Tag: elsa2

Divieto nelle 12 miglia? Un pozzo petrolifero in sospeso a poche bracciate dalla riva

Francavilla al Mare (Ch). A poche bracciate dalla riva di Francavilla un pozzo petrolifero resta in sospeso. Il ministero dell’Ambiente non ha ancora chiuso la procedura del progetto Elsa2. Stessa cosa fece con la piattaforma Ombrina mare 2 la cui fine era già segnata dal decreto Prestigiacomo, il progetto è stato trascinato sino ai giorni nostri mobilitando il mondo ambientalista per scongiurarne l’autorizzazione resa possibile con il decreto Sblocca Italia. A lanciare l’allarme sul pozzo Elsa è la Stazione ornitologica abruzzese (Soa) che diffida il ministero dell’ambiente a chiudere la procedura di Valutazione di impatto ambientale, con il diniego, per il progetto che sopravvive nonostante il divieto di ricerca nelle 12 miglia marine scattato 10 mesi fa con la legge di stabilità (2016).

Continua a leggere “Divieto nelle 12 miglia? Un pozzo petrolifero in sospeso a poche bracciate dalla riva”

L’Abruzzo si sfila dal Referendum anti trivelle. Il Wwf critica la scelta di D’Alfonso

La scelta del Presidente Luciano D’Alfonso di far ritirare la Regione Abruzzo dal referendum anti trivelle e di farlo schierare a fianco del Governo contro le altre regioni per l’associazione del Panda è incomprensibile.

Cassazione sì referendum abrogativi sblocca Italia e decreto Passera Report-age.com 2015All’improvviso, senza nessun dibattito in Consiglio regionale, l’Abruzzo sceglie di cambiare squadra e da quella delle 10 Regioni che hanno promosso i 6 quesiti referendari passa a quella del governo. “È come se durante una partita di calcio uno degli 11 giocatori si togliesse la maglia indossata fino a quel momento e si mettesse quella degli avversari per continuare la partita a loro fianco” e nella nota il Wwf fa riferimento anche all’espressione con cui si riconosce che l’obiettivo di fermare la piattaforma petrolifera Ombrina Mare è stato raggiunto e che non ci sarebbe più ragione del contendere. “In realtà la Cassazione, confermando il referendum sul divieto di trivellazione delle 12 miglia, sembra ritenere il contrario e oltretutto la Corte costituzionale deve pronunciarsi il 19 gennaio sulla validità dei quesiti. “Sarebbe stato meglio attenderne la decisione – riconosce l’associazione ambientalista – Inoltre si continua a voler far credere che il problema del petrolio inizi e finisca con la piattaforma Ombrina Mare. Si tratta di una visione miope che non ha alcun fondamento. Se Ombrina è stata (momentaneamente?) bloccata il problema del petrolio in Abruzzo e nel Mare Adriatico continua a esistere perché deriva da una politica energetica del Governo pro fonti fossili che non è cambiata e che continuerà a produrre i suoi effetti. D’Alfonso avrebbe dovuto contribuire a costruire e rafforzare un fronte comune con gli altri Governatori per una strategia energetica sostenibile, piuttosto che sfilarsi da questa battaglia”.

Legambiente e Wwf: il Parco della Costa teatina deve essere Nazionale

Piattaforma rospo mare a Punta Aderci Report-age.com 2015

L’idea di un parco regionale marino per fronteggiare la lotta contro la petrolizzazione, in alternativa al costituendo Parco nazionale della costa teatina, non piace in provincia di Chieti e in Abruzzo. Il Parco deve essere nazionale perché è l’unico vero baluardo contro la petrolizzazione, la istituenda area protetta nazionale sulla costa dei Trabocchi garantirebbe un modello di green economy. Per Wwf e Legambiente il punto di svolta è il Parco Nazionale della Costa teatina pronto per essere decretato e la sua forza è proprio nella sua valenza nazionale. 

Continua a leggere “Legambiente e Wwf: il Parco della Costa teatina deve essere Nazionale”

Ambientalisti: ‘Operazione greenwashing al Premio Confindustria Abruzzo Green’ domani all’Abbazia Celestina

Sulmona (Aq). Non è la prima volta per il Parco della Maiella, nulla di nuovo poi per Sulmona e a fare da cornice questa volta è l’abbazia Celestina, l’operazione greenwashing è rifetita dagli ambientalista alla compagnia petrolifera Petroceltic, tra gli sponsor dell’evento Confindustria Abruzzo green società di Elsa2, il progetto del pozzo esplorativo a meno di 3,5 miglia marine dalla spiaggia, sull’Adriatico tra Francavilla e Ortona. Il pozzo sarà installato nella riserva naturale regionale Ripari di Giobbe.   Continua a leggere “Ambientalisti: ‘Operazione greenwashing al Premio Confindustria Abruzzo Green’ domani all’Abbazia Celestina”

Osservazioni contro Elsa 2. La risposta ambientalista alla deriva petrolifera

Progetto Elsa Report-age.com 9.9.2014
Progetto Elsa

Pescara. Arci, Fai, Legambiente, Lipu e Wwf, associazioni ambientaliste, insieme alle riserve regionali Punta Aderci e Lecceta di Torino di Sangro, terranno una conferenza stampa sul tema: La risposta delle associazioni alla deriva petrolifera: le osservazioni contro Elsa 2.

Continua a leggere “Osservazioni contro Elsa 2. La risposta ambientalista alla deriva petrolifera”