Tag: ecosistema

La Riserva Monte Velino si rifà il look: reintroduzione del Camoscio e nuova stazione Meteomont

Reintroduzione del Camoscio d’Abruzzo e Nuova stazione Meteomont sono queste le prime importanti novità  della Riserva statale monte Velino e non si trascura l’esigenza di protezione e gestione da soddisfare in quest’area attraverso interventi che migliorino la naturalità e lo stato di conservazione degli ecosistemi e delle specie selvatiche garantendo, al contempo, la fruizione dei luoghi agli escursionisti e agli allevatori nel rispetto della disciplina. Continua a leggere “La Riserva Monte Velino si rifà il look: reintroduzione del Camoscio e nuova stazione Meteomont”

I Cambiamenti climatici colpiscono al cuore gli Ecosistemi d’alta quota del Gran Sasso

É piuttosto grave la degenerazione degli ecosistemi di alta quota del Gran Sasso d’Italia, causati dall’aumento delle temperature. Per la montagna più alta dell’Appennino non si nascondono le preoccupazioni e Appennino ecosistema (Ae) sollecita divieti assoluti di altri impianti e infrastrutture, di pascolo di animali domestici ed una regolamentazione del turistico. A confermare quanto già si sospettava da tempo sono i risultati di una ricerca scientifica curata dai Carabinieri per la biodiversità e dall’università Roma3.

Copertina Area di rilevamento sul Gran Sasso Continua a leggere “I Cambiamenti climatici colpiscono al cuore gli Ecosistemi d’alta quota del Gran Sasso”

Salvati: Valorizzare Biodiversità e Pascoli montani mantenendo l’Ecosistema

“Valorizzare il patrimonio della biodiversità e dei pascoli e il mantenimento dell’ecosistema montano rappresenta un impegno primario per il nostro programma” così Roberta Salvati, candidata al consiglio regionale per Azione Politica con Marco Marsilio presidente, s’impegna nella valorizzazione e tutela delle attività degli allevamenti anche in montagna. Liquidare l’argomento in poche parole e trattarlo giusto il tempo di una campagna elettorale sminuisce la portata della questione che è di natura planetaria e interessa soprattutto il surriscaldamento globale. Continua a leggere “Salvati: Valorizzare Biodiversità e Pascoli montani mantenendo l’Ecosistema”

Ruspe nel Parco Sirente: il ministero chiede lumi alla Regione

Il ministero dell’Ambiente chiede lumi alla Regione Abruzzo sull’allarme lanciato dalle associazioni ambientaliste per le ruspe che potrebbero presto distruggere 5 habitat di alta quota,  pari a circa 20 ettari di area del parco del Sirente-Velino per la realizzazione di 9 nuove piste e 8 impianti da risalita per lo sci.  Continua a leggere “Ruspe nel Parco Sirente: il ministero chiede lumi alla Regione”

Wwf: “Taglio delle alberate stradali: strage senza senso”

Il taglio dei filari di pini che da decenni segnavano la strada della Piana delle Cinque Miglia non è un caso isolato. Il Wwf fa sapere che in questi giorni Anas e altri enti gestori di strade stanno procedendo ad abbattere alberate stradali lungo le arterie di competenza con il presupposto obiettivo di migliorare la sicurezza degli automobilisti.  Continua a leggere “Wwf: “Taglio delle alberate stradali: strage senza senso””

Per non giocarsi la Maiella? Lo storico direttore Cimini prese in gestione le aree sensibili

Sullo scempio in corso a Fonte Romana, habitat prioritario protetto dalla direttiva dell’Unione europea (92/43/CEE Habitat n. 9210 – Faggete appenniniche con tasso e agrifoglio) nel cuore del Parco nazionale della Maiella, interviene uno storico direttore, Nicola Cimini che suggerisce un metodo efficace per evitare danni tanto gravi all’ecosistema forestale del Parco Maiella..

 Aggiornamento 1 e 2

Continua a leggere “Per non giocarsi la Maiella? Lo storico direttore Cimini prese in gestione le aree sensibili”

Interventi a Fonte Romana di Pacentro nel Parco, così ci giochiamo la Maiella

Pacentro (Aq). Ci stiamo giocando la Maiella (Majella). Dalla zipline alle consuete operazioni di pulizia nell’area protetta si fa di tutto. Non ultimi, i  lavori di un cantiere forestale, di grandi dimensioni per scopi commerciali, a Fonte Romana/difesa di Pacentro. Un cantiere analogo era stato individuato anche lo scorso anno. L’intervento avrebbe provocato non pochi danni, a denunciarlo è Appennino ecosistema, l’Associazione ambientalista ha presentato un esposto alla procura della Repubblica di Sulmona, ai Carabinieri e al ministero dell’Ambiente.

