Tag: fiume sangro

Balneabilità in Abruzzo. Sono 9 bollini Rossi: ecco dove. Aggiornamenti di luglio

Per i 126 chilometri di costa abruzzese sono 9 i bollini rossi segnalati dal monitoraggio dei tecnici dell’Agenzia regionale per la tutela ambientale (Arta) che hanno eseguito prelievi anche nel corso dell’ondata di maltempo che ha falcidiato la costa abruzzese.

Aggiornamento

Continua a leggere “Balneabilità in Abruzzo. Sono 9 bollini Rossi: ecco dove. Aggiornamenti di luglio”

Maltempo. Sopralluogo e riunione dei sindaci: graduale ritorno alla normalità

Si è appena concluso il sopralluogo in Alto Sangro, tra i comprensori maggiormente colpiti dal maltempo, del sottosegretario d’Abruzzo Mario Mazzocca accompagnato dal presidente del consiglio regionale, Giuseppe Di Pangrazio, ospitato dal sindaco di Pescasseroli, Luigi La Cesa e i primi cittadini di Opi, Bernardino Paglia, e di Villetta Barrea, Giuseppina Colantoni, per fare il punto sulla situazione.  Continua a leggere “Maltempo. Sopralluogo e riunione dei sindaci: graduale ritorno alla normalità”

Storie di suoli: da Megalò a Tollo e Scontrone. Suolo minacciato e cemento oltre la crisi

Pescara. Spariscono sotto il cemento 1000 km² di aree fertili in Europa, ogni anno, è più dell’intera Piana che da Pisa spinge a Cascia, stessa dimensione dell’area occupata dalla capitale. A raccontare la gravità del consumo di suolo in Italia è il dossier Suolo minacciato, ancora cemento oltre la crisi in cui Legambiente raccoglie storie di suolo consumato. Per l’Abruzzo in agonia sono i suoli costieri, oltre il 60% della costa  è divorato dal cemento, più di 90 km di costa irreversibilmente modificati su 143 km.

Continua a leggere “Storie di suoli: da Megalò a Tollo e Scontrone. Suolo minacciato e cemento oltre la crisi”

Ennesima captazione del fiume Sangro per una centrale: progetto da rigettare

Alfedena (Aq). Altri 2 chilometri di fiume Sangro da intubare, la captazione è progettata ad Aòfedena per mettere in moto l’ennesima centrale idroelettrica. Tutto questo sollevando il livello dell’alveo di circa 25 cm, con rischi di una degradazione ambientale ulteriore, la possibilità che venga compromesso il buono stato di qualità delle acque e pericoli per la fauna selvatica e la sopravvivenza di specie protette come la Lontra, Cobit e Barbo.

Continua a leggere “Ennesima captazione del fiume Sangro per una centrale: progetto da rigettare”

Il Consiglio di Stato mette fine al progetto Forest a Bomba

Forest Bomba (Ch) Foto1 Maria Trozzi Report-age.com 2015
Foto Maria Trozzi

Bomba (Ch). Il consiglio di Stato mette fine al progetto della Forest a Bomba con una sentenza esemplare che considera i rischi e i danni della raffineria che si sarebbe dovuta piantare a due passi dal bacino di raccolta dell’acqua del fiume Sangro, conseguenze insostenibili per la collettività, è vinta la lotta del Comitato di cittadini gestione partecipata territorio.

Continua a leggere “Il Consiglio di Stato mette fine al progetto Forest a Bomba”

M5S e Striscia per il ponte non proprio allineato, se ne interessa anche Report di Rai 3

Atessa e politica Posso stare tranquilliLanciano (Ch). Non solo la Risoluzione del consigliere regionale Pietro Smargiassi, ma anche la visitina dei corrispondenti di Striscia la notizia per il viadotto che collega l’area industriale di Lanciano ad Atessa, le cui colonne portanti non sembrano del tutto allineate al basamento sul fiume Sangro, in provincia di Chieti. Ad interessarsi della questione è anche la redazione di Report, il programma condotto da Milena Gabanelli. Continua a leggere “M5S e Striscia per il ponte non proprio allineato, se ne interessa anche Report di Rai 3”

Perimetrazione Parco Costa Teatina, va bene, ma allargare le vedute non guasta

Parco incontro ProvinciaChieti. Tutti presenti a palazzo della Provincia per la presentazione della prima perimetrazione del Parco nazionale della Costa teatina, tenuta su istanza della Costituente per il Parco nazionale, organizzazione costituita da associazioni, commercianti e liberi professionisti impegnati da tempo nella promozione e definizione del Parco nazionale istituito nel 2001. Con questo sono 4 i Parchi nazionali d’Abruzzo se la perimetrazione andrà a buon fine e lo sapremo presto. Non è ancora definitiva, si tratta ancora di una bozza e si potrebbe fare ancora meglio, magari allargare un tantino le vedute o forse limare certe spigolature per legare altre realtà che gravitano attorno all’area, il Parco Majella solo per fare un esempio. Un Parco nazionale è soprattutto una grande territorio e per il momento l’area protetta sembra trascurare connessioni importanti che danno senso, cultura e storia a questa memorabile porzione di costa adriatica. Il Commissario Pino De Dominicis, nominato ad agosto dal ministero dell’ambiente, sottolinea che rispetterà i tempi per portare a compimento il suo mandato e rimetterà la perimetrazione definitiva al ministero dell’ambiente entro agosto, un anno esatto dalla sua nomina. Continua a leggere “Perimetrazione Parco Costa Teatina, va bene, ma allargare le vedute non guasta”