Tag: faggeta

Incendi sul Morrone: Carbonizzati i Pini Mughi del monte, opera d’arte di Madre Natura

Sulmona (Aq). É come volare su un cimitero di carbone, sull’area in cui resisteva l’unico gruppo di Pini mughi, autoctoni ossia del posto, del monte Morrone paragonabili, per inestimabile valore, alla preziosa Monna Lisa, dipinto ad olio su tavola di legno di Pioppo. Ci solleviamo da terra per raggiungere quota 1700 metri sulla montagna sacra ferita dagli incendi di agosto.

Continue reading “Incendi sul Morrone: Carbonizzati i Pini Mughi del monte, opera d’arte di Madre Natura”

Patrimonio Unesco 5 faggete abruzzesi, cade nell’oblio il Bosco di Sant’Antonio nel Parco Maiella

Sono patrimonio dell’umanità 5 faggete vetuste, del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise (Pnalm) con una superficie complessiva di 937 ettari nell’aquilano. Oltre a Val Cervara, in vita da oltre 500 anni, sono state riconosciute le faggete di Moricento (Lecce nei Marsi), Coppo del Principe e Coppo del Morto (Pescasseroli) e Cacciagrande (Opi). 

Aggiornamento 1 e 2 

Continue reading “Patrimonio Unesco 5 faggete abruzzesi, cade nell’oblio il Bosco di Sant’Antonio nel Parco Maiella”

La verità sui cinghiali: all’Elba fanno il bagno in Abruzzo si abbattono

In uno dei golfi più affascinanti dell’isola d’Elba, l’ultimo giorno di caccia (il 31 gennaio 2016) un cinghiale sulla spiaggia di Biodola, nei pressi di Portoferraio, viene immortalato durante un bagnetto in mare, in barba a tutti i cacciatori. Scivolando qua e là tra le onde e la battigia, dopo l’accurata toeletta, l’animale è andato via tranquillamente, nonostante un curioso cineoperatore spiasse l’intimità del momento. Un cinghiale di certo più fortunato di quello che a giugno 2014 a Pescara, in spiaggia, venne catturato, sarà che scelse di fare il bagno d’estate in un periodo piuttosto affollato con i bagnanti che sgomitano per un fazzoletto di sabbia e un po’ di sole.

Continue reading “La verità sui cinghiali: all’Elba fanno il bagno in Abruzzo si abbattono”

Abbattuti i vincoli al Bosco di S. Antonio, il Parco Maiella dovrebbe fare ricorso

Non è detta l’ultima per il Bosco di Sant’Antonio se davvero, come chiarito all’associazione Salviamo l’orso, il Parco farà ricorso contro la decisione del commissario regionale che fa cadere i vincoli agli usi civici proprio su una parte consistente della piana di Pescocostanzo in area Parco, decisione che altrimenti aprirà al pascolo e alle mandrie gli habitat sensibili dell’area protetta al contempo riserva integrale e Sito di interesse comunitario. La domanda sorge spontanea perché il Parco Maiella ha lasciato cadere la questione e non ha difeso le ragioni della faggeta dopo il ricorso del Comune di Pescocostanzo e prima della sentenza? Resuscitati gli usi civici, per volontà del commissario regionale, nel bosco sarà consentito ai pastori di sfruttare nuovamente la ricchezza della faggeta che, finita la legna secca, sicuramente si assottiglierà.

Aggiornamento 1,  2  e 3 

Continue reading “Abbattuti i vincoli al Bosco di S. Antonio, il Parco Maiella dovrebbe fare ricorso”