Tag: dino pepe

Ranieri (M5S): ‘Pepe la spara grossa sui cinghiali.. vendere soluzioni non risolve il problema’

Problemi per l’agricoltura a causa della fauna selvatica? La non  risposta dell’assessore regionale all’agricoltura Dino Pepe è: “Mangiamola!” per risolvere il problema che attanaglia gli agricoltori abruzzesi, ovverosia,  i danni da fauna selvatica.

Continua a leggere “Ranieri (M5S): ‘Pepe la spara grossa sui cinghiali.. vendere soluzioni non risolve il problema’”

Agricoltura. Accertati i danni delle alluvioni del 2014 e 2015, definiti i criteri per indennizzi, fondi disponibili dal ministero

Pescara. Meglio tardi che mai per l’indennizzo alle imprese agricole relativo agli eventi dal 2014 fino al 7 maggio 2015 nelle province di Chieti e Pescara e del 4, 5 e 6 marzo 2015 nelle province di Teramo, Chieti e Pescara. Sono state finalmente approvate dalla giunta regionale 2 delibere per determinare i criteri per il calcolo dell’indennizzo

Continua a leggere “Agricoltura. Accertati i danni delle alluvioni del 2014 e 2015, definiti i criteri per indennizzi, fondi disponibili dal ministero”

Cinghiali da mangiare? Commestibili e sicuri con gli affanni della Regione Abruzzo

L’Aquila. La giunta regionale si affanna abbastanza per il sovrappopolamento dei cinghiali e dopo il finanziamento agli agricoltori, della scorsa settimana, oggi ha approvato le linee guida per la predisposizione del Piano di sorveglianza epidemiologica e monitoraggio delle malattie sulla fauna selvatica. 

Continua a leggere “Cinghiali da mangiare? Commestibili e sicuri con gli affanni della Regione Abruzzo”

Cinghiali. Pepe: “400 mila euro per valorizzarne la carne”

La carne di cinghiale sarebbe da valorizzare, ne sono convinti in Regione “migliaia di capi ogni anno vengono abbattuti sia durante la caccia sia durante le operazioni di controllo, di fatto non sono disponibili per il mercato” è riferito in una nota dell’assessorato all’agricoltura. 

Una brillante iniziativa risolverebbe i problemi di sovrappopolamento e i danni agli allevatori, si tratta di un bando relativo alla selezione dei progetti di cooperazione di microfiliera. Sarebbe la prima fase di attuazione dei Progetti integrati di filiera (strategia del Psr Abruzzo 2014/2020). “Il progetto prevede un migliore approccio dei mercati relativamente alla carne di cinghiale, prodotto ritenuto di nicchia, prevedendo l’attivazione di una filiera di controllo sia sanitario che di qualità, che faccia anche emergere le reali dimensioni economiche dovute alla compravendita del prodotto” dichiara l’assessore regionale all’agricoltura Dino Pepe. Di quali cinghiali si tratta però non è chiaro. Di certo per quelli d’allevamento non c’è scampo, ma per gli altri?

“Anche al fine di affrontare la preoccupante problematica afferente il contenimento dei danni causati dalla prolificazione degli ungulati, il bando prevede una specifica riserva di risorse (400 mila euro) destinate a finanziare le imprese agricole regionali che, unitamente alle associazioni di categoria e potenziali operatori di filiera presentano progetti finalizzati alla valorizzazione in loco della selvaggina, in particolare dei cinghiali abbattuti o catturati – è indicato nella nota della Regione in cui si dimentica che trattandosi di fauna selvatica i cinghiali appartengono al patrimonio indisponibile dello Stato dunque intoccabili oltre che immangiabili. Prosegue il farneticante comunicato – Questa misura prevede la trasformazione e l’avvio di queste produzioni anche alla grande distribuzione consentendo agli agricoltori di aprire attività di trasformazione e vendita delle carni di cinghiale da avviare al mercato”. La misura, darebbe impulso alla commercializzazione delle carni di cinghiale in barba allo Stato. Secondo Pepe, il “progetto di microfiliera dovrà essere realizzato attorno ad un business plan di filiera in cui sono indicate le problematiche da affrontare e sono individuate le strategie per raggiungere gli obiettivi fissati, nonché i soggetti coinvolti e le modalità che si intendono adottare per concretizzare le azioni scelte. Il progetto può prevedere una serie di azioni organiche di carattere orizzontale tese a creare o a rafforzare i rapporti della filiera, che coinvolgono un insieme di aziende appartenenti a diversi segmenti della filiera stessa come produttori agricoli, macellatori, trasformatori, distributori di prodotti finiti. Sul sito e sulla piattaforma è stato pubblicato il bando. La scadenza delle presentazione delle domande di partecipazione alla selezione è prevista per le ore 14 del 30 settembre 2017″ conclude l’assessore Dino Pepe. Tanto, troppo fumo negli occhi!

