Tag: diffida

Biondi ingaggia battaglia: “Diffiderò Strada dei Parchi”

L’Aquila. Il sindaco Pierluigi Biondi ha annunciato che domattina notificherà una diffida formale a Strada dei Parchi per non interrompere un pubblico servizio indispensabile per i collegamenti sulla direttrice Tirreno-Adriatica. La decisione di chiudere il traforo del Gran Sasso, dalla Mezzanotte del 19 maggio è stata giustificata dalla società Strada dei Parchi con il fatto di “Evitare d’incorrere in ulteriori contestazioni correlate a presunti pericoli d’inquinamento delle acque di superficie”. Continua a leggere “Biondi ingaggia battaglia: “Diffiderò Strada dei Parchi””

Ricerche d’idrocarburi Autorizzate sullo Ionio, è un Pugno nello Stomaco

Bisognerebbe spiegare al ministro dello sviluppo economico, Luigi Di Maio, che le trivellazioni  seguono sempre le ricerche di idrocarburi dunque non può far apparire agli occhi dei suoi un fatto meno grave l’autorizzazione a scovare energia fossile perché estrarla nel Mar Ionio sarà solo il momento successivo purtroppo.

Aggiornamento Continua a leggere “Ricerche d’idrocarburi Autorizzate sullo Ionio, è un Pugno nello Stomaco”

Bimbi senza Pediatra in valle Subequana, i Genitori si Mobilitano con Petizione, Lettera e Diffida

Da giorni in valle Subequana sono senza pediatra dopo il collocamento a riposo di 2 dottoresse nel comprensorio Peligno-Sangrino. Per questa ragione le famiglie hanno inviato una lettera al manager Asl e con il Tribunale per i diritti del malato è partita una diffida all’Azienda sanitaria locale perché i bambini delle aree disagiate possano fruire agevolmente del servizio sanitario.

Aggiornamento

Continua a leggere “Bimbi senza Pediatra in valle Subequana, i Genitori si Mobilitano con Petizione, Lettera e Diffida”

Rivisondoli. Ciampaglia replica alla minoranza: è tutto in regola, si completa la procedura per il primo Prg

Sulla diffida della Regione al Comune di Rivisondoli, ad adottare il Piano regolatore generale (Prg), segnalata dal gruppo di minoranza, lista Insieme per Rivisondoli, il sindaco di Rivisondoli, Roberto Ciampaglia, replica definendo infondate quanto pretestuose le affermazioni rese dal gruppo di minoranza del Comune di Rivisondoli e in una nota che pubblichiamo integralmente ne spiega le ragioni. Continua a leggere “Rivisondoli. Ciampaglia replica alla minoranza: è tutto in regola, si completa la procedura per il primo Prg”

Rivisondoli senza Piano regolatore generale da 40 anni, la Regione diffida il Comune

Rivisondoli (Aq). La Regione ha diffidato il Comune, nella persona del sindaco Roberto Ciampaglia, ad adottare il Piano regolatore generale, strumento urbanistico generale di cui il Comune è sprovvisto da oltre 40 anni.

Aggiornamento replica del sindaco Roberto Ciampaglia

Continua a leggere “Rivisondoli senza Piano regolatore generale da 40 anni, la Regione diffida il Comune”

Sulmona. Di Masci: Ritardi sul Rendiconto 2017. Mariani: falso allarme. Il 30 maggio forse il Consiglio comunale

Sulmona (Aq). Per l’avviso di deposito del 10 maggio, ad oggi “Non risulta agli atti né la relazione del consiglio dei revisori dei conti né è stata convocata la commissione consiliare bilancio” denuncia in una nota il consigliere d’opposizione Bruno Di Masci (Pd) che ieri ha sollecitato un ulteriore intervento della prefettura. Nessun rischio per lo scioglimento del Consiglio Comunale in relazione all’approvazione del rendiconto di gestione 2017, ribatte l’assessore al bilancio, Stefano Mariani e il consiglio comunale probabilmente si convocherà il 30 maggio per l’approvazione dell’atto.  Continua a leggere “Sulmona. Di Masci: Ritardi sul Rendiconto 2017. Mariani: falso allarme. Il 30 maggio forse il Consiglio comunale”

Sui ritardi, Salutari: ‘Non ho perso tempo e ho informato tempestivamente la Prefettura’

Castevecchio Subequo (Aq). Sull’approvazione del Rendiconto di gestione dell’anno 2017, da approvare entro il 30 aprile, il sindaco Pietro Salutari ha chiarito oggi di aver provveduto ad informare tempestivamente la Prefettura dell’Aquila sui ritardi determinati dal servizio di tesoreria che, non opera in valle Subequana, ma è affidato ad un’agenzia di servizi di Sassari che redige gli atti amministrativi per conto di centinaia e centinaia di Comuni italiani. Gli uffici, oberati di lavoro in questi mesi, con difficoltà hanno risposto alle richieste delle inumerevoli amministrazioni.

