Auto del sindaco distrutta. Galli: ‘Nessuna intimidazione’ non si esclude alcuna pista

Concezio Galli Report-age.com 2018
Concezio Galli

Popoli (Pe). Vetri in frantumi su viale Kennedy, l’auto presa di mira è quella del sindaco Concezio Galli che però dice di non aver ricevuto alcuna minaccia, ultimamente. Tutti i sedili della sua Mini Cooper sono stati tagliati, forse con un coltello, tutta la carrozzeria del veicolo è stata ammaccata probabilmente con una spranga e il fatto fa proprio pensare ad un accanimento. Nei paraggi e sempre nella zona Peep2, dove il primo cittadino risiede, la stessa notte non c’erano altre automobili parcheggiate nell’area. Per la mini Cooper i danni ammonterebbero a migliaia di euro e non trapela alcunché dalle indagini avviate dai Carabinieri di Popoli per risalire all’autore/i del gesto. Intimidazione o atto vandalico? S’indaga a 360 gradi, Galli è stato ascoltato per 3 ore nel Comando compagnia carabinieri rispondendo a domande relative ad appalti e delibere, stamane è stato sentito anche in Prefettura. Non si esclude alcuna pista dall’atto vandalico fine a se stesso all’ipotesi del gesto di qualche disagiato, con una certa avversione per le istituzioni, non si trascura la pista della criminalità, molti gli interessi in gioco per le concessioni di sfruttamento delle importanti risorse che si concentrano nel territorio al confine della val Pescara.

mariatrozzi77@gmail.com

La collina degli orrori. Un mistero le autorizzazione per gli impianti televisivi a San Silvestro

Pescara. A mesi di distanza dalla presentazione della richiesta sul san Silvestro colle, del Movimento 5 stelle, i pentastellati oggi si sono recati negli uffici tecnici del Comune di Pescara per dare seguito alla domanda di accesso agli atti presentata dalla consigliera comunale M5S Erika Alessandrini.

Read more

Concessioni balneari all’asta? Riordino e competizione non conpromettano gli operatori migliori

Pescara. Al centro dell’incontro di stamane, promosso dai sindacati dei balneatori Confcommercio e Confesercenti, è la legge delega, in discussione al Parlamento, sul riordino delle concessioni balneari che dovrà normare il recepimento della direttiva Bolkenstein che prevede la messa all’asta delle concessioni, una volta arrivate a scadenza.

Read more

Rapporto Cave 2017. Legambiente propone Legge quadro, recupero contestuale delle aree e Canone minimo per le concessioni

É possibile ridurre il prelievo di materiale e l’impatto delle cave sull’ambiente e sul paesaggio. Dare una nuova vita ad una cava dismessa si può. Percorrere la strada del riciclo degli aggregati per l’Italia è un dovere, ma la strada è ancora tutta in salita. Legambiente ha presentato oggi a Roma il Rapporto Cave 2017 invitando a puntare sul riciclo degli inerti, così come si fa in molti Paesi europei, ma anche in alcune eccezionali località italiane.

Archivio

Read more

Zingaretti: Sì al Referendum, un mare da difendere dal petrolio

“Il Mediterraneo è un mare prezioso che nutre e abbraccia paesi e popoli diversi tra loro. Il Mediterraneo è anche un mare chiuso, uno sversamento comporterebbe danni irreparabili in tutte le sue coste. Il mare è un bene comune, spetta a noi proteggerlo” lo dice l’attore e attivista Luca Zingaretti nello spot del Wwf per il referendum sulle trivelle.

#unmaredisi

Read more

Referendum 17 aprile. Abruzzo 1000 piazze, un mare di Sì con tantissimi eventi

Sono 1000 piazze, anche in Abruzzo, nel mare dei Sì al referendum del 17 aprile. L’occasione è imperdibile per non trovarsi impreparati al voto e non trovare nell’alibi della perfetta ignoranza la scusa per non andare a votare dicendo di non essere d’accordo su qualcosa che non si conosce. Cosa c’è sotto le trivelle? Cliccando qui avremo un’idea di come giocano sporco sul quesito referendario, di come puntano a tenerci ignoranti e all’oscuro per convincerci a non andare a votare

Read more

Ricerche ed estrazioni di gas e petrolio. Chiusi Ombrina e procedimenti in corso nelle 12miglia marine. Delle concessioni rilasciate decide il Popolo

Roma. Il ministero dello sviluppo economico ha rigettato 27 provvedimenti e richieste per ottenere permessi e concessioni necessari per la ricerca e l’estrazione di gas naturale e petrolio entro le 12 miglia marine.  Rigettato il progetto della piattaforma petrolifera Ombrina mare, ridotto il territorio per l’istanza di ricerca dell’Eni che passa da quasi 6 mila ettari a meno di 600 ha

Read more

Bloccare le Trivelle nelle 12 miglia con un Referendum: Abruzzo occorre far presto

Roma. Stop trivelle, ma soprattutto se le proposte di legge hanno fallito riuscirà il voto dei cittadini ad impedire che altre piattaforme siano installate a meno di 20 chilometri dalla costa Italiana (12 miglia – 19,312 km ). Ai massimi rappresentanti delle regioni è stato chiesto di deliberare per un Referendum abrogativo che metta fine alla vergognosa sanatoria delle trivelle entro le 12 miglia, in prossimità delle coste italiane. L’attività di pressione dei gruppi ambientalisti sarà concentrata, in questi 2 mesi, sui massimi rappresentanti regionali, pacificamente, affinché almeno 5 consigli regionali, entro fine di settembre, decidano di risolvere la questione delle 12 miglia con l’unico strumento di democrazia diretta rimasto.  Read more