Tag: conferenza

Conferenza Stato Regioni, accordo con il Governo per evitare altri tagli

Le Regioni hanno oggi ottenuto garanzie dal Governo di non tagliare le risorse che riguardano i fondi per il sociale e per la sanità, che vedrà anzi incrementato di 2 miliardi il fondo nazionale per l’edilizia sanitaria. Continua a leggere “Conferenza Stato Regioni, accordo con il Governo per evitare altri tagli”

Gallerie autostradali e laboratori del Gran Sasso, incontro delle associazioni a Roma

Gallerie autostradali e laboratori sotterranei dell’Istituto nazionale di fisica Nucleare (Infn) sarebbero un rischio per il bacino idrico del parco nazionale deli Gran Sasso, intanto che si decide per lo stato di emergenza e la nomina di un commissario per gestire il sistema idrico, lunedì alle ore 13 a Roma, presso la sala Caduti di Nassirya  del Senato si terrà una conferenza organizzata dall’Osservatorio indipendente sull’acqua del Gran Sasso. Continua a leggere “Gallerie autostradali e laboratori del Gran Sasso, incontro delle associazioni a Roma”

Convivere con l’Orso Bruno Marsicano, se ne parlerà sabato a Pettorano sul Gizio

Sabato al castello Cantelmo di Pettorano sul Gizio si terrà la V Conferenza del Centro studi per le reti ecologiche Convivere con l’Orso Bruno Marsicano la prevenzione e la gestione dei danni: attività delle aree protette e della Regione Abruzzo Continua a leggere “Convivere con l’Orso Bruno Marsicano, se ne parlerà sabato a Pettorano sul Gizio”

Discarica Montedison a Bussi, il ministero approva la Caratterizzazione di Arta

Il ministero dell’Ambiente, con decreto direttoriale (protocollo 148/Sta del 27.03.2018) ha approvato il Piano della caratterizzazione delle aree di Strada dei parchi  redatto dall’Agenzia regionale per la tutela ambientale (Arta). Il documento  ha impegnato i tecnici dell’Arta tra settembre e gennaio per concludere la Conferenza di servizi decisoria relativa al sito di bonifica di interesse nazionale (Sin) Bussi sul Tirino indetta dal ministero il 6 febbraio 2018 Continua a leggere “Discarica Montedison a Bussi, il ministero approva la Caratterizzazione di Arta”

Gasdotto Snam, al nuovo governo spetta procedere. M5S: ‘Interrompere confronto per autorizzare il tracciato Sulmona-Fogligno’

Il 4 aprile è convocata la conferenza istruttoria per superare il diniego delle Regioni Abruzzo e Umbria al segmento Sulmona-Foligno ultimo passaggio necessario prima di partire con il conto alla rovescia per l’avvio del cantiere della centrale di spinta di Sulmona, autorizzata il 9 marzo e da installare dopo un anno di monitoraggi sull’area, spiega Snam, la multinazionale che porta avanti il progetto Rete adriatica per ambire a fare della sua rete una hub del gas.

Aggiornamento 1 e 2 Continua a leggere “Gasdotto Snam, al nuovo governo spetta procedere. M5S: ‘Interrompere confronto per autorizzare il tracciato Sulmona-Fogligno’”

Gasdotto Snam, a mandato scaduto il governo prova a superare il diniego. Mazzocca: “Questione di legittimazione”

Pescara. Pronta l’eccezione di legittimità formale già definita, ma perfezionata nell’incontro appena concluso in Regione tra il sottosegretario regionale Mario Mazzocca e i legali dell’avvocatura dello Stato, riuniti in gran fretta dopo la convocazione a Roma, il 4 aprile, per una incontro istruttorio voluto dalla presidenza del consiglio dei ministri (premier Gentiloni) per superare il diniego delle Regioni Abruzzo e Umbria all’autorizzazione del metanodotto Sulmona-Foglino, 169,2 km di tracciato dell’anaconda del progetto Rete adriatica che intuberà l’intera Penisola attraverso una condotta lunga quasi 700 km in gran parte su area a massimo rischio sismico. 

