Tag: fusione

Ferrovie. Sor da Sulmona a Pescara: dopo il rito retorico istituzionale, il vuoto

Dopo l’immancabile rituale di esternazione retorica dalla classe dirigente locale cala il sipario sulla Sala operativa regionale della stazione ferroviaria di Sulmona che slitta a Pescara. Interviene a ridare un po’ di risalto alla sottrazione denunciata dall’associazione Italica, un’altro movimento: Ripensiamo il territorio (Rit). Continue reading “Ferrovie. Sor da Sulmona a Pescara: dopo il rito retorico istituzionale, il vuoto”

Fusi e Contenti: alla Nuova Realtà 32 milioni di euro

Prende ufficialmente il via il percorso di fusione indicato dalla commissione consiliare Coesione Territoriale e Progetto Futuro Popoli con 11 voti favorevoli (maggioranza Pd e  opposizione 5 stelle) e 2 voti contrari della lista Prima Popoli. Già si pensa al Parlamento territoriale e si prepara la strada anche al referendum. Continue reading “Fusi e Contenti: alla Nuova Realtà 32 milioni di euro”

Popoli Ripensa il Territorio: la fusione risolleverà l’economia delle Aree Interne

Popoli (Pe). Venerdì alle ore 17, il consiglio comunale è dedicato alla costituzione di una grande comunità di oltre 10 mila abitanti  per affrontare insieme le criticità delle aree interne: spopolamento, svuotamento di servizi, tassazione in crescita, svalutazione edilizia al 40% , isolamento inesorabile e progressivo. Continue reading “Popoli Ripensa il Territorio: la fusione risolleverà l’economia delle Aree Interne”

Pescara, Montesilvano e Spoltore: la fusione è fatta. Nuova Pescara, tagli a sprechi e doppioni

É stata approvata la legge sulla fusione dei 3 comuni Pescara, Montesilvano e Spoltore che dà seguito al referendum in cui i cittadini delle 3 città hanno espresso la volontà di appartenere ad un unico grande centro urbano. Continue reading “Pescara, Montesilvano e Spoltore: la fusione è fatta. Nuova Pescara, tagli a sprechi e doppioni”

L’entroterra dimenticato da Dio: Molina Aterno niente cresime nel 2017

Molina Aterno (Aq). Niente Cresime quest’anno, l’avviso sul portale della chiesa di San Nicola, affisso dal parroco Don Francesco, è un grido d’allarme sulle gravi difficoltà che l’Abruzzo interno sta affrontando da tempo e senza soluzione di continuità, svuotato dai tagli e dalle razionalizzazioni della spesa pubblica. Paesi dimenticati da Dio.

Aggiornamento

Continue reading “L’entroterra dimenticato da Dio: Molina Aterno niente cresime nel 2017”

Nuova geografia sanitaria per Sulmona, Castel di Sangro e Popoli proposta dai Comitati pro sanità

L’ospedale di Sulmona, in provincia dell’Aquila, come struttura sanitaria complessa, oltre il confine, in provincia di Pescara, il presidio di Popoli come ospedale di Pronto soccorso e Dipartimento regionale di riabilitazione, con reparti di degenza e per il nosocomio di Castel di Sangro (Aq) la nuova geografia sanitaria, disegnata ieri dai comitati dell’entroterra abruzzese, prevede un ospedale di area montana disagiata. 

Continue reading “Nuova geografia sanitaria per Sulmona, Castel di Sangro e Popoli proposta dai Comitati pro sanità”

Visione unitaria. Dal Baltico a Milazzo, passando per l’Appennino, stessi servizi per tutti

L’entroterra abruzzese riparte anche e proprio dalla sanità. Dal tentativo, da ieri ripreso, di unire i presidi ospedalieri peligno e popolese per evitare così altre spoliazioni e declassamenti. La notizia dell’ospedale diffuso nel Centro Abruzzo incoraggiai il movimento Ripensiamo il territorio che ha lanciato, da tempo, l’idea dell’Area vasta in un territorio tutto da ricollegare e rimettere insieme, in rete, per sviluppare una dimensione dell’Abruzzo interno che parli il linguaggio della coesione.

