Tag: chiuse

Provinciale 487 forse riaprono. Protestano anche i motociclisti

Pacentro (Aq). Di fatto la provinciale 487 resterà con i blocchi rimossi al margine, in sostanza aperta per la pulizia, ma agli atti chiusa verso Passo San Leonardo.  Si prevedono a giugno i lavori di messa in sicurezza del tratto, il condizionale è d’obbligo perché dietro questo intervento, previsto dall’inizio dei tempi, si celano tutte le disattenzioni e le incapacità passate della Provincia.

Copertina di Pasquale Di Toro Continua a leggere “Provinciale 487 forse riaprono. Protestano anche i motociclisti”

Isolati d’alta quota uniti nella protesta per le strade provinciali: ‘Aprite almeno ai veicoli a 4 ruote’

Pacentro (Aq). Se ne parla da tempo, ma gli amministratori rassicuravano sarebbe andato #tuttoaposto e invece? Arrivano i blocchi al posto delle tanto attese transenne e semafori per regolare il transito per molte arterie di montagna devastate. É tutto a posto per chi chiuse le strade da un’ufficio al calduccio in Provincia perché non conosce le difficoltà di doversi muovere e di contare sui collegamenti per le proprie attività ricettive, commerciali e artigianali già messe a dura prova da un decennio di crisi economica endemica. Completamente chiuse dalla Provincia dell’Aquila e stamane l’ennesimo corteo di protesta di un centinaio di persone si muove per chiedere ancora la messa in sicurezza di questi importanti collegamenti viari e di rendere fruibili i tratti d’alta quota almeno alle vetture, vietandoli solo alle 2 ruote. Basterà protestare?

Aggiornamento 1 e 2 Continua a leggere “Isolati d’alta quota uniti nella protesta per le strade provinciali: ‘Aprite almeno ai veicoli a 4 ruote’”

Da oggi Campo di Giove raggiungibile solo da Sulmona: chiusa la strada per Fonte Romana

Da oggi Campo di Giove (Aq), nel cuore del monte Maiella, è raggiungibile solo da Sulmona (Aq). Due strade ex regionali e 2 provinciali sono state appena chiuse e ne è sospesa la circolazione stradale con ordinanza provinciale. Le aree interne dell’Abruzzo montano stanno diventando riserve per gli indiani. 

Aggiornamenti: 25.4.2018 e  27.4.2018

Ennesimo incidente mortale e si complica la questione viabilità sulle strade montane, aggiungendo disagi a disagi, in attesa che l’Anas intervenga in sostituzione dell’ente per rimettere in sesto alcune strade provinciali, poche a dire il vero, intanto si procede alla loro chiusura. Le ragioni sono sempre le stesse dal pessimo stato dei piani viabili alla mancanza di manutenzione ordinaria che determinano continui cedimenti del terremo e non garantiscono il minimo di sicurezza sulla arterie montane. La prima chiusa stamane è proprio la strada che da Campo Di Giove (Aq) porta a Fonte Romana, dal km 1 al km 8. Parliamo della fatidica strada provinciale 54 di Fonte Romana già ristretta, in un tratto, alla circolazione a doppio senso di marcia su un’unica carreggiata a disposizione. Da non trascurare i disagi per le aziende di allevamento presenti in alta quota e all’attività ricettiva di Passo San Leonardo praticamente isolata ormai non solo d’inverno. Così Rocchetta Caramanico e Sant’Eufemia sono raggiungibili adesso solo dalla provincia di Pescara. Sospesa la circolazione stradale anche sulla provinciale 487 dal km 36+300 al km 48. La rete viaria della Provincia dell’Aquila presenta, così come dichiarato dall’ordinanza, un diffuso degrado con con cedimenti strutturali dei piani viabili. Il fenomeno ha assunto proporzioni critiche tanto da compromettere la sicurezza della circolazione stradale. Carenze che necessitano di interventi.

 

Riaperta la strada. “La chiusura improvvisa della strada provinciale che da Campo di Giove passa per Fonte Romana, non avrebbe consentito il raggiungimento di tante località turistiche e in particolare del complesso di Passo San Leonardo. Ieri sera abbiamo quindi diffidato via pec la Provincia a consentire il transito e trovato assoluta disponibilità e rassicurazioni del Presidente Angelo Caruso a riaprire la strada sin da stamattina a tutela delle attività economiche altrimenti gravemente penalizzate dall’improvviso provvedimento. Abbiamo avuto la rassicurazione dal Presidente inoltre che l’ordinanza sarà rivista immediatamente.
Pertanto la strada per raggiungere Passo San Leonardo da Campo Di Giove è aperta, contrariamente a quanto comparso sui giornali in line”nota dello studio legare Masci Berghella.

