Tag: elsa

3 milioni di spari nel mare di S.Maria di Leuca. D’Orsogna lancia l’allarme

L’esplorazione sismica […] può comunque determinare un impatto negativo sulla comunità ittica e le altre specie alieutiche, è scritto nella Valutazione d’impatto ambientale per la Edison 3D e la Petroceltic, sul progetto di ricerca, per mezzo di airgun, che interesserà 300 km² di mare a Santa Maria di Leuca, in Puglia. Dunque è chiaro che l’air gun può nuocere alla fauna ittica e nel suo blog la ricercatrice Maria Rita D’Orsogna, fisico e docente universitario della California State university at Northridge, affronta la questione, calcoli alla mano, del progetto che tradotto significa: 3 milioni di spari nel mare, 24 ore su 24 (H24), con 33 airgun e altri di riserva. Un trambusto di queste dimensioni lascerà sicuramente un segno indelebile fuori e dentro i fondali marini.

Aggiornamento

Continua a leggere “3 milioni di spari nel mare di S.Maria di Leuca. D’Orsogna lancia l’allarme”

Semplici binocoli per evitare i cetacei nella tecnologica ricerca dell’Airgun tra Pescara e Ortona

Semplicemente giurassica è la fonte di energia che le compagnie petrolifere si ostinano a sfruttare, i Sapiens sapiens sono chiamati poi ad utilizzare dei semplici binocoli per attivare la ricerca tramite Airgun, una tecnica d’ispezione dei fondali marini utile a capire cosa si celi tra le rocce. A dir poco barocca è la misura di mitigazione e prevenzione prescritta per l’attività di ricerca sismica in mare. Per le esplorazioni petrolifere occorre garantire osservazioni in mare per eventuali avvistamenti di cetacei, e fin qui ci siamo. 

Aggiornamento

Continua a leggere “Semplici binocoli per evitare i cetacei nella tecnologica ricerca dell’Airgun tra Pescara e Ortona”

No Ombrina battaglia rimessa in gioco dall’emendamento governativo

Roma. Un altro emendamento proposto nella legge di stabilità, presentato dal governo Renzi, dà speranza contro la petrolizzazione dell’Adriatico. Se approvato bloccherà subito il progetto Ombrina e non solo. L’emendamento punta al ripristino del limite delle 12 miglia dalla costa per trivellare nel mare, varrebbe per i nuovi progetti petroliferi e per quelli il cui procedimento di autorizzazione è in via di definizione, sono salvi solo i titoli già rilasciati.

Continua a leggere “No Ombrina battaglia rimessa in gioco dall’emendamento governativo”

Legambiente e Wwf: il Parco della Costa teatina deve essere Nazionale

Piattaforma rospo mare a Punta Aderci Report-age.com 2015

L’idea di un parco regionale marino per fronteggiare la lotta contro la petrolizzazione, in alternativa al costituendo Parco nazionale della costa teatina, non piace in provincia di Chieti e in Abruzzo. Il Parco deve essere nazionale perché è l’unico vero baluardo contro la petrolizzazione, la istituenda area protetta nazionale sulla costa dei Trabocchi garantirebbe un modello di green economy. Per Wwf e Legambiente il punto di svolta è il Parco Nazionale della Costa teatina pronto per essere decretato e la sua forza è proprio nella sua valenza nazionale. 

Continua a leggere “Legambiente e Wwf: il Parco della Costa teatina deve essere Nazionale”

Barriera di trivelle sull’Adriatico: Ombrina, Elsa, Rospo mare. A rischio la navigazione da diporto

Fonte immagine green report http://www.greenreport.it/_archivio2011/immagini/big/2010_04_7_11_34_03.jpg
Fonte immagine Green report

Ortona (Ch). Scafi, barche, pescherecci, mosconi, gommoni e bagnarole fermi tutti! Sarà davvero un problema la navigazione, soprattutto quella da diporto sulla costa dei trabocchi se progetti come Ombrina e Elsa 2 andranno in porto, non è solo un gioco di parole. Si centuplicheranno le difficoltà in mare, si restringeranno terribilmente corridoi, spazi di manovra e i movimenti già corti con le piattaforme esistenti saranno ridotti al lumicino con i nuovi impianti di estrazione sull’Adriatico selvaggio. Manovre e passaggi saranno veri e propri miracoli da lupo di mare, difficile districarsi tra tubi, cavi seminati qua e là nello specchio d’acqua tra divieti e  debite distanze da mantenere rispetto al vortice navale che girerà attorno ai nuovi mostri marini in piena attività, tra ordinanze e permessi di ricerca i trasgressori e i curiosi faranno il resto, addio divertimento e pesca. 

