Snam: falso che le centrali di compressione producano particolato fine e ultrafine in quantità molto rilevanti

Sulmona (Aq). La società Snam rete gas intende rettificare alcune informazioni non corrette circolate sul territorio abruzzese in merito alla centrale di compressione che la società ha in programma di realizzare a Sulmona. In particolare si precisa quanto segue: è falso che le centrali di compressione producano “particolato fine e ultrafine in quantità molto rilevanti”. Read more

Inferno tra centrale e metanodotto Snam dove incombe il Vallone Satanasso

Incidente 27.4.2011 Sorgente immagine Bergamo sera

Alluvioni, movimenti di terra e detriti dal vallone dell’inferno (tra Sulmona e Pescocostanzo – Aq) aggiungono rischi ai tanti che già pesano sulla valle Peligna per le faglie, l’inversione termica e per la costruzione della centrale di spinta del metano e la realizzazione del tracciato del Rete adriatica, tratto Sulmona-Foligno. Frazione del progetto che è in fase conclusiva di autorizzazione. Il Vallone dell’inferno ha una pessima fama purtroppo annebbiata dalle grinze del tempo. Giusto per rinfrescare la memoria proprio lì avvenne l’incidente del 27 aprile 2011 in cui morirono, in volo sull’area con un elicottero Elycompany, 2 persone, il pilota bergamasco Danilo Ricuperati, 31 anni, di Gazzaniga, e il tecnico modenese di 27 anni Matteo Franchini.

Aggiornamento 1, 2 e 3 Read more

Gasdotto Sulmona-Foligno, nulla di fatto, altri 2 incontri istruttori per arrivare all’autorizzazione

Roma. Prima di convocare un’altra riunione i dirigenti del Mise, ministero dello sviluppo economico, contatteranno l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) per approfondire la questione del rischio sismico. I tubi del Rete adriatica attraverseranno i crateri dove si sono manifestati i più recenti e devastanti terremoti italiani. Per parte della struttura, strategica dicono ai vertici, si è appena conclusa la prima istruttoria del tracciato Sulmona-Foligno, indetta da Annalisa Cipollone, capo dipartimento della presidenza del consiglio dei ministri. Il Movimento 5 stelle, Wwf e Legambiente hanno chiesto di rinviare l’incontro, ma il confronto oggi si è svolto. Dal dipartimento hanno ammesso che occorrono altre 2 riunioni per perfezionare l’istruttoria, prima di rinviare la decisione ai vertici per un’altra autorizzazione che interessa sempre il metanodotto Rete adriatica, quasi 700 km di condotta per spingere, per mezzo della centrale di compressione autorizzata a marzo e da costruire a Sulmona (Aq), il gas naturale a Nord passando per aree a massimo rischio sismico. Parliamo del metano, fonte fossile, che la Snam venderà all’Europa con enormi profitti soprattutto con enormi sacrifici, anche in termini di sicurezza, per le popolazioni assoggettate all’opera della multinazionale. Nulla di fatto dunque, il copioso fronte del no abruzzese ha ribadito la contrarietà al progetto Snam.

Read more

Navelli contro il Metanodotto Rete adriatica Federico: ‘Il governo dimissionario non è interlocutore politico’

Il tratto Sulmona-Foligno del metanodotto Rete adriatica arriva sino all’Aquila nel cuore del cratere sismico del 2009. Da Sulmona la centrale di  compressione del metano, autorizzata il 9 marzo dalla presidenza del consiglio dei ministri, a Case pente spingerà il gas naturale nella condotta che in un tunnel impressionante attraverserà le sorgenti del Pescara nel bel mezzo di uno dei bacini imbriferi tra i più grandi d’Europa, per poi sparare sull’aquilano.

Aggiornamento 1 e 2 Read more

Autorizzazione Centrale Snam: la Delibera del Consiglio dei ministri del 22 dicembre 2017

Delibera del 22 dicembre 2017 con la quale il Consiglio dei ministri ha disposto la prosecuzione del procedimento di autorizzazione alla costruzione ed esercizio dell’opera denominata Centrale di compressione gas di Sulmona, proposta dalla società Snam Rete gas  spa.