Aggiornamento 1 e 2 Continua a leggere “Gasdotto Snam, a mandato scaduto il governo prova a superare il diniego. Mazzocca: “Questione di legittimazione””

Sox: l’Istituto rinuncia all’esperimento. Una buona notizia per l’Osservatorio indipendente H2O

Teramo. Sulla rinuncia all’esperimento Sox l’Istituto nazionale di fisica nucleare chiarisce che la scelta è legata a carenze insite nell’organizzazione dell’esperimento. Una decisione che, da un lato viene considerata una prova di buon senso dell’Istituto e dall’altro viene vista come una buona notizia dagli ambientalisti.

Continua a leggere “Sox: l’Istituto rinuncia all’esperimento. Una buona notizia per l’Osservatorio indipendente H2O”

Nuovo Rinvio della Conferenza di Servizi definitiva per autorizzare il Metanodotto Snam. Casini: ‘Rafforzeremo il Fronte del No’

Roma. La comunicazione è appena arrivata ai municipi e agli enti interessati dal progetto (ore 14). C’è ancora tempo per rispondere e organizzarsi perché è stata nuovamente rinviata la Conferenza di servizi che concluderebbe l’iter autorizzativo del metanodotto Sulmona-Foligno, segmento del progetto gasdotto e centrale di spinta Snam, impropriamente definito Rete adriatica. Amministratori dei Comuni e altri enti territoriali sono stati appena informati: l’incontro decisivo è rinviato a data da destinarsi. C’è altro tempo per organizzare il fronte del No e probabilmente la decisione di autorizzare cadrà sul governo che verrà, il 27 dicembre il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dovrebbe sciogliere le Camere.

Continua a leggere “Nuovo Rinvio della Conferenza di Servizi definitiva per autorizzare il Metanodotto Snam. Casini: ‘Rafforzeremo il Fronte del No’”

Profilo climatico per l’Abruzzo che mantiene l’impegno preso alla Cop21 di Parigi

Pescara. La definizione, entro la fine dell’anno, del profilo climatico regionale, la compiuta redazione della strategia regionale nei 2 mesi successivi e l’adozione del Piano regionale di adattamento ai cambiamenti climatici entro il 2017 sono  alcuni gli obiettivi su cui punta, in particolar modo, la Regione che intende mantenere le promesse fatte a Parigi e si organizza per fronteggiare i cambiamenti climatici, nel suo piccolo, così per contribuire al miglioramento della qualità dell’aria e della vita.

Continua a leggere “Profilo climatico per l’Abruzzo che mantiene l’impegno preso alla Cop21 di Parigi”

Parere negativo su centrale Powercrop. Wwf:’Vinta battaglia fondamentale’

Aggiornamento 22.4.2016. La Conferenza di Servizi ha espresso parere negativo sul progetto della centrale a biomassa della PowerCrop che si sarebbe dovuta installare ad Avezzano (Aq), in località Borgo Incile, sulle sponde dell’ex lago del Fucino. Le criticità del progetto rilevate anche dal Wwf  sono state avvalorate dai pareri degli enti presenti al tavolo tecnico.

