Tag: forum

Autostrada. Dipende dal governo l’ulteriore messa in sicurezza urgente dei viadotti

Opere di messa in sicurezza al centro dell’attenzione dopo il collasso di ponte Morandi a Genova e il terremoto che, stesso giorno, si è fatto risentire anche in Abruzzo. I cantieri sono deserti al momento perché Strada dei parchi è in attesa, dal governo, degli altri finanziamenti da anticipare, necessari a concludere i lavori di messa in sicurezza urgente per i viadotti. Strada dei parchi ha comunque provveduto ad eseguire alcuni dei lavori sui viadotti, inserendo delle nuove casse rettangolari (vedi immagini), sotto gli impalcati dei tronconi autostradali che attraversano l’Abruzzo, intervento che ha incluso le aree interne a massimo rischio sismico e i viadotti peligni.

Aggiornamento 1 e 2

Continue reading “Autostrada. Dipende dal governo l’ulteriore messa in sicurezza urgente dei viadotti”

Un marchio per l’Abruzzo con i Forum di Legambiente

Confronto pubblico con 6 tappe distribuite sull’intero territorio abruzzese per la definizione e il lancio di un marchio regionale che coniughi turismo e ambiente.  Dall’11 dicembre e per 3 giorni si terranno degli incontri sul turismo attivo e sostenibile per un simbolo regionale del turismo tra green e wellness, verde e benessere. 

Continue reading “Un marchio per l’Abruzzo con i Forum di Legambiente”

Il colpo di coda dell’Asse attrezzato nel Piano portuale

Pescara. Il capoluogo adriatico ha il suo Piano regolatore portuale appena approvato dal consiglio regionale, ma l’emergenza dragaggio sembra quasi spingere a contenuti che il Forum H2O qualifica folli, scopriamo perché.

Continue reading “Il colpo di coda dell’Asse attrezzato nel Piano portuale”

Strage Pini. Associazioni convocate: ‘Sì al confronto, ma fermate il taglio’

Pescara.  Braccio di ferro tra Comune e associazioni, nulla cambia se non si ferma la strage anche se l’amministrazione accetta d’incontrare il gruppo a difesa dei sempreverdi. Così per venerdì gli ambientalisti vengono convocati in municipio. Le associazioni sono disponibili al confronto, a patto che l’intervento sui circa 137 alberi a rischio abbattimento, tra questi alcuni Pini d’Aleppo, sia fermato.

Aggiornamento

Continue reading “Strage Pini. Associazioni convocate: ‘Sì al confronto, ma fermate il taglio’”

Dati depurazione: tutti sbagliati. L’Arta attende da secoli il nuovo software da Abruzzo engineering

Una volta sono incompleti, un’altra sono incolonnati male e così i dati sulla depurazione in Abruzzo navigano nell’incertezza. Dalla pagina Web del sito ufficiale dell’Agenzia regionale per la tutela ambientale, l’Arta oggi informa che i recenti dati diffusi sulla depurazione sono errati perché l’impaginazione non è corretta. Problemi con un programma obsoleto che va proprio sostituito, ma l’azienda che dovrebbe fornire il nuovo sistema ha passato momenti difficili.

Continue reading “Dati depurazione: tutti sbagliati. L’Arta attende da secoli il nuovo software da Abruzzo engineering”

Pista forestale asfaltata, Soa svela il retroscena: un progetto per costruire impianti di risalita

Villavallelonga (Aq). Perché spendere 500 mila euro per asfaltare una pista forestale che non collega il paese ad abitazioni, resort e altre strutture ricettive e che dovrebbe rimanere chiusa? La domanda sorge spontanea per la lingua d’asfalto appena realizzata a Prati d’agro e si fa strada una risposta osservando, da un’altra prospettiva, la colata di bitume che ha incatramato il cuore del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise (Pnalm). La stradina bianca di Prati d’Agro è asfaltata, con il parziale avallo dell’ente parco, per una ragione sino a ieri poco chiara. Cosa c’è sotto? La Stazione ornitologica abruzzese va a spulciare il Piano triennale delle opere pubbliche di Villavallelonga e scopre l’incredibile intervento per collegamenti a fune previsto proprio tra fonte Aceretta e Pescasseroli. Nel piano non risulta un intervento sulla strada, nei paraggi però è programmato un impianto di risalita, esattamente di arroccamento. Una prima conferma dei dubbi nutriti sin da gennaio è una vasta porzione del versante montano di Villavallelonga che rientra, per l’ultra trentennale Piano paesistico regionale, nel bacino degli impianti sciistici di Pescasseroli. Proprio così e la situazione si complica perché i divieti sulle Zone di protezione speciali (Zps) non si applicano  in questo caso, perché la pianificazioni regionale è precedenti al 2007, anno del decreto sulle Zps.

Aggiornamenti

Continue reading “Pista forestale asfaltata, Soa svela il retroscena: un progetto per costruire impianti di risalita”

Variante Sud: inchiesta pubblica e riapertura dei termini per la partecipazione popoalre

L’Aquila. Il Comitato di valutazione d’impatto ambientale della Regione ha disposto che si proceda all’inchiesta pubblica per la contestata variante Sud (Lotto C) con la riapertura dei termini, 60 giorni, per la presentazione delle osservazioni al progetto.