Continue reading “Visione unitaria. Dal Baltico a Milazzo, passando per l’Appennino, stessi servizi per tutti”

Dalla fusione delle 4 provinciali nascono la Cia Chieti-Pescara e la Cia Teramo-L’Aquila

Montelsilvano (Pe). Con l’assemblea straordinaria di questa mattina nascono ufficialmente le nuove province Cia L’Aquila Teramo e Chieti Pescara. Per la prima è stato eletto presidente Roberto Battaglia, il direttore è Bruno Sfrattoni. A presiedere la seconda organizzazione provinciale è Nicola Antonio Sichetti, già presidente Cia Chieti, affiancato dal vice presidente Beatrice Tortora,già presidente Cia Pescara.

Continue reading “Dalla fusione delle 4 provinciali nascono la Cia Chieti-Pescara e la Cia Teramo-L’Aquila”

Fuori dalla crisi con la Coesione, il 2015 è l’anno della riscossa dell’entroterra

Entroterra abruzzese. Tanti i segnali di coesione lanciati, agli 8 mila 100 comuni italiani, dalla legge di stabilità che spinge ad un ridimensionamento nel segno della sobrietà e dell’efficienza arrivando, al massimo, a 2 mila 500 realtà amministrative. Le nuove disposizioni normative tracciano la nuova rotta anche alle comunità abruzzesi che, con largo anticipo, potrebbero organizzarsi per non accontentarsi poi di un fidanzamento forzoso. Il quadro è completo se si considera la calendarizzazione in Parlamento della proposta di legge che tende anche a ridurre le Regioni italiane da 21 a 5, sulla scia delle cosiddette macroregioni. Continue reading “Fuori dalla crisi con la Coesione, il 2015 è l’anno della riscossa dell’entroterra”

Oggi a Raiano incontro tra i 5 Stelle e Ripensiamo il territorio

Raiano (Aq). Oggi il movimento Ripensiamo il territorio terrà un seminario-incontro col Movimento 5 Stelle che intende approfondire la tematica della Coesione territoriale. L’appuntamento è alle 21.30  presso la corte della Palombaia, a Raiano. Continue reading “Oggi a Raiano incontro tra i 5 Stelle e Ripensiamo il territorio”

Ripensiamo il territorio, lettera alla Regione: basta pattinare sull’acqua

Movimento Ripensiamo il Territorio
Ripensiamo il Territorio

Centro Abruzzo. Lettera aperta alla Regione Abruzzo e agli amministratori locali del Movimento Ripensiamo il Territorio.
Continue reading “Ripensiamo il territorio, lettera alla Regione: basta pattinare sull’acqua”

Un Osservatorio Fondi europei contro la lentezza del Centro Abruzzo

Movimento Ripensiamo il Territorio
Ripensiamo il Territorio

Per  4 milioni e mezzo di euro provenienti dai Fas (Fondi aree sottosviluppate) non sono bastati 3 anni all’entroterra abruzzese per produrre un progetto condiviso. E’ proprio vero, il problema del Centro Abruzzo sta nella lentezza del sistema politico-istituzionale, hanno ragione quelli di Ripensiamo il Territorio. Questo è quanto e l’entroterra abruzzese impiegherà un secolo prima di pianificare delle azioni più importanti sollecitate dalla dinamicità europea. GongLa soluzione sembra essere vicina alle proposte di Ripensiamo il Territorio che suona e risuona il Gong, intenzionato ad immunizzare l’entroterra dal virus dell’indolenza disintegrante. Dal Movimento prende forma l’idea di un Osservatorio Fondi Europei da costituire per intercettare finanziamenti comunitari e soprattutto recuperare il tempo pèrso, cancellando il ritardo impressionante accumulato ormai da un Centro Abruzzo sonnolento e apatico.

Continue reading “Un Osservatorio Fondi europei contro la lentezza del Centro Abruzzo”

Popoli, San Benedetto in Perillis e Collepietro lavorano per la fusione

Popoli (Pe)Entroterra abruzzese. In questi giorni Popoli (Pe) ha rilanciato la sua volontà e decisione di fusione con il Comune di San Benedetto in Perillis più l’amministrazione di Collepietro, in provincia di L’Aquila, grazie alla collaborazione del Movimento Ripensiamo il Territorio.
Continue reading “Popoli, San Benedetto in Perillis e Collepietro lavorano per la fusione”