Aggiornamento 1 e 2

Read more

L’appello del sindaco dimissionario all’incontro di Paganica sul gasdotto Reteadriatica

L’Aquila. “Occorre dare un coordinamento, è importante. Tante piccole voci in un territorio così ampio rischiano di non essere incisive, ma se ci uniamo e siamo tutti insieme credo che il governo ci ascolterà” è l’appello del sindaco dimissionario di Sulmona Annamaria Casini che ha rassegnato le dimissioni dall’incarico di primo cittadino dopo la decisione del 22 dicembre della presidenza del consiglio dei ministri di deliberare favorevolmente per l’autorizzazione della centrale di spinta del metano a Sulmona, impianto che dalla Snam viene definito appendice del metanodotto Rete adriatica.

Read more

Vertenza Snam: Bisogna fare di più!

Sulmona (Aq). Sugli effetti disastrosi per l’Ambiente e sui rischi per la salute e sicurezza del progetto metanodotto e Centrale Snam denominato Rete Adriatica dal 2008 i Comitati affiancati dall’associazione Orsa Pro Natura Peligna si sono avvalsi della consulenza dell’Ordine dei medici per la prevenzione degli effetti sulla salute degli inquinanti che avrebbe prodotto la Centrale, dell’Ordine degli Avvocati per le osservazioni inviate agli organi competenti contro i decreti di approvazione della Via (Valutazione impatto ambientale) e della Pubblica utilità dell’opera. “Hanno sensibilizzato con pressioni talvolta moleste le istituzioni locali a produrre delibere, risoluzioni e leggi regionali – scrivr orsa pro natura peligna in una nota – Hanno ottenuto financo una Risoluzione della Commissione ambiente della Camera dei deputati che prevedeva un tavolo per l’individuazione di un percorso alternativo del metanodotto e ubicazione di centrale a causa del rischio sismico. Tutto questo non è stato inutile. Ha prodotto la persistente negazione dell’intesa della Regione e, ieri, l’alzata di scudi dei sindaci e del rappresentante della Regione a colloquio con il governo”. L’associazione chide di fare di più in occasione del prossimo incontro con il governo e per ricorsi al Tribunale amministrativo del Lazio munendosi di consulenze tecniche ” Che devono avere il peso di minaccia in caso del verificarsi delle conseguenze di esplosioni del gasdotto Sulmona- Foligno e della Centrale di Sulmona per sismi previsti nei prossimi anni – conclude l’associazione – Già i sismologi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, osservando i rigetti delle faglie, dell’ordine di 80 cm, prodotte nell’Italia Centrale dagli ultimi sismi, hanno affermato che non c’è manufatto che possa resistere aggiungendo che le accelerazioni, previste per suoli rigidi, nella valle Peligna vengono amplificate di molto dalla presenza di terreno alluvionale. Fate di più” insiste il presidente dell’associazione ambientalista, Maria Clotilde Iavarone.

mariatrozzi77@gmail.com

Casini da Gentiloni per la riconsegna della fascia. Il sindaco protocolla le dimissioni

Sulmona (Aq). Da ora cominciano a decorrere i 20 giorni a disposizione della prima cittadina, Annamaria Casini, per ripensare le dimissioni date dopo l’autorizzazione, da parte della presidenza del consiglio dei ministri, il 22 dicembre scorso su proposta del premier Gentiloni, della centrale di compressione del metano a Case pente. Si tratta del progetto Snam Reteadriatica che prevede l’installazione, lungo la dorsale appenninica, di un metanodotto che da Massafra (Taranto in Puglia) raggiungerà Minerbio, in aree a massimo rischio sismico, per trasportare e vendere il gas naturale all’Europa e passare dalla padella alla brace. Ossia dalla dipendenze del gas russo a quelle del gas dell’Azerbaijan con il governo azero che al potere vede una famiglia in regime di cleptocrazia.

Read more

Autorizzazione Centrale Snam. La Regione ha tenuto all’oscuro sulla Imminente Decisione

Sulmona (Aq). Peligni tenuti all’oscuro per non intralciare ancora il progetto Snam Reteadriatica, è la denuncia di Orsa Pro Natura Peligna sull’autorizzazione della centrale di spinta del gas a Case Pente. Che l’iter per la valutazione della centrale di compressione del metano fosse arrivato al capolinea era noto da quando l’associazione, il 25 gennaio 2015, informò della conclusione della procedura, ma nessuno in Regione si è degnato di informare la comunità della  imminente deliberazione del consiglio dei ministri sull’autorizzazione dell’impianto. Eppure a Roma, al tavolo decisorio, il 22 dicembre era presente la Regione, esattamente con Giovanni Lolli, il vice presidente regionale. 

