Snam rete gas per la compressione del metano da spingere, nei tubi da 48 pollici, a Nord affinché la multinazionale possa venderlo e ricavarne profitto. Il serpentone del Rete adriatica è lungo centinaia di chilometri e passerà su aree a massimo rischio sismico lungo la dorsale appenninica.

Continue reading “‘NO’ della Giunta regionale anche per la centrale elettrica Snam”

Punto nascita: 3 mesi di riflessione e 82 milioni per la valle

Foto Maria Trozzi
Da Sinistra Ranalli, D’Alfonso e Paolucci

Badia morronese (Sulmona – Aq). Sono 82 milioni di euro per il rilancio del Comprensorio peligno e una sospensione di 6 mesi per la chiusura del Punto nascita decretata a febbraio 2015. Ossia 180 giorni di verifiche, analisi, accertamenti, elaborazione dati che impegneranno una Conferenza di servizi interdipartimentale costituita alla bisogna per decidere. Cosa? E’ tutto detto, la fredda legge dei numeri viene addolcita dalla Regione affiancando alla rigida lettura demografica le temperature calde dei dati potenziali dei vicini di casa, dei Peligni, perché scoppia di opportunità il bacino sciistico dell’Alto Sangro con le sue 800 mila utenze da connettere, in qualche modo, al Santissima Annunziata, ma il Punto nascita? Nessuno risponde. C’è da fare per andare avanti, ma davvero non sanno come? E’ chiaro, il Presidente della regione, Luciano D’Alfonso, vuole aspettare un altro po’ a dirlo ufficialmente. Intanto Sulmona si spegne e da Polo di attrazione viene declassata ad Area Intermedia, ma si annunciano altri finanziamenti milionari e, come si dice, chi visse sperando morì… non si può dire! E il Punto nascita? Interrogato il morto non rispose. Resta a margine ciò che preme e sta a cuore alla comunità. Qualche giornalista ha il coraggio di domandare, i corrispondenti incalzano il governatore, lui non risponde, glissa, in queste 4 mila 320 ore che ci separano dal niente, si valuterà la potenzialità del comprensorio, sarà considerata la capacità dell’entroterra come se non la si conoscesse. In termini sanitari, in linea di principio, le  caratteristiche montane vanno inanellate alle qualità sanitarie rimaste in vita nella valle per formare una catena dell’amore o un circolo vizioso? Ai posteri occorreranno 259 mila 200 minuti per l’ardua sentenza. E’ un’altra legge dei grandi numeri che fa capo al tempo, inesorabile.

Continue reading “Punto nascita: 3 mesi di riflessione e 82 milioni per la valle”

Giunta: tagli per 70 milioni di euro ai servizi, ambientali inclusi

L’Aquila. Continuano le sforbiciate del governo regionale ai servizi per i cittadini, ancora la valle Peligna martellata dalla spending review con un taglio di 2 milioni di euro sottratti all’attuazione di un programma di sviluppo per quest’area. Continue reading “Giunta: tagli per 70 milioni di euro ai servizi, ambientali inclusi”

Proroga di 60 giorni per la Guardia medica di Campo di Giove

Riunione di giunta regionale a Campo di Giove Foto Trozzi 20-08-2014 Report-age.com
Riunione di giunta regionale a Campo di Giove

Campo di Giove (Aq). Per il momento si va avanti a proroghe di 60 giorni per salvare la Guardia medica del Comune di Campo di Giove, in attesa del Piano regionale per le emergenze urgenze. Se la Regione informerà in tempo la Asl della proroga che allontana la chiusura della Continuità assistenziale montana (su questo in passato è mancata persino la comunicazione agli uffici Asl delle decisioni prese dai vertici regionali) il presidio sanitario non chiuderà il primo settembre e nemmeno ad ottobre, ma a novembre? Il Presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso, ha dato appuntamento fra 30 giorni ai campogiovesi, sempre nella località montana, per il piano che sta confezionando l’assessore alla sanità Silvio Paolucci che, promessa vuole, a fine settembre sarà pronto. Si tratta di un atto che nel dettaglio e nelle soluzioni, assicura il governatore d’Abruzzo, non coinciderà con le decisioni assunte in passato. Il governatore annuncia anche una deroga all’annoso decreto commissariale rispetto ai parametri fissati dal suo precessore per quel che riguarda il rapporto medici – popolazione. Continue reading “Proroga di 60 giorni per la Guardia medica di Campo di Giove”