Seggi elettorali orari e sezioni trasferite

Sulmona (Aq). Per le consultazioni elettorali di domenica si voterà dalle ore 7 alle 23 e alla chiusura dei seggi cominceranno le operazioni di scrutinio. Gli uffici comunali saranno aperti oggi e domani dalle ore 9 alle 18 e domenica dalle 7 alle 23.  Per le sezioni elettorali trasferite, le n 2 e n 3 del liceo Classico Ovidio sono ubicate nella scuola elementare Lola Di Stefano in viale Roosvelt. Le sezioni  5, 6, 11, 24 dell’Istituto tecnico Commerciale Antonio De Nino sono ospitate nel liceo Gianbattista Vico di via Togliatti. Le sezioni 8, 9 e 25 della scuola elementare Lombardo Radice sono trasferite nel liceo scientifico Enrico Fermi di via Togliatti. Le sezioni 21 e 22 che della scuola elementare Luciana Masciangioli sono ubicate nel liceo artistico Gentile Mazara di via De Matteis. La sezione 23 della scuola elementare Luciana Masciangioli è ubicata nella scuola media Giuseppe Capograssi di via Dalmazia. Per qualsiasi informazione il recapito telefonico dell’ufficio elettorale del Comune di Sulmona è 0864 242247.

Nella morsa del gelo strade e scuole delle province abruzzesi.

Abruzzo nella morsa del gelo, temperature rigide anche se è tornato il sole, la viabilità è abbastanza buona, ma si raccomanda massima prudenza sulle strade e soprattutto per chi si muove nei centri storici. Pericolo non ancora scampato perché è previsto l’arrivo di un’altra perturbazione per il pomeriggio che interessa anche l’entroterra.

Continua a leggere “Nella morsa del gelo strade e scuole delle province abruzzesi.”

Incendio alla Lombardo Radice di via Togliatti, a Sulmona bruciano le Scuole

Sulmona. Altro incendio in una scuola della città, in un edificio chiuso da settembre sempre per questioni di vulnerabilità sismica. L’odore agre del fumo si avverte a centinaia di metri di distanza, sembra che bruci plastica, raccontano alcuni abitanti del quartiere.

Aggiornamento 1 e

Continua a leggere “Incendio alla Lombardo Radice di via Togliatti, a Sulmona bruciano le Scuole”

Di Giandomenico: ‘Scuole senza certificato antisisma da chiudere, lo stabilisce la Cassazione’

Sulmona (Aq). Commette reato chi non chiude scuole mancanti di certificato antisisma, anche se il pericolo è minimo. È la Cassazione ad averlo deciso (sentenza numero 190 del 2018), proprio in questi giorni, per questo il coordinatore del Movimento Italia, Alberto Di Giandomenico, mette in guardia il sindaco di Sulmona, Annamaria Casini. 

Continua a leggere “Di Giandomenico: ‘Scuole senza certificato antisisma da chiudere, lo stabilisce la Cassazione’”

Petizione e lettera al Sindaco per restituire il Liceo Ovidio a Sulmona

Sulmona (Aq). Con una petizione chiedono con forza la messa in sicurezza e la restituzione alla città del pregiato e insostituibile edificio simbolo della tradizione culturale sulmonese: il liceo classico Ovidio. Al sindaco Annamaria Casini si chiede una risposta pubblica perché dopo 8 anni l’edificio è ancora chiuso e interdetto agli studenti e alla cittadinanza. Quali sono gli ostacoli che si devono rimuovere, quali sono i tempi perché l’edificio sia restituito alla Città?

Continua a leggere “Petizione e lettera al Sindaco per restituire il Liceo Ovidio a Sulmona”

Strada facendo scoprirai che Camminare non è poi tanto Male

Sulmona (Aq). Riparate e appena dopo di nuovo bucate, franate e in alcuni casi persino sprofondate le vie di Sulmona, dal viale della Stazione a viale Mazzini è tutto un buco.

Vignetta del 13.1.2018

Continua a leggere “Strada facendo scoprirai che Camminare non è poi tanto Male”

Bussi. La verità finora nascosta dei Tunnel tombati. I terreni delle officine presto al Comune. Le prime immagini della galleria della morte