Continua a leggere “Barriera di trivelle sull’Adriatico: Ombrina, Elsa, Rospo mare. A rischio la navigazione da diporto”

No Ombrina. M5S contesta partecipazione Pd: ‘Come boia alla manifestazione contro pena di morte’

giacimento-di-petrolioPescara. Il Movimento 5 Stelle il 23 maggio parteciperà alla manifestazione di Lanciano (Ch) per ribadire il No alla deriva petrolifera e al progetto petrolifero Ombrina mare e augura di non vedere bandiere e rappresentanti del Partito democratico durante l’evento perché, scrive in una nota il movimento, sarebbe come vedere un boia che aderisce ad una manifestazione contro la pena di morte. Continua a leggere “No Ombrina. M5S contesta partecipazione Pd: ‘Come boia alla manifestazione contro pena di morte’”

Altro che trivelle: 3 mila aziende turistiche sono la vera ricchezza della costa

Report-age.com 2015
Fonte immagine

E’ una potenza il comparto turistico della Costa dei Trabocchi, consta di 3 mila aziende con 15 mila addetti, il fatturato è in constante aumento, nonostante la crisi, così il bike tourism. Lo hanno ribadito oggi gli operatori turistici abruzzesi del Coordinamento No Ombrina che si preparano alla grande manifestazione programmata il pomeriggio del 23 maggio a Lanciano (Ch).
Continua a leggere “Altro che trivelle: 3 mila aziende turistiche sono la vera ricchezza della costa”

Il governo fa a pezzi il divieto delle 12 miglia, i petrolieri ringraziano

Il Coordinamento nazionale NoTriv denuncia la violazione dell’articolo 35 del Decreto sviluppo 2012, l’articolo voluto dal precedente Governo Monti, col ministro Corrado Passera, per eludere di fatto il già esistente Decreto Prestigiacomo del 26 agosto 2010, il correttivo ambientale.

Continua a leggere “Il governo fa a pezzi il divieto delle 12 miglia, i petrolieri ringraziano”

Trivelle a valanga: 4 pozzi nuovi di fronte a Vasto e siamo già a 10 trivelle nuove di zecca

Elsa and Ombrina Mare oil-fieldsVasto (Ch). Il Ministero dell’Ambiente rilascia a Edison, la società coinvolta nelle discariche dei veleni di Bussi, il Decreto di compatibilità ambientale per trivellare 4 nuovi pozzi di fronte a Vasto. Siamo già a 10 nuovi pozzi nel mare Adriatico per la parte antistante la Costa teatina entro le 12 miglia. Continua a leggere “Trivelle a valanga: 4 pozzi nuovi di fronte a Vasto e siamo già a 10 trivelle nuove di zecca”

Passa la Risoluzione su Ombrina ed Elsa. No Triv: “Se il governo rifiuta il decreto D’Alfonso si dimetta”

Dalle pagine della Petroceltic
Elsa 2 Dalle pagine della Petroceltic

L’Aquila. Il Consiglio regionale abruzzese ha approvato oggi una Risoluzione, presentata dall’assessore all’ambiente, Mario Mazzocca,  che impegna il Presidente della Regione Luciano D’Alfonso ad intervenire affinché si fermino i progetti Ombrina mare 2 e Elsa 2. Lo annuncia il Coordinamento nazionale No Triv Abruzzo che inoltre consiglia al governatore di agire di conseguenza se il governo nazionale dovesse rifiutarsi di adottare un decreto legge su Ombrina: “D’Alfonso stia dalla parte degli abruzzesi e si dimetta” suggeriscono gli attivisti. Continua a leggere “Passa la Risoluzione su Ombrina ed Elsa. No Triv: “Se il governo rifiuta il decreto D’Alfonso si dimetta””

Parco costa teatina. Wwf e Legambiente: “Cari sindaci solo i miopi giocano al ribasso”

Costa dei Trabocchi Report-age.com 2015Chieti. A lanciare il segnale è il commissario del Parco, Giuseppe de Dominicis, già  presidente della provincia di Pescara, che intervistato parla di ribasso, termine in uso tra i primi cittadini dei comuni inclusi nel perimetro, appena 2 mesi fa delineato, del Parco nazionale della costa teatina. Contro le mode e le tendenze, ma soprattutto a favore di uno sviluppo ispirato alla green economy, Wwf e Legambiente allora scrivono: “Cari sindaci solo i miopi giocano al ribasso, è tempo di fare la vostra parte raccogliendo la sfida che serve all’Abruzzo” per le associazioni ambientaliste il parco è una della possibili soluzioni alle drammatiche emergenze che incombono certe però che l’area protetta dia una direzione di marcia che disegna un orizzonte di speranza, fatto di miglior benessere per tutti. Continua a leggere “Parco costa teatina. Wwf e Legambiente: “Cari sindaci solo i miopi giocano al ribasso””

Dopo Ombrina anche Elsa, da Costa dei Trabocchi a costa delle trivelle

Chieti. Dopo Ombrina Mare, arriva purtroppo il sì della commissione di Valutazione di impatto ambientale nazionale anche al progetto Elsa 2 per la ricerca di idrocarburi con pozzo esplorativo a soli 7 km dalla Riserva naturale regionale dei Ripari di Giobbe.

Aggiornamento
Continua a leggere “Dopo Ombrina anche Elsa, da Costa dei Trabocchi a costa delle trivelle”

Ombrina nell’Onda ambientalista abruzzese: i ministri Galletti e Franceschini non firmino

L’inchiesta de Il Fatto Quotidiano e 2 interrogazioni, una alla Camera dei deputati e una al Parlamento europeo, sollevano dubbi su alcuni componenti della Commissione chiamata a valutare i progetti di opere ad impatto ambientale da realizzare in Italia. Piani che espongono molte di quelle megastrutture, discutibili per gli ambientalisti, come zizzania da spargere in tutta la penisola cooptata nella Strategia energetica nazionale . Continua a leggere “Ombrina nell’Onda ambientalista abruzzese: i ministri Galletti e Franceschini non firmino”