Luci e Ombre nella gestione dell’Acqua nel Fucino

Il Wwf Abruzzo montano accoglie l’intenzione di potenziare la filiera depurativa nei Comuni circumlacuali della Piana del Fucino per assicurare alti livelli qualitativi dell’acqua utilizzata a scopi irrigui attraverso la ristrutturazione di 6 impianti di depurazione e la creazione di una moderna rete irrigua in pressione estesa all’area che sia in linea con le direttive europee sul risparmio idrico ed energetico.

Copertina Abruzzocitta.it Read more

Sagra della Pecora a ridosso degli incendi di Collelongo. Il WWF lancia l’allarme

La lezione non è bastata così mentre ancora ardono i carboni della prateria e della faggeta andate in fumo sul Gran Sasso si organizza la Sagra della Pecora nei Prati d’Angro a Villavallelonga nel Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise, a ridosso degli incendi di Collelongo, il 13 agosto. 

Read more

Domenica di fuoco in Abruzzo, le ultime dal fronte incendi

Incendio Foto Trozzi Report-age.com6.8.2017Sono ancora in corso le operazioni di spegnimento dell’incendio che da ieri brucia Campo Imperatore, nel Parco nazionale del Gran Sasso, e ha interessato Fonte Vetica, prima arrostendo la piana del Gran Sasso fino a ridurre in cenere la pineta e una fetta importante della storica faggeta. Difficile controllare il fuoco che scavalcando il versante aquilano si è allungato verso quello pescarese per le alte temperature e il vento caldo che da ieri spingono le fiamme sino a località Vado del Sole, al di sopra di Rigopiano, area tristemente nota per le vicende di gennaio scorso.

Aggiornamento del 9 e del 28 agosto 

Il rogo si sarebbe sviluppato ieri da un barbecue mentre era in corso la Fiera Ovina con 30 mila persone sul posto. Raggiungere l’area, in alta quota, richiede tempo e sul posto sembra non vi fossero controlli a sufficienza per l’emergenza incendi. É stato aperto un fascicolo d’inchiesta per far luce sui fatti e ci sarebbero 6 indagati, l’area da cui è partito l’incendio è stata posta sotto sequestro. Un canadair effettua lanci d’acqua da ieri, sul posto i vigili del fuoco dell’Aquila e di Pescara, i carabinieri forestali, Protezione civile e molti volontari.

Altri due fronti del fuoco all’Aquila, in via della Croce Rossa dove l’incendio è stato spento e bonificato e nella frazione di Aragno, dove l’incendio doloso spento nei giorni scorsi si è rialimentato e questo pomeriggio è stato necessario l’intervento del canadair. Fortunatamente  il fuoco è stato domato alle ore 18.

In Marsica, il sottobosco non bonificato rende difficile le operazioni di spegnimento a Vallelonga, nel Parco nazionale d’Abruzzo. In cenere finiscono una casa e quasi 30 ettari di sterpaglie e boscaglia a Collelongo, nell’aquilano. Sono in corso le operazioni di spegnimento dei  vigili del fuoco, dei volontari della protezione civile anche di Tagliacozzo. I mezzi aerei hanno eseguito numerosi lanci per fermare le fiamme.

Ancora fumo sulle 4 corsie nell’area industriale di Pratola Peligna e Sulmona, sempre nell’aquilano, all’imbocco per Napoli/Roccaraso, per un vasto incendio sterpaglie, sviluppato nel primo pomeriggio che è stato fortunatamente spento grazie al tempestivo intervento dei vigili del fuoco di Sulmona e l’Aquila, della protezione civile locale e con l’ausilio di una cisterna di un’azienda del luogo.

mariatrozzi77@gmail.com

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Cava Le Grottelle: Stop agli scarichi dal Consiglio di Stato. Ritardi nella bonifica

Avezzano (Aq). É stata scongiurata, per la seconda volta, la ripresa dell’attività di scarico dei fanghi industriali nella cava Le Grottelle di Collelongo. La IV sezione del Consiglio di Stato ha respinto l’appello cautelare, della società di Trasacco  (Aq) che gestisce il sito, per la riforma dell’ordinanza del Tribunale amministrativo regionale (Tar Abruzzo) che ha statuito “il divieto di prosecuzione attività per il recupero rifiuti a carico della ditta Tamburro” emesso dal settore ambiente della Provincia dell’Aquila il 10 febbraio 2016.

Read more

Scongiurato dai Carabinieri Forestali il ‘lancio di selvaggina’ in aree vietate, denunciato dal WWF

Sulmona (Aq). Il WWF ringrazia i Carabinieri Forestali in particolar modo quelli che vigilano nel Parco nazionale della Majella. È solo grazie a loro che è stato scongiurato, nei giorni scorsi, un gravissimo danno ambientale con il lancio in natura di Lepri europee, d’allevamento, in territori nei quali tale pratica è proibita. L’associazione ambientalista propone di proibire al 100% l’immissione del territorio abruzzese di Lepri europee per evitare che si possa arrecare danno alla preziosa Lepre italica.