di Maria Trozzi

Bussi sul Tirino (Pe). Semplicemente ufficiosa, la notizia di un accordo di programma tra il Comune di Bussi e la Solvay (società che gestisce il polo chimico), da sottoscrivere entro poche ore, fa scattare l’allarme e suona l’ora per i misteriosi tunnel tombati, molti ne parlano e uno lo abbiamo scovato. L’accordo sta per essere concluso in sordina, ma vista la materia del contendere, l’intesa imporrebbe, come minimo, una delibera di giunta comunale, ma non funziona così nel Comune di Bussi sul Tirino. L’incognita sull’oggetto dell’accordo potrebbe essere il preliminare per il passaggio dei terreni del sito industriale della società al comune di Bussi sul Tirino? Se fosse, ma anche se non fosse, cedere a Bussi la proprietà dei terreni delle officine ora sarebbe un grosso errore, uno sbaglio imperdonabile in questa situazione di estrema incertezza. Il comune diventerà proprietario di un’area in cui si nascondono ancora troppi misteri e terribili segreti. Un passo falso sulla vicenda della bonifica del sito dell’entroterra Abruzzese potrebbe riguardare proprio le analisi svolte per conoscere quanto e come è stato inquinato il sito, caratterizzazioni si chiamano in gergo. Non mancheranno i rimorsi per chi firmerà l’accordo che è una condanna a morte anche alla luce della scoperta del primo dei tanti tunnel tombati che sarebbero stati scavati a Bussi Officine e di cui non si sa assolutamente nulla, o quasi. Cosa c’è di vero? Anzitutto l’esclusiva di Report-age.com che pubblica 2 immagini incredibili (Foto Trozzi) di una galleria mastodontica, oggi usata come rimessa, lì dentro però non è dato sapere cosa è stato nascosto e tombato per quasi un secolo. A quanto pare la caratterizzazione di questi spazi underground è inesistente, non è indicata nella mole di documentazione che tratta delle analisi per la messa in sicurezza e la bonifica del sito a cui partecipa anche l’Agenzia regionale per la tutela dell’ambiente. I tunnel tombati non sono menzionati in nessuna delle recenti carte e ricerche rese note sul caso Bussi. 

Continua a leggere “Bussi. La verità finora nascosta dei Tunnel tombati. I terreni delle officine presto al Comune. Le prime immagini della galleria della morte”

Parco della Maiella. Via per Caramanico: franata in più punti mezza carreggiata

Via Caramanico Foto Trozzi Di Gregorio Report-age 2015
Foto Maria Trozzi

Campo Di Giove – Pacentro (Aq). I sindaci di Pacentro e Campo Di Giove dovrebbero davvero correre ai ripari e incontrarsi per fare il punto della situazione per le provinciale 54 e 487 e dare una bella tiratina d’orecchi alla Provincia. Nemmeno un mese fa con un articolo il nostro Report-age.com avvisava delle pessime condizioni della strada provinciale che da Campo Di Giove conduce a Passo san Leonardo, crepe vistose ed impressionanti erano di nuovo comparse lungo un tratto più volte e in più anni soggetto a smottamenti e frane, ma con le nevicate e il maltempo di questo inverno le cose sono davvero peggiorate, c’era da immaginarselo e occorreva correre ai ripari. E’ accaduto il peggio purtroppo, la strada ha ceduto sotto il peso della neve e dell’acqua e non solo le fenditure si sono spaventosamente ingrandite a vista d’occhio, la neve sciogliendosi ha buttato giù mezza carreggiata in più punti, la strada è chiusa e si registrato disagi e difficoltà per la comunità montana.

Aggiornamento 2018 Continua a leggere “Parco della Maiella. Via per Caramanico: franata in più punti mezza carreggiata”

SOS strade, Campo Di Giove è quasi isolata. Commercianti e imprenditori pronti alla rivolta

Strada provinciale 54 Report-age.com 2015Campo di Giove (Aq). Per il momento, ma non solo a causa delle frane, ci siamo giocati le strade provinciali 55 e 54 che collegano Campo Di Giove con il resto del mondo, la provinciale 55 mette in comunicazione Cansano con il Bosco di Sant’Antonio e Pescocostanzo, in alta quota nell’aquilano, e per il resto siamo messi davvero male da quelle parti con la linea ferroviaria in funzione solo per i viaggi turistici, con la strada provinciale per Pacentro chiusa a causa di 3 frane e la Morronese, ex ss 487, bloccata dopo Pacentro e prima del bivio per Campo di Giove, anche per la poca tempestività degli interventi programmati per mettere in sicurezza la via di comunicazione, i soldi sono stati stanziati dalla Regione. Interviene l’Associazione commercianti e imprenditori di Campo di Giove che denuncia, a questo punto, l’assoluto abbandono in cui la località montana è stata lasciata dai rappresentanti degli enti territoriali.

Aggiornamento 1 e 2 Continua a leggere “SOS strade, Campo Di Giove è quasi isolata. Commercianti e imprenditori pronti alla rivolta”

Acqua giallognola sul viale dei Pini nella città delle ciliege è mistero

Raiano (Aq). In località Forme, proprio di fronte lo Chalet di Raiano, la fontanella dicono sia stata chiusa dai tecnici della Saca, Società dei servizi idrici ambientali del Centro Abruzzo. Continua a leggere “Acqua giallognola sul viale dei Pini nella città delle ciliege è mistero”