Tag: dia

Abruzzo, gruppi criminali attivi in traffici di stupefacenti e riciclaggio, Report Dia II semestre 2018

Nessuna conferma è data sui dubbi di infiltrazioni per le discariche regolari e abusive, per i roghi e il business della differenziata, per emergenze e traffici di rifiuti legati a Roma e sull’assalto all’Ambiente. Niente di nuovo per le indagini sugli incendi in montagna e la mafia dei monti, dei boschi e dei pascoli, l’unica cosa che potrebbe preoccupare nella relazione del ministero dell’interno al Parlamento, sull’attività della Direzione investigativa antimafia, è l’errore nell’indicare Sulmona, nell’entroterra abruzzese, in una provincia diversa da quella storicamente assegnata alla città dei confetti che incassa anche questo colpo e va avanti, senza più tanti timori.

Continua a leggere “Abruzzo, gruppi criminali attivi in traffici di stupefacenti e riciclaggio, Report Dia II semestre 2018”

Ricostruzione, Operazione Caronte, 9 indagati per estorsione, intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro

L’Aquila. Nove gli imprenditori finiti in manette oggi, ritenuti a vario titolo responsabili dei reati di estorsione, intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, con l’aggravante della continuazione.

Continua a leggere “Ricostruzione, Operazione Caronte, 9 indagati per estorsione, intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro”

Un anno dall’arresto del boss: nella casa di Sulmona i summit del clan Mallardo

Sulmona (Aq). Punto d’incontro per i boss, ideale e tranquillo per discutere di affari, complice anche un carcere di alta sicurezza a due passi dalla città, quello di via Lamaccio che ha ospitato il fratello, Giuseppe Mallardo. L’altro, Feliciano, sembra avesse acquistato dei terreni in valle Peligna. Nonostante gli arresti, la detenzione, le condanne, il carcere duro e le malattie, forse vere ma strumentalizzate, il boss del clan Mallardo-Contini ha continuato a gestire, per 2 anni da Sulmona, agenzie scommesse, contrabbando di sigarette, imprese di pulizia, edilizia, apertura di esercizi commerciali, acquisti di garage, di pizzerie, gestione del mercato della frutta e controllo delle Case del risanamento.

Continua a leggere “Un anno dall’arresto del boss: nella casa di Sulmona i summit del clan Mallardo”

Camorra: siamo alla frutta da Giugliano alla Marsica

Giugliano (Città metropolitana di Napoli). Prima il monopolio casalese del trasporto dei prodotti ortofrutticoli nei mercati di Fondi (Latina – Lazio), Catania, Palermo, Gela (Sicilia) e Giugliano in Campania, poi nel 2010 l’incertezza delle disarticolazioni della Paganese Trasport, ne è proprietario Costantino Pagano, manda in crisi il business, si superarono le difficoltà con l’ingresso nell’affare del clan Mallardo che dei trasporti su gomma prende le redini quando, affievolito dalle inchieste, il clan Casalesi deve cedere il passo.

Aggiornamenti

Continua a leggere “Camorra: siamo alla frutta da Giugliano alla Marsica”

Concordia e Casalesi. Ai domiciliari Lancia sindaco di San Vincenzo valle Roveto

San Vincenzo valle Roveto (Aq). Ad aprile, quando per l’appalto sulla metanizzazione dell’isola finì in manette il sindaco di Ischia, Giuseppe Ferrandino, un altro primo cittadino di un piccolo comune dell’aquilano fu iscritto nel registro degli indagati con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa.

Continua a leggere “Concordia e Casalesi. Ai domiciliari Lancia sindaco di San Vincenzo valle Roveto”

Arrestato operaio casertano, soldato della fazione Schiavone clan casalesi

Carabinieri Sulmona arresto foto Trozzi Report-age.com 2015Tornimparte (Aq). E’ stato localizzato a Tornimparte, Salvatore Tana 28enne muratore originario di Santa Maria Capua Vetere, provincia di Caserta, arrestato dai carabinieri. Sarebbe uno dei 19 destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal tribunale di Napoli nell’ambito delle indagini della Direzione distrettuale antimafia a carico degli affiliati al clan casalesi, fazione Schiavone, gruppo criminale destinatario di 40 imputazioni provvisorie. Continua a leggere “Arrestato operaio casertano, soldato della fazione Schiavone clan casalesi”