Tag: fossile

Fossile. Pronti al blocco del rilascio di 36 titoli. L’Emendamento Non Basta!

Pronto l’emendamento al Decreto semplificazione in cui si afferma che le attività upstream  – ossia i processi operativi da cui ha origine l’attività di produzione di gas naturale, olio combustibile e petrolio – non rivestono carattere strategico e di pubblica utilità, urgenza e indifferibilità per l’eventuale strategia di decarbonizzazione e sostituzione di petrolio e derivati per avviare, si spera, un concreto utilizzo delle fonti rinnovabili. Continua a leggere “Fossile. Pronti al blocco del rilascio di 36 titoli. L’Emendamento Non Basta!”

Ricerche d’idrocarburi Autorizzate sullo Ionio, è un Pugno nello Stomaco

Bisognerebbe spiegare al ministro dello sviluppo economico, Luigi Di Maio, che le trivellazioni  seguono sempre le ricerche di idrocarburi dunque non può far apparire agli occhi dei suoi un fatto meno grave l’autorizzazione a scovare energia fossile perché estrarla nel Mar Ionio sarà solo il momento successivo purtroppo.

Aggiornamento Continua a leggere “Ricerche d’idrocarburi Autorizzate sullo Ionio, è un Pugno nello Stomaco”

Centrale Snam a Sulmona: stavano per autorizzare. Bloccati dal No al referendum

Si riduce la distanza tra le ruspe e chi si oppone alla realizzazione della centrale di spinta del metano di Sulmona (Aq). É dell’autunno scorso il salto in avanti con la remissione al consiglio dei ministri dell’autorizzazione dell’impianto di compressione del gas naturale in valle Peligna, ai piedi del monte Morrone. L’atto del dipartimento governativo riporta che “Sussiste la possibilità di procedere all’autorizzazione a condizione che siano rispettate le prescrizioni fornite dagli enti coinvolti nel procedimento”. Poche le informazioni su queste prescrizioni e sul progetto della centrale da riconsiderare alla luce delle criticità che i sopralluoghi e gli studi degli esperti Ingv hanno individuato nell’area in cui si vuole piazzare l’impianto.

Continua a leggere “Centrale Snam a Sulmona: stavano per autorizzare. Bloccati dal No al referendum”

Il condono alle compagnie petrolifere che il Referendum cancellerà

Il Referendum del 17 aprile cancellerà un vero e proprio condono del governo Renzi alle compagnie petrolifere, se vincerà il Sì. Il condono è del dicembre 2015, denunciato anche da numerose associazioni ambientaliste. Il condono consente alle compagnie petrolifere, con titoli abilitativi entro le 12 miglia marine, di continuare a ricercare ed estrarre idrocarburi (gas e/o petrolio) a tempo indeterminato. Prima di questa modifica le concessioni erano a scadenza concordata all’atto della firma. Come d’altra parte dispone la norma ogni qual volta si dà in uso, ad una società privata, un bene di proprietà dello Stato che si tratti di idrocarburi, acqua, spiagge o suolo. Come si prevede nel caso delle piattaforme petrolifere e dei permessi di ricerca oltre le 12 miglia marine o sulla terraferma” chiarisce la responsabile energia di Legambiente Katiuscia Eroe.

Continua a leggere “Il condono alle compagnie petrolifere che il Referendum cancellerà”

Bloccare le Trivelle nelle 12 miglia con un Referendum: Abruzzo occorre far presto

Roma. Stop trivelle, ma soprattutto se le proposte di legge hanno fallito riuscirà il voto dei cittadini ad impedire che altre piattaforme siano installate a meno di 20 chilometri dalla costa Italiana (12 miglia – 19,312 km ). Ai massimi rappresentanti delle regioni è stato chiesto di deliberare per un Referendum abrogativo che metta fine alla vergognosa sanatoria delle trivelle entro le 12 miglia, in prossimità delle coste italiane. L’attività di pressione dei gruppi ambientalisti sarà concentrata, in questi 2 mesi, sui massimi rappresentanti regionali, pacificamente, affinché almeno 5 consigli regionali, entro fine di settembre, decidano di risolvere la questione delle 12 miglia con l’unico strumento di democrazia diretta rimasto.  Continua a leggere “Bloccare le Trivelle nelle 12 miglia con un Referendum: Abruzzo occorre far presto”

Incontro D’Alfonso – ambientalisti abruzzesi: fin troppe timidezze con Renzi

Foto per gentile concessione di Ilaria Giangrande
Foto per gentile concessione di Ilaria Giangrande

Pescara.Alcuni passi in avanti, ma rispetto ai 60 mila manifestanti di Lanciano e i 40 mila di Pescara registriamo ancora troppa timidezza politica di fronte al Governo Renzi” è il commento del Coordinamento no Ombrina dopo l’incontro di oggi con il Presidente della Regione Luciano D’Alfonso, il vice presidente Giovanni Lolli e l’assessore regionale Mario Mazzocca per affrontare il problema della deriva petrolifera che le politiche governative vogliono imporre all’Abruzzo e al mare Adriatico. Continua a leggere “Incontro D’Alfonso – ambientalisti abruzzesi: fin troppe timidezze con Renzi”

Comitati abruzzesi alla Camera: “L’Abruzzo non si vende”

Fonte Immagine http://tsiprastn.files.wordpress.com/2014/04/rodotc3a01.jpg
Fonte Immagine

Roma. Anche Stefano Rodotà, giurista, politico e accademico italiano, già garante della privacy, è stato con i manifestanti nel presidio ambientalista oggi a piazza Montecitorio a Roma. Con padre Alex Zanotelli poi una delegazione abruzzese ha incontrato il presidente Ermete Realacci e i parlamentari della Commissione Ambiente della Camera. 

Continua a leggere “Comitati abruzzesi alla Camera: “L’Abruzzo non si vende””