Tag: dante caserta

Tigli inglobati in una storica Casina d’abbattere, esposto del Wwf ai Carabinieri forestali

Chieti. Wwf a difesa di 2 alberi d’abbattere inglobati nella storica Casina dei tigli, edificio di proprietà comunale. La stabilità dei fusti, Tigli per l’esattezza, sarebbe compromessa e così il Wwf Chieti-Pescara è intervenuto con un esposto ai Carabinieri forestali in cui si indica che nella villa comunale esiste, sin dalle origini del giardino pubblico (tra fine ‘800 e inizio ‘900), un filare di Tigli su un viale certamente di particolare valore storico e paesaggistico legato alla memoria popolare. Alcuni di questi tigli nel 2007 sono stati inglobati nella struttura “in condizioni tali da ostacolarne il normale ciclo vegetativo” segnala  l’associazione ambientalista. 

Continua a leggere “Tigli inglobati in una storica Casina d’abbattere, esposto del Wwf ai Carabinieri forestali”

Turismo senza regole così il Gran Sasso va in fumo

“Colpito dal fuoco alimentato da distratti e irresponsabili” Mountain Wilderness interviene così sull’incendio nel Gran Sasso e candida il monte più alto degli Appennini, unitamente alle altre alture abruzzesi, a patrimonio dell’Unesco. Una montagna che “É stata ed è trascurata dal ministero dell’Ambiente e dalla Regione per l’assenza di progetti strategici lungimiranti per una concreta tutela, per la valorizzazione scientifica e culturale della biodiversità e per il riscatto economico delle popolazioni locali” scrive in una nota l’associazione ambientalista.

Aggiornamento 1 e 2

Continua a leggere “Turismo senza regole così il Gran Sasso va in fumo”

Borsacchio: 4 associazioni disponibili a gestire la Riserva naturale

Roseto degli Abruzzi (Te). Istituita a febbraio 2005, la Riserva regionale del Borsacchio non è mai stata gestita dall’amministrazione comunale priva, ancora oggi, del Piano di gestione. Attività, eventi e perfino interventi di piccola manutenzione, per 12 anni sono stati garantiti senza nessun contributo pubblico, ma solo grazie alla fruttuosa collaborazione dei volontari WWF, Legambiente, Italia nostra e Comitato per la riserva Borsacchio.

Continua a leggere “Borsacchio: 4 associazioni disponibili a gestire la Riserva naturale”

GenerAzioneMare sabato 10 giugno a Pescara con il WWF

Pescara.Per il lancio della campagna GenerAzioneMare del WWF è in programma, sabato 10 giugno ore 10,  un convegno in cui si affronteranno le tematiche inerenti l’ambiente e la salute del mare nella sala Figlia di Iorio della Provincia di Pescara. Tra i partecipanti, Antonio Moretti, contrammiraglio, Marina De Ascentiis, Area marina protetta Torre del Cerrano,tra i relatori, Dante Caserta, vice presidente WWF Italia, Luciano Di Tizio, delegato WWF Abruzzo, Antonio Di Marco, presidente della Provincia, Antonio Canu, presidente WWF Oasi. Coordina il giornalista Roberto Mingardi.

Continua a leggere “GenerAzioneMare sabato 10 giugno a Pescara con il WWF”

Mega impianto di miticoltura al vaglio della Conferenza pesca marittima, il WWF: ‘No all’occupazione selvaggia del mare’

Roseto degli Abruzzi (Te). La Conferenza regionale della pesca marittima e acquacoltura venerdì sarà chiamata a valutare la proposta d’istituzione di 2 impianti di acquacoltura per la produzione di cozze per complessivi 2,4 milioni di m² di mare di fronte alla costa di Roseto degli Abruzzi. 

Continua a leggere “Mega impianto di miticoltura al vaglio della Conferenza pesca marittima, il WWF: ‘No all’occupazione selvaggia del mare’”

Principio di precauzione per fauna prevale su interessi venatori. Chiesto al ministro Galletti di limitare la caccia ai periodi fissati dal Tar

La recente ordinanza del Consiglio di Stato, seguita al ricorso al Tar del Wwf Italia contro il calendario venatorio abruzzese, costituisce un precedente importante per la tutela della fauna italiana.

Continua a leggere “Principio di precauzione per fauna prevale su interessi venatori. Chiesto al ministro Galletti di limitare la caccia ai periodi fissati dal Tar”

Orso investito in Abruzzo. Wwf: ‘Mortalità per mano dell’uomo troppo alta’

Roma. Ancora un orso rimasto ucciso sulle strade ieri tra i Parchi nazionali della Maiella e d’Abruzzo-Lazio e Molise, in uno dei corridoi ecologici fondamentali per la sopravvivenza di questa specie e che ” senza le misure di salvaguardia si trasformano in trappole ecologiche” interviene il Wwf Italia dopo l’incidente che ieri mattina ha portato alla morte un orso di appena 4 anni, agonizzante per ore  con la spina dorsale spezzata

Continua a leggere “Orso investito in Abruzzo. Wwf: ‘Mortalità per mano dell’uomo troppo alta’”

Francia sulla strada della messa al bando delle trivelle: a quando l’Italia

Referendum 17 aprile un Sì contro le trivellePescara. Sulla scia di quanto deciso già in Croazia lo scorso anno, la ministra dell’ambiente e dell’ecologia Ségolène Royalha ha annunciato una moratoria immediata sulla ricerca di idrocarburi in mare. Il governo francese potrebbe estendere presto l’invito alla chiusura alle trivelle in mare per tutto il Mediterraneo. Il governo italiano cosa aspetta, dovrà prendere una decisione prima o poi.

