Tag: discariche

Differenziata. Porta a porta, dal 14 gennaio parte per le aree industriale e artigianale a Sulmona

Sulmona (Aq). L’ampliamento della raccolta porta a porta nelle aree industriale e artigianale della città dei confetti parte il 14 gennaio, da giovedì prossimo, dunque, il servizio sarà attivo.

Continua a leggere “Differenziata. Porta a porta, dal 14 gennaio parte per le aree industriale e artigianale a Sulmona”

Pirogassificatore, una diavoleria a ridosso dell’Oasi di Serannella

Lanciano (Ch). Sorgerà a ridosso di due Siti di interesse comunitario, a due passi dalla Moretta tabaccata, specie in via d’estinzione. La culla di questo rarissimo uccello è proprio nella Riserva dell’Oasi di Serranella e a poca distanza dall’area protetta sarà costruito l’impianto. La Natura sacrificata alla termodistruzione? Altro scempio annunciato, così contro il pirogassificatore, l’associazione del Panda ha già presentato le osservazioni elaborate insieme all’Oasi Wwf Lago di Serranella e al Cisdam.

Continua a leggere “Pirogassificatore, una diavoleria a ridosso dell’Oasi di Serannella”

Cepagatti, Avezzano e Pratola migliori ricicloni, ma ai confini solo Monnezza

In Abruzzo il primato dei comuni ricicloni spetta a Cepagatti, in provincia di Pescara, nell’aquilano Avezzano e Pratola Peligna si distinguono. La domanda sorge spontanea: perché premiare dei comuni impegnati nella differenziata e nel riciclo quando molte discariche, abusive e non, infestano i confini di queste località che i sondaggi di Legambiente danno ai primi posti della classifica regionale del riciclo, virtuosi in che modo? Lo stato di salute delle periferie di questi territori è, nella maggior parte dei casi, spaventoso. Abbiamo documentato intere aree di periferia dove i cassonetti dell’indifferenziato sono sommersi di rifiuti e non del luogo, ma dei vicini di casa che lì vanno a buttare anche se il loro comune è famoso per praticare la famosa differenziata. Intere isole ecologiche deturpate e tramutate in cumuli di schifezze. Ne abbiamo già trattato in un documentato servizio dove le immagini si riferiscono a 3 diversi momenti dell’anno in cui si accumulano rifiuti di ogni genere proprio ai confini con i comuni ricicloni o che vantano una rigorosa raccolta differenziata porta a porta, inoltre sono tantissime le segnalazioni dei residenti delle periferie che sopportano e subiscono il peso e le conseguenze negative di intraprese azzardate, questione di cultura?

Continua a leggere “Cepagatti, Avezzano e Pratola migliori ricicloni, ma ai confini solo Monnezza”

Discariche Barone e Brugniti. Un fiume di Plastica e l’immondizia che mette le gambe

Torrente Laio Immagine 7.7.2011
Torrente Laio 07.07.2011

Guardiagrele (Ch). Nel cuore dei calanchi l’inespugnabile covo delle giurassiche discariche di colle Barone e Brugniti segnano la rovina del comune di Guardiagrele, dal dopoguerra. Gli immondezzai marchiano orribilmente quell’angolo di paradiso che, a monte dei calanchi, è meno di una fogna che ristagna. La carica contaminante degli immondezzai comunali va davvero oltre, incede silenziosa e infesta la valle non solo perché è finito nel fosso Laio il percolato dei compattatori che un tempo trattavano ogni genere di scarto, da spedire in discarica, ma perché i rifiuti degli immondezzai inattivi hanno messo le gambe. Spinto dalle frane, il pattume avanza lungo quel che resta del letto del corso d’acqua, da Guardiagrele sino a Pennapiedimonte (Ch). Quest’ultima località offre l’unico accesso per bonificare i siti, ma per mettere in sicurezza la strada nel calanco che conduce alle discariche manca persino un progetto. Cominciare a pensare di rimuovere un po’ di rifiuti sul percorso, un tanto alla volta, non sarebbe male anche perché l’inquinamento si allarga a macchia d’olio, le acque del Laio si riversano sul fiume Aventino nei pressi di Casoli (Ch).
Continua a leggere “Discariche Barone e Brugniti. Un fiume di Plastica e l’immondizia che mette le gambe”

Alla Camera norma salva-inquinatori. Acerbo: “Pietra tombale su processo Bussi”

Maurizio Acerbo
Maurizio Acerbo

Roma. “La maggioranza renziana si prepara a fare un altro regalo agli inquinatori e a scrivere il definitivo colpo di spugna sulla vicenda di Bussi e della val Pescara come su tutti i disastri ambientali garantendo impunità a tutti i grandi gruppi industriali e a tutti gli inquinatori – implacabile Maurizio Acerbo della segreteria nazionale Prc, Partito rifondazione comunista. L’onorevole annuncia l’ordine del giorno che domani impegnerà la commissione giustizia della Camera: “Disposizioni in materia di delitti contro l’ambiente” è il provvedimento tanto atteso e richiesto dagli ambientalisti, ma taroccato in Senato sotto dettatura di Confindustria, sottolinea Acerbo. Continua a leggere “Alla Camera norma salva-inquinatori. Acerbo: “Pietra tombale su processo Bussi””

Horror tour nel sito di bonifica di Chieti Scalo

Chieti. Dopo la sentenza di Bussi e il disastro della Valpescara, è sciopero denuncia per gli ambientalisti abruzzesi, Forum acqua e Zona22 hanno consegnato stamane dei sacchetti di rifiuti industriali al prefetto con un messaggio forte e chiaro: “Rifiuti industriali e fabbriche abbandonate, dopo la vergogna dellas sentenza Bussi a chi deve rivolgersi il cittadino? Continua a leggere “Horror tour nel sito di bonifica di Chieti Scalo”

Bussi. Resta a Chieti il processo sulla discarica dei veleni, il tempo corre

Bussi 2014
Bussi 2014

Il tempo corre inesorabile, nonostante la vittoria degli ambientalisti. Occorre ripartire, subito, col procedimento ed evitare le prescrizioni, altrimenti le prescrizioni impediranno di accertare tutte le responsabilità. Continua a leggere “Bussi. Resta a Chieti il processo sulla discarica dei veleni, il tempo corre”

Abruzzo in classifica per i crimini ambientali

Aumentano, in Italia, i reati che interessano il ciclo dei rifiuti e contro la fauna, raddoppiano poi i crimini nel settore agroalimentare.  Continua a leggere “Abruzzo in classifica per i crimini ambientali”