Aggiornamento 1 e 2 Continua a leggere “Interventi a Fonte Romana di Pacentro nel Parco, così ci giochiamo la Maiella”

Plastifera: Ecosistema tossico. Montagne di Plastica nell’Adriatico

Pescara. Un sit-in in piazza Primo Maggio per l’Abruzzo che accoglie e risponde alla campagna Spiagge e mare Plastic Free lanciata dal Wwf Italia per salvare il mare e le coste dalla plastica. Continua a leggere “Plastifera: Ecosistema tossico. Montagne di Plastica nell’Adriatico”

Parco tosato da pecore? L’idea è di un abruzzese che la pensò come misura antincedio

Abruzzo. Tosare l’erba del parco della Caffarella con pecore, capre, cavalli e addirittura maiali? Non è un’idea della giunta Raggi, ma di un abruzzese doc, un pastore eccezionale che la immaginò anche e soprattutto come misura per combattere gli incendi boschivi.  Continua a leggere “Parco tosato da pecore? L’idea è di un abruzzese che la pensò come misura antincedio”

Studenti in campo per la tutela del Fratino, piccolo trampoliere simbolo delle spiagge

Il mondo del Fratino è uno dei progetti di educazione ambientale che il Wwf Teramo porta avanti da tempo. Domani molti studenti scenderanno in campo per la tutela del simbolo delle spiagge. Ad aderire all’iniziativa sono anche le prime classi delle medie inferiori dell’istituto comprensivo D’Alessandro-Risorgimento. Gli alunni sono pronti a mettere in pratica quando appreso grazie alle lezioni degli insegnanti e dei volontari del Wwf Teramo che hanno illustrato le caratteristiche e le abitudini del Fratino (Charadrius Alexandrinus) specie simbolo degli ecosistemi costieri. Continua a leggere “Studenti in campo per la tutela del Fratino, piccolo trampoliere simbolo delle spiagge”

Aree protette come luna park senza regole: quad nel Pnalm per un’intera giornata

Altre iniziative discutibili nelle terre dell’Orso che preoccupano, a ragione, il Wwf intervenuto sull’evento apparso  nei social media che annuncia, per il 20 maggio, un’escursione in quad all’interno dei territori del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

Aggiornamento Continua a leggere “Aree protette come luna park senza regole: quad nel Pnalm per un’intera giornata”

Pascoli abusivi, a rischio ecosistemi e specie protette. Esposto di 3 associazioni

Pascoli abusivi, dannosi e pericolosi per gli ecosistemi del Parco nazionale Maiella (Pnm) e le specie protette che rischiano il contagio se gli animali abbandonati sono malati. La domanda è lecita e va posta ufficialmente se il fenomeno dilaga: chi protegge gli ecosistemi del parco Maiella dal pascolo abusivo? 

Continua a leggere “Pascoli abusivi, a rischio ecosistemi e specie protette. Esposto di 3 associazioni”

Parchi in bilico dalla riforma nazionale a quella abruzzese. Rinviato l’accordo dei sindaci subequani

Dalla riforma nazionale a quella abruzzese i parchi in bilico su un sottile filo di ragnatela mentre il rinvio della seduta della Commissione regionale ambiente mette di buon umore qualche ambientalista che spera in un ripensamento dei sindaci Subequani interessati, si dice, a restringere i confini del Parco regionale Sirente – Velino. Forse sono solo impegnati sul fronte terremoto, per questo la seduta è rimandata. Fatto sta che molti dei sindaci favorevoli a questo accordo caldeggiavano il progetto Toto delle varianti autostradali (A 24 e A 25) su aree protette e a massimo rischio sismico. L’ipotesi sarebbe di cancellare quasi il 20% dell’area protetta, habitat che il Piano del parco avrebbe dovuto innalzare a Zone B di riserva generale. Nulla di fatto però, in 28 anni di gestione la pianificazione dell’area protetta è stata una chimera per la Regione che non pecca solo di indolenza.

Continua a leggere “Parchi in bilico dalla riforma nazionale a quella abruzzese. Rinviato l’accordo dei sindaci subequani”

Collegamento impianti sciistici da Ovindoli a Campo Felice: a rischio l’ecosistema del Parco Sirente Velino

Piovono critiche sul nuovo progetto di ampliamento del comprensorio sciistico Ovindoli – Campo Felice. L’associazione Appennino ecosistema teme che l’intervento danneggerà pesantemente l’integrità ecologica del Parco Sirente Velino perché sarebbe programmato senza alcuna integrazione con le altre aree del Parco regionale, dei Siti di interesse comunitario e della Zona di protezione speciale dell’Unione europea, come invece imporrebbe la legge.

Continua a leggere “Collegamento impianti sciistici da Ovindoli a Campo Felice: a rischio l’ecosistema del Parco Sirente Velino”