Aggiornamento

Il Wwf Abruzzo montano si ritiene soddisfatto per il parere negativo espresso dalla Conferenza di servizi, indetta ieri in Regione per l’autorizzazione alla costruzione della centrale a biomasse PowerCrop: “Siamo rimasti piacevolmente impressionati dalla competenza e meticolosità con le quali è stata condotta l’istruttoria procedimentale da parte della responsabile del procedimento che è andata ad analizzare ogni aspetto della vicenda: dalle titolarità e disponibilità delle aree all’approvvigionamento della biomassa, dagli aspetti urbanistici alle ricadute occupazionali nel settore agricolo, dagli aspetti dei beni ambientali e culturali agli impatti socio-sanitari sulla popolazione. Questa vittoria è frutto del lavoro articolato svolto dalle parti in causa e dell’amore per il Fucino che tutti hanno dimostrato. La politica ha fatto la sua parte, dimostrando di saper incidere sulle dinamiche economiche e sociali dei territori che amministra. I cittadini marsicani sono scesi in campo e hanno fatto sentire la loro voce contraria allo scellerato progetto- continua il Wwf montano – Una nota particolare di merito va riconosciuta, altresì, alla dottoressa Irma Paris, tecnico ambientale e marsicana come noi, che con  il suo lavoro ha evidenziato la maggior parte degli aspetti critici del progetto PowerCrop. Siamo consapevoli che la guerra non è finita, ma siamo certi di aver vinto una battaglia fondamentale. Da ieri pomeriggio nella Marsica si respira una nuova aria!” conclude Walter Delle Coste, presidente del Wwf Abruzzo montano.

Centrale Powercrop:recesso dall’accordo. Wwf vigilerà

No PowerCrop Foto Maria Trozzi Report-age.com 09.4.2015
Foto Maria Trozzi

Marsica 20.4.2016. Il Wwf Abruzzo montano, in una nota, prende atto positivamente dell’impegno mantenuto e cristallizzato, dal Sottosegretario con delega all’ambiente, Mario Mazzocca, sul progetto dell’impianto a biomasse altrimenti programmato in Marsica. Il colpo di grazia alla centrale a biomassa (costo 92 milioni di euro) è stato dato da Mazzocca con una proposta di delibera accolta dalla giunta ieri pomeriggio, così la Regione ha decretato la fine del tutto, ossia, il recesso dall’Accordo di riconversione produttiva. L’inquietante creatura della PowerCrop doveva sorgere sulla piana del Fucino, ma è stata fermata perché non risponderebbe più alle caratteristiche del territorio e non lo valorizzerebbe. L’inceneritore dalla potenza di 30 Mwe, con annesso impianto fotovoltaico della potenza di 300 Kwp, era previsto ad Avezzano, sul limitare del monte Salviano, in base agli accordi per la riconversione dello zuccherificio di Celano (Aq), stabilimento chiuso una decina di anni fa. L’impegno è anche quello di ricollocare nel mercato del lavoro la quarantina di dipendenti dell’ex zuccherificio celanese. Domani il Wwf montano, nella Conferenza di servizi che decide del progetto Powercrop, ribadirà la ragioni dell’opposizione all’insediamento con delle osservazioni, e l’associazione annuncia, vigilerà affinché, in conferenza, venga espresso il definitivo parere tecnico negativo che, suffragato dalla volontà della giunta regionale, metta definitivamente la parola fine al progetto. Impianto, da sempre, valutato incompatibile soprattutto con l’ambiente e non solo, scrive l’associazione del Panda, anche per l’economia marsicana. Il progetto è stato osteggiato per oltre 9 anni, da cittadini, associazioni, ambientalisti e amministratori locali che non dimenticheranno e domani, a Pescara, non mancheranno. 

Il progetto, è lecito scrivere, prevedeva la realizzazione di una centrale a biomassa ad Avezzano e la contestuale riconversione dello zuccherificio di Celano, questi erano gli accordi nel 2007. Circa 90 sono i lavoratori che si contavano alla chiusura dello zuccherificio, in cassa integrazione per 10 anni, oggi restano una quarantina in mobilità ancora da coinvolgere nella riconversione, mai attuata, per la parte che interessava la trasformazione dell’ex zuccherificio di Celano in centro di trattamento dei prodotti ortofrutticoli nella piana del Fucino (impianto dal costo presunto di circa 10 milioni di euro). La Powercrop avrebbe però installato a Celano un impianto a biogas che sarebbe alimentato a mais, non a barbabietola, materia prima fornita dagli agricoltori locali, sembra, per produrre energia elettrica. Così gli imprenditori agricoli avrebbero un ristoro? Se l’impianto fosse davvero vantaggioso non si spiega perché le associazioni di categoria si oppongono tutte alla centrale. Il trattamento dei prodotti ortofrutticoli poi non è stato avviato oltretutto perché, rifletteva un annetto fa Powercrop, il Fucino non sarebbe in grado di supportare la riconversione, ma la realtà supera della fantasia.
Un primo segnale a favore dell’Ambiente è arrivato anche dai volontari marsicani che, una settima fa, hanno ripulito dalle immondizie la futura riseva del monte Salviano a due passi dalla quale doveva sorgere la centrale Powercrop.