Continua a leggere “Francia sulla strada della messa al bando delle trivelle: a quando l’Italia”

Il Wwf ricorre al Tar Lazio contro Ombrina

Al Tribunale amministrativo della regione Lazio è stato chiesto l’annullamento del decreto ministeriale del 7 agosto e dell’Autorizzazione integrata ambientale che aprono la strada all’impianto petrolifero Ombrina mare.

Continua a leggere “Il Wwf ricorre al Tar Lazio contro Ombrina”

Dossier. Figli di un dio minore: le trivelle croate e il patrimonio italiano svenduto ai petrolieri

Questa è la storia delle trivelle croate che si dovevano ‘pappare’ le grandi risorse petrolifere del mare Adriatico giustificando un assalto ai mari italiani che non ha precedenti.

Continua a leggere “Dossier. Figli di un dio minore: le trivelle croate e il patrimonio italiano svenduto ai petrolieri”

Pini tagliati davanti alla Noè Lucidi di Teramo

Teramo. Il Wwf Teramo segnala che davanti la scuola primaria Noé Lucidi,  il Comune di Teramo ha deciso di restringere lo spazio pedonale, oltre ad incentivare il traffico motorizzato, mentre altrove le scuole sono inserite in aree pedonali a vantaggio di studenti e genitori, e fa così tagliare anche pini sani perché sarebbero incompatibili con i nuovi lavori di riasfaltatura della strada.

Continua a leggere “Pini tagliati davanti alla Noè Lucidi di Teramo”

Direttive Uccelli e Habitat troppo efficaci: l’Europa vuole cambiarle. Rischi per l’Abruzzo

É sotto pressione anche la normativa sull’Ambiente nell’Unione europea, nel Continente qualcuno vorrebbe imitare la peggiore abitudine del Bel Paese che disfa, masochismo allo stato puro, tutto ciò che di buono è rimasto. Forse è per questo che si tenta di modificare la disciplina europea sulla Natura, migliaia di specie di uccelli, farfalle, cervi, lupi, orsi, ma anche piante, fiori, fiumi, laghi sono protetti sin troppo bene dalle norme comunitarie considerate tra le migliori al mondo per la tutela dell’Ambiente. Senza di loro molte specie, uniche in Europa, potrebbero scomparire per sempre, anche in Abruzzo.

Continua a leggere “Direttive Uccelli e Habitat troppo efficaci: l’Europa vuole cambiarle. Rischi per l’Abruzzo”

Polizia provinciale nei vigili urbani? Wwf Abruzzo: “E’ a rischio il sistema di vigilanza ambientale”

“Sono a  rischio le competenze in materia ambientale delle Polizie provinciali – esordisce in una nota il Wwf Abruzzo dopo la ventilata ipotesi di accorpamento del Corpo forestale dello Stato con altri Corpi di polizia – sminuendo così i primari compiti di tutela ambientale di tale istituzione, assistiamo ora all’azzeramento delle funzioni di tutela ambientale delle Polizie provinciali, destinate da uno dei tanti provvedimenti, spesso contraddittori e confusi, di riorganizzazione delle Province a confluire nella Polizia locale. Una scelta incomprensibile e contraddittoria poiché si andrebbe a indebolire ulteriormente il sistema di vigilanza ambientale proprio nel momento in cui vengono introdotti nel codice penale gli ecoreati”. Continua a leggere “Polizia provinciale nei vigili urbani? Wwf Abruzzo: “E’ a rischio il sistema di vigilanza ambientale””

Noi con l’orso e la Regione Abruzzo non si sa!

Un mese dalla lettera alla Regione Abruzzo e ancora nessuna risposta per Wwf, Lipu, Pronatura, Mountain wilderness, Salviamo l’orso, Dalla parte dell’oso, Montagna grande e Orso & friends che i primi di aprile hanno segnalato all’ente territoriale i principali problemi dell’orso bruno marsicano e anche quelli creati ai suoi nuovi vicini di casa che vogliono comunque proteggere il plantigrade e conviverci, ma a patto che nessuno debba rimetterci e farsi del male. Anche per questo le 8 associazioni ambientaliste hanno chiesto un incontro con il presidente Luciano D’Alfonso e gli assessori competenti, ma tutto tace. Continua a leggere “Noi con l’orso e la Regione Abruzzo non si sa!”