Aggiornamento 1  e 2

Read more

Sulla Centrale Snam l’Ombra dell’Antica Iscrizione Trovata a Case Pente. Esclusiva Report-age

Sulmona (Aq). Ironia della sorte, anche nel I secolo avanti Cristo Case Pente aveva seri problemi di occupazioni per questo il cippo dei Callitani con un severo ammonimento a non sconfinare inciso sulla pietra tra le tante dell’area. Sin d’allora le popolazioni locali difendevano il sito avvisando gli occupanti, in quel caso i Callitani, i pastori, che con le greggi non dovevano travalicare i limiti delle calles publicae e cioè dei tratturi. Oggi l’avviso potrebbe valere per la società che intende costruire  la centrale di spinta e il metanodotto?

Aggiornamento

Read more

Centrale Snam a Sulmona: stavano per autorizzare. Bloccati dal No al referendum

Si riduce la distanza tra le ruspe e chi si oppone alla realizzazione della centrale di spinta del metano di Sulmona (Aq). É dell’autunno scorso il salto in avanti con la remissione al consiglio dei ministri dell’autorizzazione dell’impianto di compressione del gas naturale in valle Peligna, ai piedi del monte Morrone. L’atto del dipartimento governativo riporta che “Sussiste la possibilità di procedere all’autorizzazione a condizione che siano rispettate le prescrizioni fornite dagli enti coinvolti nel procedimento”. Poche le informazioni su queste prescrizioni e sul progetto della centrale da riconsiderare alla luce delle criticità che i sopralluoghi e gli studi degli esperti Ingv hanno individuato nell’area in cui si vuole piazzare l’impianto.

Read more

‘NO’ della Giunta regionale anche per la centrale elettrica Snam

L’Aquila. La delibera di giunta regionale non è stata ancora pubblicata, ma la notizia c’è. L’esecutivo ha deliberato sulla centrale di spinta del gas alimentata ad energia elettrica e con un secco NO ha negato l’intesa anche per l’innovativa centrale ad elettricità proposta da Snam rete gas per la compressione del metano da spingere, nei tubi da 48 pollici, a Nord affinché la multinazionale possa venderlo e ricavarne profitto. Il serpentone del Rete adriatica è lungo centinaia di chilometri e passerà su aree a massimo rischio sismico lungo la dorsale appenninica.

Read more

Se passa la Centrale Sel minaccia di uscire dalla maggioranza

Sulmona (Aq) Sinistra ecologia e libertà di Sulmona e Popoli minaccia di uscire dalla maggioranza se la centrale Snam sarà costruita a Sulmona e se sulla questione sanità si continuerà a dimenticare il sacrosanto diritto alla salute e a sacrificare la popolazione invitando a riconsiderare la proposta degli ospedali riuniti. Il Circolo esprime tutta la sua contrarietà verso qualsiasi soluzione che consideri la costruzione della Centrale di spinta del metano nella valle Peligna. “E’ incomprensibile il fatto che la Snam rifiuti qualsiasi mediazione e rigetti tutte le proposte alternative formulate in questi anni sia dai comitati locali che dalla Regione” per questo Sel chiede un reale impegno degli amministratori regionali e locali affinché trovino soluzioni politiche coerenti con la vocazione del territorio che dovrebbe essere sede naturale di tutela dell’ambiente, dell’agricoltura di qualità e di uno sviluppo sostenibile più in generale.

Read more

Centrale di Sulmona da spostare nella cava: anteprima della proposta Snam (documenti)

Cava di inerti Foto Maria Trozzi Report-age.com 2015
Cava dismessa di inerti Foto Maria Trozzi

Roma. Considerazioni sulla possibile delocalizzazione dell’impianto nell’area di pertinenza della cava dismessa, è il titolo della relazione con la quale Snam Rete gas propone al ministero per lo sviluppo economico di spostare la futura centrale di compressione del metano, di un centinaio di metri, da Case Pente in una cava di inerti dismessa che però verrebbe utilizzata solo parzialmente anche per una serie di vincoli urbanistici che, per il momento, ne impedirebbero il pieno sfruttamento. Sull’impianto che darà spinta al gas azero, in principio da costruire a Case pente, la riunione conclusiva è prevista per il prossimo 31 luglio. Gli ambientalisti sono convinti che con questa proposta, la futura hub del gas prepari il terreno al successivo ampliamento della centrale di compressione del gas naturale da costruire a Sulmona, a quanto pare, spinta decisiva del metano nel gasdotto Rete adriatica verso il Nord Italia e su aree a massimo rischio sismico.  

Read more