Tag: Collepietro

Navelli. Record di differenziata ad un mese dall’avvio

Buone notizie da Navelli (Aq) per la raccolta differenziata porta a porta, il servizio voluto dall’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Paolo Federico, è arrivato a quota 72,10% ad un mese dall’avvio. Continue reading “Navelli. Record di differenziata ad un mese dall’avvio”

Strada Collepietro-Bussi, D’Alfonso s’impegna al completamento

Il presidente Luciano D’Alfonso si è impegnato per il completamento della strada di collegamento tra Bussi, in provincia di Pescara e Collepietro, nell’aquilano.  Continue reading “Strada Collepietro-Bussi, D’Alfonso s’impegna al completamento”

I no che non piacciono al Presidente D’Alfonso: ‘É sui sì la sfida’

Popoli (Pe). “Insomma è sui sì la sfida, sui sì, sulle iniziative attive da assumere” lancia il guanto di sfida il presidente della Regione, Luciano D’Alfonso, sul palco della val Pescara indica alla comunità di Popoli l’impegno assunto dalla Regione su 4 grandi argomenti affrontati nei suoi primi 23 mesi di amministrazione dell’Abruzzo. Raccogliamo il guanto sulla questione ambientale.

Continue reading “I no che non piacciono al Presidente D’Alfonso: ‘É sui sì la sfida’”

Faglia del Morrone: la più pericolosa per l’Ingv e insistono con centrale e gasdotto Snam

Sulmona (Aq). Ad una decina di metri sotto la faglia del Morrone c’è qualche altra cosa e ad una decina di metri sopra la stessa faglia allora andrebbe osservato un principio, quello di precauzione, se la procedura è quella di autorizzazione della centrale di spinta metano Snam e del metanodotto Brindisi Minerbio che ricomprende il tratto di gasdotto Sulmona-Foligno, in fase finale di autorizzazione. Soprattutto per l’impianto fanno temere le  4 condotte parallele di collegamento (aggiunte a quelle del metanodotto da 120 cm di diametro ciascuna) e per non farci mancare niente il dissesto idrogeologico documentato, anche in passato nel vallone che accoglierà le coppie di condotte.

Aggiornamento 1 e  2

Continue reading “Faglia del Morrone: la più pericolosa per l’Ingv e insistono con centrale e gasdotto Snam”

Mobilitazione No Snam: occupazione del Comune e martedì all’Aquila a manifestare

Sulmona (Aq). La soluzione finale è imminente e questa volta non è gas, ma elettricità. Ironizzano con amarezza se l’autorizzazione a costruire la centrale di spinta del metano è solo questione di ore ormai e, davvero, cambierà volto e connotati alla valle Peligna. A Sulmona in primis e poi, riflettendo sul massimo rischio sismico e le faglie attraversate dal tracciato del gasdotto, i tubi spargeranno timori ovunque tra i territori, da intubare, sulla dorsale Appenninica. Per questo un folto gruppo di cittadini Peligni ha deciso di occupare il Comune di Sulmona con i Comitati cittadini per l’ambiente che domani alzeranno i toni della protesta e manifesteranno contro il progetto della centrale Snam, occupando il municipio, per impedire il primo battito del cuore pulsante del metanodotto Rete adriatica da realizzare nella città dei confetti.

Continue reading “Mobilitazione No Snam: occupazione del Comune e martedì all’Aquila a manifestare”

Il manager Silveri promette d’incontrare Sulmona martedì per il Punto nascita

Sulmona (Aq). Sarà a Sulmona martedì a palazzo san Francesco il manager della Asl, Giancarlo Silveri, munito dei documenti e dei dati che interessano il Punto nascita di Sulmona per incontrare i cittadini che presidiano il Municipio a tutela del Punto nascita dell’ospedale santissima Annunziata. (Foto di copertina Dino Merolli) Continue reading “Il manager Silveri promette d’incontrare Sulmona martedì per il Punto nascita”

Fuori dalla crisi con la Coesione, il 2015 è l’anno della riscossa dell’entroterra

Entroterra abruzzese. Tanti i segnali di coesione lanciati, agli 8 mila 100 comuni italiani, dalla legge di stabilità che spinge ad un ridimensionamento nel segno della sobrietà e dell’efficienza arrivando, al massimo, a 2 mila 500 realtà amministrative. Le nuove disposizioni normative tracciano la nuova rotta anche alle comunità abruzzesi che, con largo anticipo, potrebbero organizzarsi per non accontentarsi poi di un fidanzamento forzoso. Il quadro è completo se si considera la calendarizzazione in Parlamento della proposta di legge che tende anche a ridurre le Regioni italiane da 21 a 5, sulla scia delle cosiddette macroregioni. Continue reading “Fuori dalla crisi con la Coesione, il 2015 è l’anno della riscossa dell’entroterra”