Continue reading “Variante Sud: inchiesta pubblica e riapertura dei termini per la partecipazione popoalre”

Gasdotto Larino Chieti: Italia corridoio e colonia del gas da vendere in Europa

L’Italia colonia, hub del gas, è ormai a servizio delle società gasiere che intubano interi territori della Penisola, spesso in aree a massimo rischio sismico e a rischio idrogeologico, tutto per rivendere il metano all’Europa a spese dei cittadini dello stivale, con i costi fissi in bolletta che schizzano alle stelle. La scusa che si mette innanzi, sempre la stessa, è l’approvvigionamento, ma in casi di crisi energetica di gas ce n’è abbastanza, anzi troppo in Italia! Il prossimo 19 aprile il Comitato valutazione di impatto ambientale (Via) esaminerà il progetto per l’ennesimo mostro da realizzare: il gasdotto Larino-Chieti. Progetto presentato dalla società Gasdotti Italia, fondo di investimenti londinese Eiser global infrastructure fund, che si lega alla pianificazione decisa per l’Italia da intubare e ridurre a colonia delle multinazionali.

Continue reading “Gasdotto Larino Chieti: Italia corridoio e colonia del gas da vendere in Europa”

Sigilli alla discarica di Montesilvano. Niente registro su quanto scaricato a villa Carmine

Montesilvano (Pe). La Guardia costiera ha sequestrato oggi 21 mila m² d’immondizia della discarica di villa Carmine, forse non ancora ben caratterizzata secondo le dichiarazioni rilasciate dal Forum H2o. Sono stati messi i sigilli anche su 500 metri di percolato, sull’argine del fiume Saline, prodotto della decomposizione dei rifiuti e degli eventi meteorici (pioggia e neve), per anni rimasto fuori controllo.

Continue reading “Sigilli alla discarica di Montesilvano. Niente registro su quanto scaricato a villa Carmine”

Metanodotto Sulmona-Foligno: i liceali del Fermi incontrano gli esperti

di Nino Giuseppe Critelli

Liceo scientifico Fermi Forum Report-age.com 21.01.2016Sulmona (Aq). Mattinata di dibattito presso l’Aula Magna del Liceo Scientifico Enrico Fermi a Sulmona dove si è discusso della questione del metanodottoe della centrale di spinta del metano, progetto avviato già nel 2004 dall’azienda Snam Rete Gas Spa anche se il nostro territorio sembra se ne sia accorto solo recentemente … forse troppo tardi.

Foto copertina Giusy Spacone

Continue reading “Metanodotto Sulmona-Foligno: i liceali del Fermi incontrano gli esperti”

Oltre i limiti d’emissione per i fumi, sospesa l’attività del sansificio di Pescara

Pescara. La Provincia ha disposto la sospensione delle attività del sansificio di Pescara dopo gli esiti delle analisi dell’Arta che confermano lo sforamento dei valori per l’emissione dei fumi dello stabilimento che su strada Vicinale Torretta, lavora la sansa (sansa di olive, sottoprodotto del processo di estrazione dell’olio d’oliva), nell’area industriale Est, all’ingresso della città.

Continue reading “Oltre i limiti d’emissione per i fumi, sospesa l’attività del sansificio di Pescara”

Nimbyforum. Al rogo comitati, ambientalisti, blog e quel ‘mentitore’ di Erri De Luca

Roma. I componenti di questa moderna inquisizione sono sostenitori del Nimbyforum e nell’elenco troviamo non solo una nutrita rappresentanza istituzionale (qui), ma anche nomi altisonanti di società come Edison, Terna, Enel, Trans adriatic pipeline (Tap), A2a e Falck renewables. Al convegno nazionale del Nimbyforum Erri De Luca non è stato ancora assolto, le testate gionalistiche locali scrivono senza sapere. Tutti al rogo dunque, blog ambientalisti inclusi.  Le multinazionali liquidano il problema dell’inquinamento, dell’effetto serra, dell’aumento delle temperature e del depauperamento dei territori assediati dai loro progetti (elettrodotti, oleodotti,  metanodotti, centrali a biomasse, piattaforme petrolifere e trivelle per la ricerca e l’estrazione di idrocarburi) con una semplice parola: nimby. Questo è lo spauracchio da sconfiggere e le grandi imprese si aggrovigliano il cervello per una soluzione che fermi i cittadini che si oppongono alle loro opere celebrate come strategiche e sostenute da discipline normative come quella dello Sblocca Italia. Vorrebbero controllare l’informazione on line, discutono su come gestire quella sui social. Dunque per loro il problema è fermare l’opposizione senza approfondire le ragioni delle contestazioni popolari che interessano la bellezza di 355 opere in Italia che i colossi del fossile e dell’energia non rinnovabile intendono realizzare ad ogni costo. Il sistema di produzione non si cambia quello fossile deve bastare. Opere considerate inutili dalla gran parte delle popolazioni interessate. Non ha prezzo allora immaginare la sorpresa e lo stupore degli addetti al fossile che, durante un’auto celebrazione dei sostenitori del Nimby forum, si trovino in sala un manipolo di rappresentanti del Comitato No elettrodotto 380 Kv Villanova – Gissi, attivisti di Pescara e Chieti, che partecipa e segue i lavori del forum. Raccontiamo gli interventi dei relatori di prestigio della riunione capitolina, consumata due giorni fa, da un punto di vista inimmaginabile per queste occasioni mondane.

Continue reading “Nimbyforum. Al rogo comitati, ambientalisti, blog e quel ‘mentitore’ di Erri De Luca”

Ombrina nell’Onda ambientalista abruzzese: i ministri Galletti e Franceschini non firmino

L’inchiesta de Il Fatto Quotidiano e 2 interrogazioni, una alla Camera dei deputati e una al Parlamento europeo, sollevano dubbi su alcuni componenti della Commissione chiamata a valutare i progetti di opere ad impatto ambientale da realizzare in Italia. Piani che espongono molte di quelle megastrutture, discutibili per gli ambientalisti, come zizzania da spargere in tutta la penisola cooptata nella Strategia energetica nazionale . Continue reading “Ombrina nell’Onda ambientalista abruzzese: i ministri Galletti e Franceschini non firmino”