Dossier Powercrop

Powercrop. Mazzocca: ‘Game over per l’impianto’

L’Aquila 19.4.2016 «Un risultato importante per la Marsica, per il Fucino e per i tanti cittadini preoccupati dall’installazione impattante in un’area a grande valenza ambientale e per le produzioni agricole che sarebbe stata definitivamente compromessa» è il commento del presidente del consiglio, Giuseppe Di Pangrazio, dei consiglieri Lorenzo Berardinetti e Maurizio Di Nicola e del sottosegretario con delega all’ambiente, Mario Mazzocca. Quest’ultimo ha proposto oggi in giunta l’adozione di un atto con cui la Regione recede dall’accordo di riconversione produttiva, sottoscritto il 19 settembre 2007 ritenuto dall’esecutivo “non più di pubblico interesse”.

Continua a leggere “Parere negativo su centrale Powercrop. Wwf:’Vinta battaglia fondamentale’”

Il vescovo Spina contro l’inquinamento dice No alle opere devastanti nell’entroterra

Sulmona (Aq). Ancor prima della enciclica Laudato sì di papa Francesco si sono schierati dalla parte dell’Ambiente. 

Continua a leggere “Il vescovo Spina contro l’inquinamento dice No alle opere devastanti nell’entroterra”

Ambientalisti sulmonesi: “Snam beffarda, governo arrogante e Regione in ritirata”

No Snam Foto Maria Trozzi Report-age.com 2014
No Snam Case Pente (Foto Maria Trozzi)

Foto Maria Trozzi

Sulmona (Aq). “Snam beffarda, governo arrogante e Regione in ritirata” è questo il titolo che anticipa le opinioni del Comitato cittadini per l’ambiente sugli esiti della Conferenza dei servizi svolta ieri a Roma, con un nulla di fatto, per discutere della costruzione della centrale di compressione del gas naturale a Sulmona. La proposta che esce dall’incontro è di spostare qualche centinaio di metri l’impianto di spinta del metano per piazzarlo in una cava dismessa sempre nel territorio di Sulmona. La Presidenza del consiglio dei ministri ha incaricato il ministero dello sviluppo economico di disporre una proposta alternativa per la centrale e di inviarla nei tempi dovuti alla Regione Abruzzo. Continua a leggere “Ambientalisti sulmonesi: “Snam beffarda, governo arrogante e Regione in ritirata””

Cambiamenti climatici: l’Abruzzo verso il Piano di adattamento per una comunità resiliente

L’Aquila. La Giunta Regionale, su iniziativa dell’assessore all’ambiente Mario Mazzocca, ha adottato un atto di indirizzo con cui si intraprende con forza il cammino dell’adattamento ai cambiamenti climatici. Continua a leggere “Cambiamenti climatici: l’Abruzzo verso il Piano di adattamento per una comunità resiliente”

La Snam tira fuori la carta jolly. Autorizzazione metanodotto Sulmona-Foligno rinviata ancora

Roma presidio M5S Report-age.com 2015Roma. E’ stata rinviata ancora di settimane, senza fissare una data precisa, la Conferenza di servizi del procedimento spezzettato per l’autorizzazione del metanodotto Rete adriatica della Snam, questa fase interessa solo 169 km della condotta di 687 kche attraverserà l’Italia intera, in Abruzzo il tratto del  gasdotto da autorizzare è il Sulmona-Foligno. Continua a leggere “La Snam tira fuori la carta jolly. Autorizzazione metanodotto Sulmona-Foligno rinviata ancora”