Tag: crolli

Portone chiuso, palazzo deserto. Penne rosse per aprire i cantieri delle Scuole vulnerabili e abbandonate

Alberto Di Giandomenico

Sulmona (Aq). Tenere alta l’attenzione sulla questione scuole comunali troppo vulnerabili e ancora tutte da mettere in sicurezza per questo le penne rosse, donate oggi, nella speranza che gli amministratori aprano i cantieri. Le tante iniziative del Comitato Scuole Sicure hanno come obiettivo la sicurezza dei giovani affinché i progettati per gli edifici scolastici cittadini siano cantierizzati davvero. I genitori degli studenti chiedono soprattutto di adeguare le strutture scolastiche al reale rischio sismico dell’area. Nuovi e vecchi studi, carte geologiche annesse, segnalano la valle Peligna come zona a massimo rischio sismico proprio per la faglia del monte Morrone con le sue linee parallele che incombono sulla valle Peligna e per la faglia della montagna madre, la Maiella, cui si aggiunge l’inquietante faglia profonda, ovvero il sovrascorrimento dell’Abruzzo Citeriore, a 25 km di profondità dalla superficie, circa 10 km di profondità dalla faglia della montagna sacra di papa Celestino V. Tutto questo non è bastato per dare forma alla ricostruzione che in città non parte anche per tanti altri immobili, pubblici e privati. Sono stati stanziati oltre 14 milioni di euro, disponibili, ma nemmeno un alito di vento solletica le scartoffie negli uffici del palazzo comunale. 

Continua a leggere “Portone chiuso, palazzo deserto. Penne rosse per aprire i cantieri delle Scuole vulnerabili e abbandonate”

Sisma 2009. Ricostruzione al palo: rischio crollo in centro a Sulmona, intervengono Vigili del fuoco e Carabinieri

Sulmona (Aq). Pratiche ancora inevase e burocrazia all’ennesima potenza, così muore il capoluogo Peligno. Niente contributi per partire con i lavori di ricostruzione dei già vecchi edifici gravemente lesionati dal terremoto del 2009.  Zeppo di crepe, quello al numero civico 30 di via Francesco Pantaleo, nel cuore del centro storico sulmonese, rischia di crollare per strada e su altri palazzi. I puntellamenti sono quelli dei vigili del fuoco di Foggia, ormai marci e inefficaci. L’area va (ri)messa in sicurezza, di fronte c’è un edificio abitato e il rischio è che le pareti dell’altro finiscano sull’immobile appena ristrutturato. Il rudere va isolato e reso innocuo. “Sono passati 9 anni da quando ho fatto richiesta per i danni del terremoto e per ricostruire, ma il Comune non ha soldi”. Così il proprietario dell’immobile attende che si sblocchi qualcosa a palazzo San Francesco, invano però dall’ufficio sisma non si batte chiodo. Così stamane ha chiamato i Vigili del fuoco di Sulmona per una verifica dello stabile che tutto attorno è stato, di nuovo, transennato. L’uomo è intenzionato a presentare un esposto alla procura della Repubblica di Sulmona e ha chiarito che pagherà di tasca sua i lavori, da avviare subito perché non si può più attendere ancora: “Un’altra scossa e qui crolla tutto” ha detto. Siringhe, rifiuti e cattivi odori nel vicolo del centro storico a fare da cornice a questo ennesimo scandalo sulmonese, con il nastro di sicurezza e i puntellamenti come all’Aquila anni fa. Qui il tempo sembra essersi fermato. Il vicolo è chiuso dall’arco di via degli Archibugi sino all’angolo di via Pantaleo dove le vecchie transenne disposte, secoli fa per la messa in sicurezza e per  tener lontana la gente, sono persino prive di base e si reggono per l’allegria.

Aggiornamento. Proprio poche ore dopo l’annuncio dell’esposto del proprietario della vecchia abitazione di via Pantaleo, sarà un caso, gli amministratori di Sulmona si sono decisi ad avviare i bandi di concorso per assumere personale e, tra gli altri, 2 istruttori geometri part time da impiegare nell’ufficio sisma. Un po’ tardino per riparare, non sembra?

 

mariatrozzi77@gmail.com

 

Video Shock sui Viadotti autostradali, 5 anni e ancora Niente per l’adeguamento sismico

Cocullo (Aq). C’è davvero poco da verificare per i viadotti che dall’uscita del casello autostradale di Cocullo, alle gole del Sagittario, attraversano il fianco Nord della conca Peligna. Sono spellati, i ferri esposti da tempo ossidati, così si presentano il primo maggio, agli occhi dei tanti che raggiungono il paese dei serpari per assistere alla manifestazione dedicata a San Domenico Abate. Visti dal basso, i viadotti (A24) rassicurano molto meno dei serpenti protagonisti della manifestazione.

Continua a leggere “Video Shock sui Viadotti autostradali, 5 anni e ancora Niente per l’adeguamento sismico”

Sisma e scuole: a Sulmona su 16 solo 3 strutture a norma

Sulmona (Aq). Il Comune di Sulmona sceglie la strada dei Moduli ad uso scolastico provvisorio (Musp) da piazzare nell’area del Palasport di viale XXV per contrastare l’emergenza terremoto anche perché su 16 scuole cittadine solo 3 sarebbero a norma. Poticipata l’apertura dell’anno scolastico per le le scuole comunali dell’infanzia, le primarie e le secondarie di primo grado, il 18 settembre si rientra.

 Aggiornamento 1 e 2, Archivio
Dopo L’Aquila, Sulmona? Indagine sui terremoti dalle macerie storiche

Continua a leggere “Sisma e scuole: a Sulmona su 16 solo 3 strutture a norma”

Crollo scuole. Vacca bacchetta giornalisti e D’Alfonso, quest’ultimo rimprovera i dirigenti

On. Gianluca Vacca
Gianluca Vacca

Pescara. E’ un continuo bacchettare per le scuole abruzzesi. Il deputato pentastellato Gianluca Vacca bacchetta i giornalisti, il governo Renzi e il presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso che, a sua volta, bacchetta i dirigenti scolastici dell’istituto alberghiero De Cecco di Pescara. Insomma gli istituti abruzzesi, così come accadde per il canto pasquale ebraico, potrebbero ispirare una nuova filastrocca del genere Alla fiera dell’Est di Angelo Branduardi (i testi in realtà sono della moglie Luisa Zappa). Dunque il governatore non ha digerito i calcinacci nella scuola di Pescara finiti addosso a studenti feriti, ma solo superficialmente e ai rimproveri che D’Alfonso indirizza al responsabile dell’istituto risponde, con una nota, il parlamentare del Movimento 5 stelle: “Nell’odierna cronaca dell’ennesima passeggiata propagandistica del presidente D’Alfonso, questa volta all’istituto De Cecco, si legge che il governatore avrebbe bacchettato il dirigente scolastico, Paolo Buzzelli, reo di non aver richiesto imprecisati contributi europei per la sua scuola, nonché di non aver fatto chissà quale miracolo per evitare il crollo del soffitto” scrive Vacca componente della Commissione istruzione della Camera dei deputati.

Continua a leggere “Crollo scuole. Vacca bacchetta giornalisti e D’Alfonso, quest’ultimo rimprovera i dirigenti”