Tag: farmaceutica

Stabilimento Filippi a Buss. Progetto esecutivo entro luglio: elettricità permettendo

Bussi sul Tirino (Pe). Staff tecnico potenziato per la Filippi farmaceutica con l’ingegner Salvatore Torrisi seduto al fianco del rampollo della famiglia che gestisce la società con l’azienda da insediare a Bussi. Per 2 volte deputato con la Lega di Salvini, Aberto Filippi intrattiene gli intervenuti, numerosissimi, in attesa che cominci la conferenza stampa allargata, sottolinea il vicentino.

Aggioramento 1 e 2

Continua a leggere “Stabilimento Filippi a Buss. Progetto esecutivo entro luglio: elettricità permettendo”

Canapa terapeutica. Quasi pronto il raccolto nel Subequano per creare ‘una bellissima piantagione’. Intervista al promotore dell’iniziativa

Castelvecchio Subequo (Aq). Jacopo Paolini, socio fondatore con Marco Cappiello dell’azienda italo olandese Enecta, racconta la sua esperienza nella coltivazione di Canapa per la realizzazione di estratti di cannabis destinati ad uso terapeutico. Presto, dopo al seconda decade di agosto, saranno raccolti i frutti della semina che lo scorso aprile ha interessato ben 8 ettari di terreno in valle Subequana. 

Continua a leggere “Canapa terapeutica. Quasi pronto il raccolto nel Subequano per creare ‘una bellissima piantagione’. Intervista al promotore dell’iniziativa”

Discarica Bussi. Solvay abbandonerebbe il sito per i ritardi. Lettera di La Gatta che preme sul ministero (esclusiva)

Bussi(Pe). Nella lettera, inviata il 7 marzo 2016 (Protocollo Comune di Bussi n. 1327), se la prende con il ministero dell’ambiente e un po’ con Solvay il sindaco di Bussi, Salvatore La Gatta. Si lamenta dei ritardi, è convinto che il solettone proposto nell’area ex Medavox, ossia, la colata di cemento per ‘isolare’ dall’inquinamento, sia davvero un’opera di messa in sicurezza per il sito industriale della val Pescara. La Gatta insiste nel classificare come Conferenze di servizi gli incontri che ha convocato e si lamenta dell’assenza dei vertici ministeriali, ma ad indire le Conferenze di Servizio per il Sin può essere solo il ministero, non un sindaco. Di solito un Commissario viene nominato per accelerare le procedure in emergenza non per scaricare le responsabilità. Insomma la mancata partecipazione del Mina a questi incontri “creerebbe un pericoloso scollamento fra le azioni amministrative” avverte il primo cittadino. Si difende con le unghie e con i denti, La Gatta, sicuro del fatto che le operazioni di capping della Solvay vadano fermate dal ministero perché nelle aree interessate sono già previsti interventi che rientrano nella bonifica del Sin, quella per cui lo Stato ha stanziato 50 milioni di euro. Perché tanta disponibilità del Comune ad acquisire le aree della Solvay? Inoltre, può bastare una certificazione che esclude la responsabilità del Comune di Bussi sull’inquinamento dell’area acquisita per esonerare l’amministrazione dai costi di eventuali altre bonifiche? No, è l’unica risposta intuibile. A carico di Bussi, come proprietario dei terreni nella intermediazione per la cessione del sito da Solvay alla farmaceutica Filippi, resterebbe l’eventuale bonifica se qualcosa andasse storto. Un esempio fra tutti? Con Solvay svincolata dagli impegni, grazie all’Accordo di programma abbozzato dal sindaco (nonostante i 15 anni di attività produttiva a Bussi della ditta belga), a chi spetterebbero le incombenze sul Sin se il nuovo proprietario del sito, l’azienda che subentra, fallisse? La Gatta avverte anche sull’ipotesi della terza discarica, idea già tramontata a detta del presidente della Commissione bicamerale d’inchiesta per gli illeciti sui rifiuti, Alessandro Bratti.

Continua a leggere “Discarica Bussi. Solvay abbandonerebbe il sito per i ritardi. Lettera di La Gatta che preme sul ministero (esclusiva)”