Read more

Fanghi dalla Toscana a Collelongo: mercoledì udienza al Tar sul caso della cava Le Grottelle

Il pozzo d’acqua potabile è salvo, per il momento. La buona notizia per centinaia di famiglie della Vallelonga che si dissetano grazie all’impianto che attinge acqua dalla falda, a 300 metri dalla cava di Collelongo, si accompagna al rischio di contaminazione del pozzo che rimane per il Wwf Abruzzo montano. Per questo è a dir poco attesa la decisione del Tribunale amministrativo regionale sul ricorso della ditta Tamburro Remo contro il divieto di prosecuzione dell’attività nella cava incriminata disposto dalla Provincia dell’Aquila, a dicembre 2015, per la difformità qualitativa dei fanghi industriali provenienti dalla Toscana e conferiti a Le Grottelle. Inutile dirlo, la prima conseguenza degli sversamenti compromettono un sito di interesse comunitario nel cuore di un’area protetta importantissima: il Parco nazionale D’Abruzzo, Lazio e Molise. L’udienza dinanzi al Tar è fissata mercoledì 9 novembre, dopo 3 rinvii

Aggiornamento

Read more

Miscelati male e oltre i limiti i fanghi toscani a Collelongo. Il Wwf denuncia, l’amministrazione non ringrazia, anzi!

Collelongo (Aq). É allarmismo se un’associazione ambientalista s’interessa dello sversamento di fanghi provenienti dalla Toscana? Lo è se chiede il monitoraggio della falda acquifera perché le concentrazioni di sostanze inquinanti nei fanghi toscani vanno oltre i limiti di legge? Per l’amministrazione di Collelongo è allarmismo gratuito quello del Wwf Abruzzo montano per l’ex Cava Le grottelle. L’associazione ambientalista ha chiesto semplicemente che nell’area interessata dagli sversamenti sia eseguito un monitoraggio costante dell’acqua di falda. I fanghi toscani preoccupavano già prima che venissero scaricati in alta quota e sin dalla culla, in Toscana, non rientravano nei parametri di legge per la miscelazione, a confermare sono gli esiti delle analisi dell’agenzia per l’ambiente (Arpa toscana). Se non v’è dubbio sulla miscelazione sbagliata e sulla concentrazione di idrocarburi pesanti nei fanghi toscani gettati nell’ex cava, resta una domanda: perché l’amministrazione non si mobilita a chiedere un monitoraggio della falda e critica solerte il Wwf Abruzzo montano che ha colmato la lacuna amministrativa per garantire sicurezza per la falda e salute per i cittadini?  

Aggiornament01 e 2Archivio

Read more

Fanghi industriali della Toscana nella cava di Collelongo

Entroterra abruzzese. Ci mancavano solo i fanghi industriali della Toscana, residuo delle produzioni di carta igienica ecologica, in una cava  sull’Appennino abruzzese prossima ad una sorgente e ad un acquedotto. La Vallelonga è  sotto attacco ambientale?

Aggiornament0 1,  2 e 3 

Read more

Marijuana coltivata in serra arresto a Collelongo

Collelongo (Aq). Un pollice verde stupefacente coltivava marijuana in serra, dentro casa. L’uomo è finito in manette per detenzione e coltivazione di sostanza stupefacenti ai fini di spaccio, oltre 140 grammi di marijuana sequestrati dai carabinieri di Avezzano (Aq).

Read more

Avvelenamenti nel Parco d’Abruzzo unità Antidoto in azione

Avvelenamenti nel Pnalm Report-age.com 2015Collelongo (Aq). Due bocconi avvelenati, 2 cornacchie ed una volpe morte, le ricerche di Guardiaparco e agenti del Corpo forestale dello Stato sono scattate a seguito del ritrovamento di 2 carcasse di  volpe avvenuto nei giorni scorsi nei pressi di Amplero, località al confine tra i Comuni di Villavallelonga e Collelongo, nell’area di protezione esterna del parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. La nontagna è stata setacciata da parte a parte, per due giorni interi, con l’ausilio del nucleo cinofilo antiveleno del del Gran Sasso-Laga, nel corso della quale sono stati rinvenuti due bocconi avvelenati, 2 cornacchie ed un’altra di volpe morte.

Read more

Una decina di volpi morte, forse avvelenate. Si annuncia una strage nel Pnalm

Volpe Report-age.com 2015Pescasseroli (Aq). All’esame del veterinario del Pnalm risulterebbero morte avvelenate le 5 volpi rinvenute ieri sul versante marsicano dell’area di protezione esterna del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Purtroppo gli avvelenamenti segnalati anche all’Associazione Salviamo l’Orso sembrano confermati dall’autorità del Parco nazionale d’Abruzzo, in tutto sarebbero 9 le volpi morte in questi giorni, è l’ennesimo atto di delinquenza contro la fauna selvatica e l’area protetta. Il presidente di Salviamo L’Orso, Stefano Orlandini, chiede che venga proibita qualsiasi attività nelle aree interessate da queste morti davvero sospette.
Read more