Cinghiali: abbatterli non è la soluzione. Associazioni agricole: “Controllo e caccia non danno i risultati attesi”

Il controllo con la caccia al cinghiale non ha dato i risultati sperati, le associazioni agricole cominciano a ricredersi sull’efficacia degli abbattimenti selettivi ammessi anche nelle province abruzzesi, misura che si sta rivelando controproducente. 

Continua a leggere “Cinghiali: abbatterli non è la soluzione. Associazioni agricole: “Controllo e caccia non danno i risultati attesi””

Contributi a pioggia per le feste, ma non per coprire i danni dell’Orso bruno marsicano

Il 9 giugno la Regione ha approvato la legge per gli interventi a favore della conservazione dell’Orso Bruno Marsicano stanziando poche migliaia di euro per coprire i danni causati dal plantigrado alle attività rurali d’Abruzzo, così da scongiurare eventuali conflitti. Nonostante gli oltre 4,5 milioni di euro scesi come manna dal cielo per attività culturali e feste, l’ente regione non riesce a recuperare appena 30 mila euro per attuare questa iniziativa legislativa.

Foto copertina Andrea Benvenuti

Continua a leggere “Contributi a pioggia per le feste, ma non per coprire i danni dell’Orso bruno marsicano”

Tar sospende calendario venatorio d’Abruzzo. Regione a caccia di sconfitte giudiziarie

L’Aquila. Su ricorso del Wwf Italia, con un decreto presidenziale, il Tribunale amministrativo dell’Aquila ha disposto l’annullamento della delibera di approvazione del calendario venatorio 2016 2017 della giunta regionale (515 del 02/08/16).

Aggiornamento

Continua a leggere “Tar sospende calendario venatorio d’Abruzzo. Regione a caccia di sconfitte giudiziarie”

Alberi monumentali: 340 esemplari nell’elenco che li tutela, appena approvato

 L’Aquila. Il censimento sul territorio è dei Comuni supportati dal Corpo forestale dello Stato. Così sono stati individuati 340 esemplari di specie vegetali che nell’elenco acquisiscono la qualifica di monumentali : 123 in provincia di L’Aquila, 101 in provincia di Teramo, 79 a Chieti e 37 a Pescara. Questi sono i numeri e gli alberi del primo elenco regionale degli alberi monumentali d’Abruzzo, la giunta regionale l’ha approvato su proposta dell’assessore alle politiche Agricole, Dino Pepe.

Continua a leggere “Alberi monumentali: 340 esemplari nell’elenco che li tutela, appena approvato”

Guerra del latte. Allevatori in rivolta, la mozzarella d’Abruzzo rischia l’estinzione

San Giovanni Teatino (Ch). E’ la guerra del latte giusto, gli allevatori abruzzesi sono in rivolta schierate sul fronte due associazioni di categoria la Coldiretti e la Cia. “La scamorza della Regione verde d’Europa rischia di scomparire” denuncia la Coldiretti Abruzzo che, questa mattina, con gli allevatori delle province abruzzesi ha allestito un vero e proprio accampamento nello spazio antistante l’Ipercoop di san Giovanni Teatino.

