Tag: giuliani

Cagnano Amiterno, a metà giugno sarà inaugurata la sala sismica Tellus

Sempre più spazio al monitoraggio dei precursori sismici per la prevenzione nello studio dei terremoti sarà inaugurata sabato 15 giugno, a Cagnano Amiterno (Aq), la sala sismica della stazione Tellus.  Continua a leggere “Cagnano Amiterno, a metà giugno sarà inaugurata la sala sismica Tellus”

Verso la tranquillità, sull’Appennino si riducono le scosse e sono di minore entità 

“L’andamento sismogenetico su tutta la penisola italiana presenta da diversi giorni una mitigazione del rischio sismico” conferma il ricercatore Giampaolo Giuliani. 

In un post pubblicato qualche minuto prima della Mezzanotte dell’ 8 maggio la Fondazione Giuliani comunica delle buone notizie: “Nella dorsale dell’Appennino centrale persiste una frequenza di eventi che comunque scende sotto i 100 accadimenti giornalieri e questo possiamo prenderlo come un segno di miglioramento – continua il ricercatore aquilano – Anche l’analisi sul trend dei flussi del gas Radon, osservati dalle stazioni di Coppito, nell’aquilano, e Ripa Fagnano  mostrano segni di miglioramento. Le prossime 6-24 ore, saranno comunque caratterizzate da repliche su tutto il cratere e contenute sul grado strumentale. Per i prossimi 2 0 3 giorni, la Fondazione sarà impegnata su diversi fronti per lavori di ricerca e  osservazioni di eventuali situazioni di criticità sul territorio del Centro Italia” conclude la fondazione Permanente Giampaolo Giuliani.

Clima e scosse: la scienza nega che il caldo torrido porti il terremoto

Lievi scosse in alta quota, numerose in queste settimane, tra Pescocostanzo e Rivisondoli. Nulla di grave, rilasci poco percettibili se non fosse per gli animali domestici, alcuni più sensibili si agitano più del solito. Quella del bosco di Sant’Antonio è un’area a massimo rischio sismico, non da ora, la stazione ferroviaria di Pesco è la più alta d’Italia, dopo quella del Brennero. Si cuoce anche lì, a 1268 metri sul livello del mare, allora qualcuno ha chiesto col gran caldo che brucia le montagne arriverà un gran terremoto. No, rassicurano dalla pagina Facebook Precursori sismici e terremoti, la scienza nega la possibilità che le alte temperature sulla Terra siano legate agli eventi sismici sotto Terra. Temperature anomale, molto al di sopra delle medie stagionali non hanno nulla da spartire con i terremoti. I geologi e i tecnici che studiano e registrano gli eventi sismici nei laboratori di ricerca ne sono più convinti e, mentre tiriamo un gran sospiro di sollievo, proviamo a conoscerne la ragione.

Continua a leggere “Clima e scosse: la scienza nega che il caldo torrido porti il terremoto”