Continua a leggere “Sui ritardi, Salutari: ‘Non ho perso tempo e ho informato tempestivamente la Prefettura’”

Castelvecchio. Il Prefetto diffida e così viene finalmente convocato il Consiglio comunale

Castelvecchio Subequo (Aq). Il sindaco Pietro Salutari è stato svegliato a suon di diffida però. É stato finalmente  convocato il consiglio comunale per l’esame e l’approvazione del Rendiconto di gestione dell’anno 2017, atto che andava approvato entro il 30 aprile. La votazione tardiva è ormai prassi che si va consolidando in alcuni comuni italiani.

Aggiornamento

Continua a leggere “Castelvecchio. Il Prefetto diffida e così viene finalmente convocato il Consiglio comunale”

Gasdotto Snam, a mandato scaduto il governo prova a superare il diniego. Mazzocca: “Questione di legittimazione”

Pescara. Pronta l’eccezione di legittimità formale già definita, ma perfezionata nell’incontro appena concluso in Regione tra il sottosegretario regionale Mario Mazzocca e i legali dell’avvocatura dello Stato, riuniti in gran fretta dopo la convocazione a Roma, il 4 aprile, per una incontro istruttorio voluto dalla presidenza del consiglio dei ministri (premier Gentiloni) per superare il diniego delle Regioni Abruzzo e Umbria all’autorizzazione del metanodotto Sulmona-Foglino, 169,2 km di tracciato dell’anaconda del progetto Rete adriatica che intuberà l’intera Penisola attraverso una condotta lunga quasi 700 km in gran parte su area a massimo rischio sismico. 

Aggiornamento 1 e 2 Continua a leggere “Gasdotto Snam, a mandato scaduto il governo prova a superare il diniego. Mazzocca: “Questione di legittimazione””

Campagna elettorale, prima diffida del M5S a D’Alfonso ‘in passerella’ tra i terremotati

Gianluca Vacca

“Abusare del proprio ruolo istituzionale per fare campagna elettorale, nonché strumentalizzare i terremotati a fini propagandistici personali dovrebbe essere vietato dal buon senso e forse anche dalle norme vigenti” affonda il dito nella piaga il candidato del movimento 5 stelle alla Camera, Gianluca Vacca (M5S) riferendosi al governatore d’Abruzzo Luciano D’Alfonso (uninominale al Senato) che stamane ha annunciato con una diretta social la sua partecipazione alla cerimonia di consegna di 18 strutture abitative di emergenza a Capitignano (Sae). “Ha partecipato all’incontro da presidente o da candidato? – domanda l’onorevole pentastellato – Questo gioco dell’equivoco su cui il presidente sta impostando la campagna elettorale sembra contrastare con quanto previsto dalle norme vigenti che impongono regole ben chiare alle pubbliche amministrazioni sulla comunicazione in campagna elettorale. Dovrebbe saperlo bene D’Alfonso che concorre come candidato al senato e che ormai da settimane utilizza il suo ruolo istituzionale, e quindi anche strutture e strumenti dell’ente, per fare propaganda elettorale. Lo testimoniano i numerosi manifesti su cui millanta risultati della Regione, pubblicati strategicamente a ridosso della campagna elettorale e lo sono le sue numerose conferenze stampa, tenute nelle sale del palazzo di giunta, dove fa propaganda mascherandola da comunicazione istituzionale. D’Alfonso deve dimettersi da presidente della giunta, come già abbiamo chiesto, o almeno interrompere immediatamente qualsiasi comunicazione istituzionale personale”.
La legge 28 del 2000, art. 9 disciplina la comunicazione istituzionale e gli obblighi d’informazione, stabilisce che “dalla data di convocazione dei comizi elettorali e fino alla chiusura delle operazioni di voto è fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale ed indispensabili per l’efficace assolvimento delle proprie funzioni.