Continua a leggere “Guerra del latte. Allevatori in rivolta, la mozzarella d’Abruzzo rischia l’estinzione”

L’Assessore Pepe alla inaugurazione dei primi 2 Km di pista ciclabile a Castel di Sangro

Castel Di Sangro (Aq). È pronta la prima parte del tracciato di pista ciclabile che sulla valle del fiume Sangro si estenderà, sino a Scontrone, per un totale di 5 km di lunghezza. Questa mattina sono stati inaugurati i primi 1800 metri si pista dal sindaco di Castel di Sangro, Angelo Caruso, e dal presidente del Gruppo di azione locale (Gal) Abruzzo italico alto Sangro, Domenico Mastrogiovanni. 

Continua a leggere “L’Assessore Pepe alla inaugurazione dei primi 2 Km di pista ciclabile a Castel di Sangro”

Caccia a cervi e caprioli: la Regione fa orecchie da mercante

L’Aquila. La norma che aggiunge cervi e caprioli da monitorare in Abruzzo è la modifica al regolamento ungulati che non sarà rivista o ritirata, sta bene così, chiariscono in Regione “a monte c’è una legge che la prevede” carica l’assessore all’agricoltura Dino Pepe, ma se la gestione faunistico-venatoria è affidata ai cacciatori e se il presidente della commissione regionale agricoltura, Lorenzo Berardinetti, riferisce che “cambiano le regole per sapere, con precisione, in quali territori cervi e caprioli insistono e in che rapporto sono rispetto alle altre specie come il cinghiale”. Solo l’accostamento di queste specie fa leggermente inorridire anche se i palchi dei cervi danno qualche problema all’agricoltura e alla silvicultura, non sembra che sia però un enorme problema di sopravvivenza ambientale ed economico come lo si prospetta per i cinghiali e allora perché tanta agitazione.

Continua a leggere “Caccia a cervi e caprioli: la Regione fa orecchie da mercante”

Caccia: niente di buono per la fauna selvatica nel calendario venatorio

Pescara. Nessuna sorpresa per il calendario venatorio della prossima stagione di caccia, all’apparenza sembra aggiungere delle novità che si riducono però all’inclusione in C1 dell’area tra la valle del Sagittario e il Parco nazionale della Majella dove la caccia sarà regolata in modo più stringente. Per il Wwf Abruzzo niente passi avanti nella tutela della fauna selvatica, il calendario venatorio della prossima stagione di caccia  dà ampio margine di divertimento ai cacciatori reintroducendo persino la possibilità di sparare ad uccelli acquatici.

Continua a leggere “Caccia: niente di buono per la fauna selvatica nel calendario venatorio”

Agricoltura. La Regione assegna quote suppletive di carburante per il maltempo

Buone notizie per gli agricoltori, la giunta regionale ha approvato, il 21 luglio, l’assegnazione suppletiva dei carburanti per i mezzi agricoli per far fronte ai maggiori consumi di gasolio determinati dal maltempo. Si ammortizza così la drastica riduzione del 23% di carburante decisa nel corso del biennio dall’esecutivo nazionale.  

Continua a leggere “Agricoltura. La Regione assegna quote suppletive di carburante per il maltempo”

Tubercolosi bovina: caro assessore, ma la delibera che interdiva il pascolo?

Pescara. Per un focolaio di Tubercolosi bovina una delibera di maggio sospese il pascolo a Gioia dei Marsi. Dell’atto regionale non se ne sa più nulla e il bestiame continua, anche a Bisegna, nelle terre aquilane del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, a frequentare prati e aree dove l’infezione, da più di un anno, avrebbe mietuto vittime, tra queste un esemplare femmina di Orso bruno marsicano. L’associazione Salviamo l’orso scrive all’assessore regionale ai Parchi Donato Di Matteo: “Lesto a farsi facile pubblicità con l’orsetta Morena, ma distratto quando si tratta di prendere misure concrete per la conservazione del nostro orso marsicano” si chiede alla giunta regionale meno parole e più fatti.

Continua a leggere “Tubercolosi bovina: caro assessore, ma la delibera che interdiva il pascolo?”