“Alla luce di questa norma abbiamo deciso d’inviare una diffida al presidente D’Alfonso, intimandogli di cominciare a rispettare le norme. In più una lettera ai prefetti, segnalando il controllo serrato sulle attività di campagna elettorale, un esposto al Corecom e per conoscenza all’ordine dei giornalisti, per vigilare sull’applicazione della normativa in materia di campagna elettorale. Chi vuole candidarsi a governare questo Paese deve per primo dare l’esempio – conclude Vacca – Capiamo bene che il presidente sia preoccupato dai risultati pessimi che il suo partito porta nei sondaggi e che potrebbero compromettere la sua carriera politica, ma ciò non può giustificare comportamenti al limite delle norme e contrarie al buon senso istituzionale. del resto ha scelto, con poco coraggio, un seggio blindato che grazie a questa vergognosa legge elettorale gli assicura una poltrona in Senato. Dia quindi il buon esempio e non si presti a queste squalificanti strategie”.

Fusilli replica a Vacca in merito all’annunci dell’esposto su D’Alfonso “L’on. Vacca – così come tutti i grillini, abruzzesi e non – sembra avere un’autentica ossessione per Luciano D’Alfonso. Non passa giorno senza che ne parli, non c’è occasione in cui non lo menzioni. E’ il suo tormento, il suo babau, mentre D’Alfonso – che è sempre aperto dialogo – si è detto disponibile a ospitare attraverso Bob, il suo megafono, la narrazione di ciò che hanno fatto i grillini in questi 5 anni di legislatura, con particolare riferimento a Vacca, del quale stiamo cercando di rintracciare qualche iniziativa assunta. Non è una novità che i grillini presentino degli esposti, ci hanno fatto anche un seminario nella loro recente convention all’Aurum. Dopo aver terminato di scrivere esposti, sarebbe il caso che si occupassero dei problemi dell’Abruzzo, che non li hanno mai visti protagonisti. Anzi, per dirla tutta, una loro collega – l’on. Aiuto – di problemi ne ha creati, più che risolverli. Ricordo a Vacca e ai suoi amici di movimento che D’Alfonso aveva ed ha le carte in regola per candidarsi e che, in quanto presidente della Regione in carica, ha tutto il diritto di presentare i risultati della sua gestione. Egli non si fa certo imbavagliare dal M5S.Gianluca Fusilli, deputato Pd”,

Archivio

Post sisma. Capitignano, assegnate altre 18 Casette Sae

Mancata nomina alla Commissione Via-Vas, D’Alfonso diffida il ministro Galletti

Il presidente della giunta regionale, Luciano D’Alfonso, ha inviato, questa mattina, una diffida al ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti per la mancata nomina del rappresentante della Regione Abruzzo nella commissione tecnica di verifica dell’impatto ambientale Via-Vas, istituita presso il ministero dell’Ambiente.

Continua a leggere “Mancata nomina alla Commissione Via-Vas, D’Alfonso diffida il ministro Galletti”

Inquinamento e bonifica a Piano D’Orta: 10 anni intempestivi

Il presidente della Provincia, Antonio Di Marco, parla di tempestività degli interventi sulle aree inquinate di Piano D’Orta e le sue dichiarazioni stupiscono Sara Marcozzi, consigliere regionale del Movimento 5 stelle: ” Non il M5S, ma i documenti ufficiali testimoniano che a distanza di 10 anni, dall’Istituzione del Sito di interesse nazionale per la bonifica (Sin), in particolare sul sito di Piano d’Orta, non si è nemmeno proceduti alle opere di messa in sicurezza in emergenza. “Forse il presidente Di Marco vive in una realtà parallela” commenta la consigliera pentastellata. 

Continua a leggere “Inquinamento e bonifica a Piano D’Orta: 10 anni intempestivi”

Ambiente. Delle due l’una: o il Piano Parco regionale o il Parco nazionale Sirente Velino

L’Aquila. Quattro associazioni chiedono che sia approvato il Piano del Parco, diffidando la Regione a farlo altrimentisi procederà all’istituzione del Parco nazionale del Velino Sirente, proposta lanciata da Appennino Ecosistema. 

Aggiornamento 1  e 2

Continua a leggere “Ambiente. Delle due l’una: o il Piano Parco regionale o il Parco nazionale Sirente Velino”